Falcidia Iva applicabile anche nel sovraindebitamento - Diario Quotidiano del 3 Dicembre 2019

Nel DQ del 3 Dicembre 2019:
1) ISA 2019: avvertenze aggiornate al 29 novembre 2019
2) Dal 2020 niente più esenzione Iva per le scuole sportive, comprese le scuole di nuoto
NOTIZIA IN EVIDENZA – 3) Falcidia Iva applicabile anche nel sovraindebitamento
4) Contributi per il collaboratore dell’impresa anche se non tenuta alla copertura previdenziale
5) Tra le misure approvate dall’esecutivo, il rinvio del modello 730 al 30 settembre, allentata la stretta sulle ritenute negli appalti
6) Rilascio del PIN dall’INPS: dopo il censimento da parte degli Ordini provinciali, il Commercialista potrà recarsi presso la struttura territoriale esibendo il modulo “SC64”
7) Rimborsi Iva solo per viaggiatori residenti fuori dalla UE non soggetti passivi d’imposta nel loro Paese
8) Operazioni registri immobiliari: esce di scena “programma NOTA”
9) Servizio Anagrafico Massivo – SM1.02 – Verifica del codice fiscale
10) L’indipendenza del revisore legale: disciplina e nuove pronunce giurisprudenziali
11) Assegno ordinario di invalidità e indennità NASpI
12) ANPAL: Garanzia Giovani su MyANPAL – l’area riservata di ANPAL

3) Falcidia Iva applicabile anche nel sovraindebitamento

Falcidia IVA: l’IVA è falcidiabile nell’accordo di composizione della crisi.

La Corte Costituzionale (cfr. sentenza n. 245 del 29/11/2019), in linea col nuovo Codice della crisi e dell’insolvenza, elimina il divieto ad oggi esistente.

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoLa Consulta finalmente prende posizione sulla falcidia del tributo comunitario: l’Iva dovuta all’erario può essere decurtata in sede di procedura.

 

Falcidia IVA: il parere della Consulta

L’Iva dovuta all’Erario è decurtabile anche nelle procedure paraconcorsuali previste per i soggetti non fallibili: la legge n. 3/2012, che, nell’ambito della composizione della crisi da sovraindebitamento, vieta la falcidia del tributo, ammessa invece dalla legge fallimentare, contrasta con il principio di uguaglianza di cui all’articolo 3 della Costituzione.

La Corte Costituzionale, con la recentissima sentenza n. 245 del 29 novembre 2019, nel dibattito sul tema della falcidia dell’IVA nell’accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale, per contrasto con gli artt. 3 e 97 Cost., dell’art. 7 comma 1 terzo periodo della L. 3/2012, limitatamente alle parole: “all’imposta sul valore aggiunto”, così superando anche il precedente orientamento (Corte Cost. nn. 225/2014 e 232/2015).

Nel caso di specie, la proposta di accordo di composizione della crisi prevedeva la soddisfazione parziale dei crediti concorsuali, compresi quelli privilegiati, attesa l’incapienza dei beni sui quali gravava la prelazione.

 

Diario Quotidiano del 3 Dicembre 2019

a cura di Vincenzo D’Andò

 

 

Per leggere le altre notizie del Diario Quotidiano, apri il PDF!

 

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it