La stretta fiscale sulle locazioni brevi – Diario quotidiano del 3 luglio 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 3 luglio 2019

1) Codice identificativo unico nazionale per le locazioni brevi
2) Misure in materia di personale delle fondazioni lirico sinfoniche
3) Prestazioni proprie delle case di riposo per anziani: ok al regime di esenzione Iva per tutte le attività
4) Disciplina del Gruppo IVA
5) Fatture elettroniche: via libera per l’adesione al servizio di consultazione del fisco
6) Fattura elettronica: superato il miliardo di file trasmessi
7) Classamento unità immobiliari nei porti di rilevanza nazionale: circolare Agenzia Entrate
8) Al via dal primo luglio lo scontrino elettronico
9) Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi: inapplicabilità delle sanzioni
10) Studio del Notariato: le cooperative di ormeggiatori come società di diritto speciale

1) Codice identificativo unico nazionale per le locazioni brevi

Stretta sulle locazioni brevi: istituito dalla Legge n. 58/2019 il codice identificativo unico nazionale da utilizzare in ogni comunicazione inerente all’offerta e alla promozione dei servizi all’utenza.
La Legge n. 58/2019, che ha convertito il cd. “decreto crescita” (D.L. n. 34/2019), tra le diverse novità ha introdotto, l’art. 13-quater prevede importanti modifiche in materia di locazioni brevi.

Come spiega l’Agenzia delle entrate, per locazioni brevi si intendono i contratti di locazione di immobili a uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni, inclusi quelli che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali, purché siano stipulati da persone fisiche, al di fuori dell'e