Brexit: si applicano le regole IVA europee fino al 31 dicembre 2020 - Diario Quotidiano del 30 Gennaio 2020

Nel DQ del 30 Gennaio 2020:
1) La cartella di pagamento per INAIL si prescrive in cinque anni
2) Durata quinquennale per la prescrizione dei crediti previdenziali iscritti a ruolo, è un principio “intoccabile”
3) Tax credit beni materiali da comunicare al MISE con apposito modello e nelle fatture occorre l’apposita dicitura
NOTIZIA IN EVIDENZA – 4) Brexit: il Regno Unito lascia l’Unione Europea, ma continuerà ad applicare le consuete regole IVA e accise fino al 31 dicembre 2020
5) Rimborso accise sul gasolio commerciale: dal 1° aprile 2020 si cambia
6) Portale vendite & prassi dei Tribunali: ora disponibile il nuovo studio del Notariato
7) Contratto di rete tra professionisti: parere del Mise, attesa per i professionisti, ok per le STP
8) Servizio verifica codici fiscali “out” fuori servizio per alcuni giorni
9) Scambio di informazioni fiscali sulle società sportive: rinnovata l’intesa tra Federazione Pallacanestro e Agenzia Entrate
10) Per il Cndcec, natura speciale della giurisdizione tributaria intoccabile
11) Attrezzature di lavoro: formazione ed addestramento
12) INPS: esiti di sperimentazione avviati

4) Brexit: il Regno Unito lascia l’Unione Europea, ma continuerà ad applicare le consuete regole IVA e accise fino al 31 dicembre 2020

 

Restano gli adempimenti Intrastat e la circolazione dei cittadini con il solo documento di identità (senza, quindi, la necessità di richiedere il passaporto per recarsi ad es. a Londra) almeno fino al mese di dicembre 2020.

E’ quanto si evince dalla lettura delle prime indicazioni utili pubblicate il 29 gennaio 2020 sul sito internet delle Dogane italiane.

 

Brexit: si applicano le regole IVA europee fino al 31 dicembre 2020

Brexit: cosa succederà il 31 gennaio 2020?

 

Ebbene, secondo quanto riferito dall’Agenzia delle Dogane, nel comunicato del 29 gennaio 2020, ancora nulla di particolare, semplicemente entrerà in vigore il regime transitorio, dunque, il Regno Unito lascia l’Unione Europea, ma continua ad applicarne le regole doganali e fiscali (IVA e accise) fino al 31 dicembre 2020.

L’Europarlamento ha ratificato il 29 gennaio 2020 il testo dell’accordo di recesso del Regno Unito dall’Unione Europea.

Si è trattato dell’ultimo tassello che ancora mancava per formalizzare l’accordo, il cui testo era stato approvato il 17 ottobre 2019 dal Consiglio europeo (assieme alla Dichiarazione Politica sul quadro delle future relazioni) e il 9 gennaio 2020 dalla Camera dei Comuni del Parlamento britannico, per poi essere ratificato il 22 gennaio 2020 dalla Camera Alta del Regno Unito e controfirmato il 24 gennaio 2020 dalla regina Elisabetta II.

L’Agenzia delle Dogane ricorda che tale accordo regola il recesso britannico in modo ordinato per cittadini e imprese, prevedendo un periodo transitorio che va dal 1° febbraio al 31 dicembre 2020.

 

Brexit e disciplina Intra: per l’anno 2020 resta tutto invariato

 

Fino alla fine del 2020, dunque, resta tutto invariato: la normativa e le procedure UE in materia di libera circolazione delle persone, dei servizi, dei capitali e delle merci manterranno la propria vigenza nel Regno Unito.

Dunque, si continueranno a presentare i modelli Intrastat almeno fino a quelli riferiti al prossimo mese di dicembre (si vedranno meglio poi tutti i particolari).

 

Dal 2021 stop alla disciplina Intra

 

Solo dopo il 31 dicembre 2020, salvo diverso nuovo accordo, il Regno Unito non sarà più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell’Unione Europea.

La circolazione delle merci tra UK e UE verrà, dunque, considerata commercio con un Paese terzo.

 

In attesa di nuove regole

 

Entro quella data Unione Europea e Regno Unito potranno però stabilire regole chiare e più vantaggiose per le merci che entrano, escono o transitano attraverso il territorio doganale e fiscale dell’Unione e del Regno Unito.

Il 2020 sarà dunque l’anno dei negoziati tra il Regno Unito e l’Unione Europea (e i suoi Paesi).

 

Per tutte le novità Intra applicabili nel 2020 approfondisci qui

 

A cura di Vincenzo D’Andò

Giovedì 30 Gennaio 2020

 

Per proseguire nella lettura delle altre notizie del Diario Quotidiano, scarica il PDF sul tuo pc!

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA