Può una società cedere il credito relativo all'Ecobonus?

Può una società procedere alla cessione del bonus fiscale derivante dalla detrazione fiscale per interventi di efficienza energetica, meglio conosciuto come Ecobonus? L’Agenzia delle Entrate fornisce il suo orientamento in merito con una risposta ad interpello.

 

Ecobonus cessione credito riqualificazione energeticaIn data 23 luglio 2019, l’Agenzia delle Entrate, in risposta all’interpello presentato da un contribuente relativamente a chiarimenti in merito alle modalità di cessione del credito corrispondente alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica (ex art. 14 D.L. n. 63/2013, convertito con modificazioni dalla L. n. 90/2013), si è espressa sulla possibilità per un soggetto di natura societaria (e non persona fisica) di procedere alla citata cessione a terzi di quote della detrazione fiscale derivante da interventi su immobili esistenti finalizzati al conseguimento di risparmi in materia energetica.

Nello specifico, con la risposta n. 303 del 23 luglio 2019, viene chiarito che il credito derivante dalla detrazione per le spese che sono state sostenute da parte di un soggetto societario a seguito dell’esecuzione di interventi di riqualificazione energetica può essere ceduto dal socio della società di persone ad un altro componente della medesima società.

 

La cessione del credito per Ecobonus ai fornitori degli interventi di riqualificazione energetica

 

In merito alla possibilità di operare la cessione del credito corrispondente alle detrazioni spettanti per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici, deve essere ricordato che il legislatore, con l’articolo 1, comma 3, lettera a), n. 10), della Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) ha modificato, a decorrere dal 1° gennaio 2018, l’articolo 14, comma 2-sexies, del Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63, stabilendo la possibilità della cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici ai fornitori che hanno effettuato gli interventi, ovvero ad altri soggetti privati, ad esclusione degli istituti di credito ed intermediari finanziari, con facoltà di successiva cessione del credito.

 

Può una società cedere il credito per Ecobonus? La Risposta delle Entrate

 

Per effetto della modifica dell’articolo 14, comma 2-sexies, del Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63, la cessione riguarda la detrazione fiscale spettante per tutti gli interventi richiamati nel medesimo articolo 14, ivi compresi quelli effettuati sulle singole unità immobiliari.

In merito la Circolare del 18 maggio 2018 n. 11, emanata da parte dell’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Coordinamento Normativo e titolata “Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di efficienza energetica. – Articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90”, nonché la Circolare del 23 luglio 2018 n. 17 emanata da parte dell’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Coordinamento Normativo e titolata “Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di efficienza energetica nonché per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche – articoli 14 e 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 – ulteriori chiarimenti”, hanno fornito chiarimenti circa l’ambito applicativo di tale cessione, considerando le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2018.

Secondo i citati documenti di prassi, e sulla base di un parere reso dalla Ragioneria Generale dello Stato, i soggetti in favore dei quali può essere effettuata la cessione del credito devono essere intesi come i soggetti diversi dai fornitori, sempreché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione.

Nei predetti documenti di prassi è stato, pertanto, precisato che il credito corrispondente alla detrazione in questione può essere ceduto, a titolo esemplificativo, nel caso di interventi condominiali, nei confronti degli altri soggetti titolari delle detrazioni spettanti per i medesimi interventi condominiali ovvero, più in generale, nel caso in cui i lavori vengano effettuati da soggetti societari appartenenti ad un gruppo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it