Si al regime forfettario nel 2019 per il dentista anche lavoratore dipendente - Diario Quotidiano del 17 Settembre 2019

1) ISA & software: arrivate le nuove versioni di controllo per l’invio delle dichiarazioni dei redditi 2019
2) Commercialisti verso la sciopero niente F24 per due giorni in prossimità di fine mese
3) Varie di fisco (Tax credit cinema 2019, Donazione con bonus fiscale, di pregio cinque immobili INPS)
4) Entrate tributarie e contributive di luglio 2019 in sù
5) Si al regime forfettario nel 2019 per il dentista anche lavoratore dipendente
6) Detrazione fiscale anche sugli interventi di sostituzione dei serramenti esterni con altri di diversa tipologia
7) SMS utilizzabile in sede processuale, può formare prova piena
8) Se i fatti sono già noti al Comune, il fisco non può chiedere nulla al contribuente

E’ salvo il regime forfettario, nel periodo d’imposta 2019, per il dentista che lavora, oltre che come libera professionista, anche con contratto d’opera per l’Azienda Sanitaria.

Lo precisa l’Agenzia delle Entrate, nella risposta n. 382 del 16 settembre 2019.

Viene chiarito che nel caso oggetto di interpello non si verifica alcuna trasformazione di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo che la causa ostativa, voluta dal legislatore, intende evitare, permanendo immutato l’assetto negoziale antecedente la modifica normativa.

Difatti, il duplice rapporto di lavoro (rispettivamente relativo all’attività professionale di dentista e lavoratore dipendente) preesisteva all’entrata in vigore della lettera d-bis) del comma 57 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014 e, sulla base di quanto descritto dall’istante, continua a esser tale senza subire alcuna modifica sostanziale.

Ebbene, alla luce di quanto chiarito dalla citata circolare n. 9/E del 2019, non essendo integrata la causa ostativa di cui alla lettera d-bis) del comma 57 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014, l’istante può applicare il regime forfetario nel periodo d’imposta 2019 (ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti).

Viene, infine, evidenziaro che, nel periodo d’imposta 2020, a seguito della scadenza del contratto d’opera sottoscritto dall’istante, e in considerazione della conversione dello stesso in un rapporto di lavoro dipendente – sulla base di quanto descritto nell’istanza – i relativi redditi non saranno riconducibili all’ambito di applicazione del menzionato regime forfettario.

17 settembre 2019

Vincenzo D’Andò

SCARICA QUI L’INTERO DIARIO QUOTIDIANO==>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it