Causa di esclusione ISA per l’impresa inattiva - Diario Quotidiano del 13 Novembre 2019

Nel DQ del 13 Novembre 2019:
1) Pace fiscale: rata entro il 2 dicembre
2) Plusvalenza derivante dalla cessione d’azienda: non tassabile nel regime forfettario
IN EVIDENZA: 3) Causa di esclusione ISA per l’impresa inattiva
4) Trattamento fiscale dei costi sostenuti per l’acquisto dei terreni e per la costituzione a tempo determinato del diritto di superficie o di usufrutto su terreni altrui
5) Versamenti in acconto imposte dirette: ecco i chiarimenti delle Entrate
6) Nuovi gruppi di minori dimensioni: obbligo di redazione del bilancio consolidato
7) Asili nido gratis dal 1° gennaio 2020
8) Commercialisti in prima linea nella battaglia per la legalità
9) Fondazione Studi Consulenti del Lavoro: le risposte su licenziamenti e ritenute fiscali negli appalti
10) Licenziamento legittimo se l’azienda è in sofferenza
11) Ritenute fiscali in caso di appalto, alla luce delle modifiche introdotte dal D.l. 124/2019
12) Ritenute fiscali in caso di appalto: il Durc fiscale eviterà complicanze

Causa di esclusione ISA per l’impresa inattiva

La società che si è costituita nel 2017 e è iscritta presso il registro delle imprese nel 2018 come impresa “inattiva” deve indicare come causa di esclusione dagli ISA quella del periodo di non normale svolgimento dell’attività.

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoLo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 479 del 11 novembre 2019.

Per il caso relativo all’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale, e in particolare dell’articolo 9-bis, comma 6, del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, secondo il quale “gli indici non si applicano ai periodi d’imposta nei quali il contribuente: a) ha iniziato o cessato l’attività ovvero non si trova in condizioni di normale svolgimento della stessa“, l’Agenzia osserva quanto segue.

Tale disposizione prevede che gli indici non si applicano ai periodi d’imposta nei quali il contribuente ha iniziato o cessato l’attività ovvero non si trova in condizioni di normale svolgimento della stessa.

Le istruzioni parte generale ai modelli ISA 2019, approvate con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 30 gennaio 2019 prevedono che:

“Sono esclusi dall’applicazione degli ISA:

a) i contribuenti che hanno iniziato l’attività nel corso del periodo d’imposta” e sono, altresì, esclusi “d) i contribuenti che non si trovano in condizioni di normale svolgimento dell’attività”.

 

In relazione a tale seconda fattispecie le medesime istruzioni chiariscono che

“a titolo esemplificativo, si considera non normale svolgimento dell’attività: […] b) il periodo in cui l’impresa non ha ancora iniziato l’attività produttiva prevista dall’oggetto sociale, ad esempio perché: – la costruzione dell’impianto da utilizzare per lo svolgimento dell’attività si è protratta oltre il primo periodo d’imposta, per cause indipendenti dalla volontà dell’imprenditore; – non sono state rilasciate le autorizzazioni amministrative necessarie per lo svolgimento dell’attività; – è svolta esclusivamente un’attività di ricerca propedeutica allo svolgimento dell’attività produttiva di beni e servizi, sempreché l’attività di ricerca non consenta di per sé la produzione di beni e servizi e quindi la realizzazione di proventi”.

 

Anno d’inizio attività nel Modello ISA

Nei modelli ISA 2019 in cui viene richiesta la compilazione del campo “Anno d’inizio attività” le relative istruzioni chiariscono che: “Il dato riguardante l’anno di inizio attività deve essere fornito facendo riferimento alla relativa dichiarazione di inizio dell’attività comunicata all’Amministrazione Finanziaria“.

Alla luce di ciò, l’Agenzia delle entrate osserva che la causa di esclusione di cui al comma 6 dell’art. 9-bis relativa all’inizio attività può essere dichiarata per il periodo di imposta per il quale la dichiarazione di inizio dell’attività è stata comunicata all’Amministrazione finanziaria.

Al ricorrere delle medesime condizioni per i periodi d’imposta successivi, può essere dichiarata la causa di esclusione relativa al non normale svolgimento dell’attività.

Nel caso di specie, quindi, poiché la società istante ha dichiarato all’Amministrazione finanziaria l’inizio dell’attività il 19 dicembre 2017, potrà essere esclusa dagli ISA nel 2018 nel caso in cui si trovi in un periodo di non normale svolgimento dell’attività.

 

***

Garante della Lombardia sugli ISA: rapporto di collaborazione e buona fede con i contribuenti, comunque, incrinato

Il Garante della Lombardia si è soffermato sulla funzione che i nuovi Isa rivestono già dal periodo di imposta 2018, rilevando diverse critiche.

Intanto l’algoritmo deve essere, in tutti i suoi aspetti, conoscibile dai destinatari e, quindi, potrà essere sottoposto al sindacato finale del giudice.

In particolare, secondo il Garante il meccanismo di formazione e funzionamento dell’algoritmo degli Isa non è stato reso…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it