Contributo addizionale NASpI nei rinnovi dei contratti a termine - Diario Quotidiano dell'11 Ottobre 2019

Nel DQ dell’11 Ottobre 2019:
1) Fisioterapista con doppio incarico in regime forfettario
2) Eventi sismici: per i versamenti ex sospesi parte la rateizzazione con istanza da presentare entro il 15 ottobre 2019
3) Governo frena sul bonus figli, si farà ma non in manovra
4) Non è una cartiera la società senza una sede operativa adeguata
5) Fisco in audizione parlamentare: arrivano nuovi sistemi informatici per pagare i tributi più facilmente
6) NOTIZIA IN EVIDENZA: Contributo addizionale NASpI nei rinnovi dei contratti a termine
7) Consiglio nazionale dei Commercialisti: nota ai Revisori enti locali per l’Attuazione Agenda Digitale
8) Def: via libera della Camera alla risoluzione di maggioranza con 318 sì
9) Mancato conseguimento di proventi che hanno concorso a formare il reddito in precedenti periodi d’imposta
10) Magazzini automatizzati interconnessi ai sistemi gestionali di fabbrica: iperammortamento legato all’immobile
11) Fusione e transizione ai principi contabili internazionali IFRS

Contributo addizionale NASpI nei rinnovi dei contratti a termine

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, nel documento del 10 ottobre 2019, interviene su alcuni dubbi interpretativi sorti a seguito della proroga del termine di versamento della maggiorazione (0,5%) del contributo addizionale NASpI, per i rinnovi dei contratti a tempo determinato e delle somministrazioni a termine, effettuati nel periodo compreso tra il 14 luglio 2018 e l’agosto 2019.

Lo slittamento del termine dell’addizionale al mese di ottobre 2019 è stato comunicato dall’Inps con il messaggio n. 3447 del 24 settembre scorso, cosicché i datori di lavoro possano esporre, nel flusso di competenza di settembre o di ottobre 2019, i valori complessivi relativi ad ognuno dei rinnovi intervenuti nel periodo sopra indicato, per ogni singolo lavoratore, secondo le modalità operative descritte nella circolare Inps n. 121/2019. Gli esperti della Fondazione Studi si soffermano prima di tutto sull’ambito di applicazione del contributo addizionale, precisando le ragioni per le quali sia possibile ritenere che lo stesso non si applichi al contratto intermittente a tempo determinato.

Nella seconda parte del documento, invece, si interviene sull’alternanza tra un rapporto di lavoro in somministrazione e un contratto a termine tra gli stessi datore di lavoro e lavoratore per lo svolgimento di uguali mansioni, ribadendo che ad ogni rinnovo di contratto di lavoro a tempo determinato, ovvero di somministrazione a tempo determinato, l’incremento dello 0,5% si sommerà a quanto dovuto in precedenza a titolo di contributo addizionale.

Il documento è liberamente scaricabile qui dal sito internet del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro.

Diario Quotidiano dell’11 Ottobre 2019

a cura di Vincenzo D’Andò

Per leggere le altre notizie del Diario Quotidiano, scarica il PDF sul tuo PC!

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it