Fattura dei pedaggi autostradali – Diario Quotidiano del 4 Novembre 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 4 novembre 2019



Nel DQ del 4 Novembre 2019:
1) Entro il 20 dicembre 2019 la scelta per consultare le fatture sul web delle Entrate
2) Appalti, responsabilità divisa: l’analisi del fisco
NOTIZIA IN EVIDENZA - 3) Termini di richiesta delle fatture sui pedaggi autostradali
4) Procedure concorsuali, operazioni ad esigibilità differita effettuate dall’imprenditore in bonis: non recuperabile l’IVA versata dal curatore
5) Detassazione Premi di Risultato erogati in esecuzione di contratti aziendali
6) Obbligo di presentazione della dichiarazione di successione del curatore di eredità giacente e conseguente trascrizione e voltura degli immobili costituenti l'attivo ereditario
7) Revisione enti locali: fruibile dal 31 ottobre 2019 il corso gratuito online
8) Governo si impegna sull’equo compenso: arriva la proposta dei Commercialisti sui parametri professionali
9) La tutela della privacy del lavoratore controllato a distanza
10) Adempimenti del datore di lavoro in caso di fruizione da parte del lavoratore di aspettativa o distacco sindacale ovvero aspettativa per cariche pubbliche elettive

Termini di richiesta delle fatture sui pedaggi autostradali

La richiesta del cliente va fatta entro il termine previsto per l’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA (ovvero, per l’anno in cui è sorto il diritto).
L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 454 del 31 ottobre 2019, fornisce dei chiarimenti sulle modalità operative l’emissione delle fatture nel caso di pedaggi stradali.

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoGli enti concessionari di autostrade sono esonerati dall’obbligo di fatturazione relativamente ai pedaggi percepiti per i transiti autostradali, salvo richiesta del cliente, che può essere fatta al più tardi entro il termine previsto per l’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA, vale a dire con la dichiarazione relativa all’anno in cui è sorto il diritto stesso.

Tali fatture devono essere emesse in formato elettronico, con una numerazione distinta, e l’im