La sanzione per la mancata tenuta delle scritture contabili è unica - Diario Quotidiano del 10 Febbraio 2020

Nel DQ del 10 Febbraio 2020:
1) Stop all’applicazione delle ritenute fiscali sugli appalti con il Durf
NOTIZIA IN EVIDENZA – 2) La sanzione per la mancata tenuta delle scritture contabili è unica
3) Rimborso IVA con garanzia fideiussoria non sospendibile
4) Gli intermediari del credito: l’evoluzione normativa e riserve di attività
5) Programma di formazione dei revisori legali 2020: gli aggiornamenti al protocollo d’intesa MEF – CNDCEC
6) Proroga della pensione anticipata c.d. opzione donna
7) Requisiti di accesso al pensionamento
8) Si applica l’IVA al 22% sugli apparecchi per aerosol
9) Guida del fisco sul bonus mobili aggiornata
10) Niente nota di variazione IVA se manca l’ammissione al passivo fallimentare
11) Concordato fallimentare con assuntore: soggetto legittimato agli adempimenti fiscali
12) Per le sponsorizzazioni europee, ok all’emissione di fatture fuori campo IVA in reverse charge
13) Ritenute su redditi di lavoro dipendente prodotto in Italia da un soggetto fiscalmente non residente
14) Niente imposta di donazione sul trasferimento del controllo della Super Holding

La sanzione per la mancata tenuta delle scritture contabili è unica

 

La contabilità è sempre considerata in modo unitario, non è, quindi, possibile irrogare una sanzione per ogni tipologia di imposta, come avvenuto con l’atto di contestazione delle sanzioni impugnato nel presente giudizio. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 34519 del 27 dicembre 2019, ha accolto il sesto ed ultimo motivo di ricorso presentato da una Srl, atto ad evidenziare l’avvenuta violazione dell’art. 112 cpc, in relazione all’art. 360 n. 4 cpc, laddove nell’atto di contestazione era stata applicata due volte la sanzione per mancata tenuta delle scritture contabili in conformità delle prescrizioni di legge, una volta ai fini dell’IRAP ed una seconda volta ai fini dell’IVA e la riduzione della sanzione una sola volta.

 

sanzione per la mancata tenuta delle scritture contabili è unicaParola alla Cassazione

 

Ebbene, la Suprema corte ha ritenuto tale motivo fondato poiché si è correttamente dedotto un vizio di omessa pronuncia, ai sensi dell’art. 112 c.p.c., sulla specifica doglianza riproposta in appello (CTR) che prospettava specificamente tale questione – riportata nel ricorso per cassazione – in modo da rendere necessaria una pronuncia su di essa, che non è intervenuta poiché la sentenza della Commissione tributaria regionale impugnata non ha speso una sola parola su tale punto ed anzi non ha neppure indicato tale motivo di appello incidentale nella parte espositiva.

Dunque, il sesto motivo di ricorso è stato accolto con conseguente cassazione sul punto della sentenza impugnata.

Peraltro, non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la questione può essere decisa da questa Corte nel merito, ai sensi dell’art. 384, 2° co., c.p.c., con l’accoglimento del motivo del ricorso iniziale della società contribuente con riguardo alla doglianza di duplicazione delle sanzioni.

Infatti, ha spiegato, la Cassazione, l’art. 9 del D. Lgs. n. 471 del 1997, che riguarda le violazioni degli obblighi relativi alla contabilità, prevede che:

“1. Chi non tiene o non conserva secondo le prescrizioni le scritture contabili, i documenti e i registri previsti dalle leggi in materia di imposte dirette e di imposta sul valore aggiunto ovvero i libri, i documenti e i registri, la tenuta e la conservazione dei quali è imposta da altre disposizioni della legge tributaria, è punito con la sanzione amministrativa da lire due milioni a lire quindici milioni.

2. La sanzione prevista nel comma 1 si applica a chi, nel corso degli accessi eseguiti ai fini dell’accertamento in materia di imposte dirette e di imposta sul valore aggiunto, rifiuta di esibire o dichiara di non possedere o comunque sottrae all’ispezione e alla verifica i documenti, i registri e le scritture indicati nel medesimo comma ovvero altri registri, documenti e scritture, ancorchè non obbligatori, dei quali risulti con certezza l’esistenza.

3. La sanzione può essere ridotta fino alla metà del minimo qualora le irregolarità rilevate nei libri e nei registri o i documenti mancanti siano di scarsa rilevanza, sempreché non ne sia derivato ostacolo all’accertamento delle imposte dovute. Essa è irrogata in misura doppia se vengono accertate evasioni dei tributi diretti e dell’imposta sul valore aggiunto complessivamente superiori, nell’esercizio, a lire cento milioni”.

 

Risulta, quindi, evidente, affermano i giudici di legittimità, che la norma fa riferimento alle scritture contabili, i documenti e i registri obbligatori ai fini II.DD. e Iva e cioè ai documenti “comuni” alle due tipologie di imposta per cui appare improprio irrogare una sanzione per ogni tipologia di imposta, come avvenuto con l’atto di contestazione delle sanzioni impugnato nel presente giudizio.

Già l’uso della congiunzione “e” richiama il riferimento alla contabilità comune alle diverse tipologie di imposte ed, anche nei commi successivi della disposizione, la contabilità è sempre considerata in modo unitario, il che non consente di applicare…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it