La corretta emissione delle Note di Variazione Iva – Diario quotidiano dell’11 luglio 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 11 luglio 2019

1) In arrivo nuovo condono fiscale?
2) Proroga del termine per l’adeguamento degli statuti per gli enti del Terzo Settore
3) Mini-IRES e nuova deducibilità IMU
4) Ulteriori chiarimenti sulla corretta emissione delle note di variazione Iva
5) Modelli F24: soppresse le causali “DINS”, “DMV”, “DMAC”, “RARC” e “EMDM”
6) Pubblicati i dati relativi alle scelte dell'otto per mille
7) Incentivi fiscali per investimenti in start-up innovative e PMI innovative
8) Ecobonus qualificato: cessione credito da trasmettere entro domani
9) Al via il bonus fiscale per il riciclo degli imballaggi
10) Italia-Usa: nuova scadenza per la comunicazione Fatca
11) Ministero del Lavoro: attività di manutenzione dei portali internet
12) L’amministratore che si limita a gestire le società non si iscrive alla gestione commercianti, ma solo a quella separata INPS

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoIl focus di oggi su:

4) Ulteriori chiarimenti sulla corretta emissione delle note di variazione Iva

Nel caso di variazioni in diminuzione, non vi è obbligo di alcuna nota da far transitare nel sistema OTELLO 2.0.

Nel caso di controlli o contestazione, sarà onere del contribuente fornire la prova degli elementi idonei a giustificare la variazione operata ed il collegamento con l’operazione originaria.

La prova richiesta possa essere fornita anche mediante documenti riepilogativi rilasciati dagli intermediari tax free ai propri clienti (cedenti), laddove tali documenti consentano di collegare in maniera certa ed inequivoca l’origina