Le ultime novità sugli ISA 2019 - Diario quotidiano del 6 giugno 2019

1) Proroga delle percentuali di compensazione nel settore agricolo
2) Indici Sintetici di Affidabilità fiscale: arrivate altre modifiche per il 2018, sempre più caos
3) Sul cellulare le quotazioni rilevate dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare
4) Datori di lavoro: documentazione sanitaria su supporto informatico
5) Reddito di Cittadinanza: presentate oltre 1.250.000 domande
6) Commissione europea: Italia non adempiente
6) Italia inadempiente ma entrate tributarie sempre in aumento
7) Vendite dei fabbricati segnano +4,24% rispetto alla prima metà dell’anno
8) Interessi non dovuti sull’iscrizione a ruolo se mancano i giorni iniziali/finali

Diario quotidiano di CommercialistaTelematico

1) Proroga delle percentuali di compensazione nel settore agricolo

2) Indici sintetici di affidabilità fiscale: arrivate il 5/6/2019 altre modifiche per il 2018, sempre più caos

3) Sul cellulare le quotazioni rilevate dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare

4) Datori di lavoro: Tenuta della documentazione sanitaria su supporto informatico

5) Reddito di Cittadinanza: presentate oltre 1.250.000 domande

6) Commissione europea: Italia considerata non adempiente

6) Italia inadempiente ma entrate tributarie sempre in aumento

7) Vendite dei fabbricati segnano +4,24% rispetto alla prima metà dell’anno

8) Interessi non dovuti sull’iscrizione a ruolo se mancano i giorni iniziali/finali

*****

2) Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA 2019): arrivate il 5/6/2019 altre modifiche per il 2018, sempre più caos

ISA indici sintetici di affidabilità fiscale Commercialista TelematicoScandaloso è dire poco, mentre tutti gli addetti ai lavori attendono l’emanazione del motore di calcolo per gli ISA 2019 (sia pure alcune sigle sindacali dei commercialisti avessero chiesto la sostituzione, in corso d’opera, con i consueti studi di settore), il 5 giugno 2019 l’Agenzia delle entrate provvede a pubblicare l’ennesimo provvedimento che rimescola ancora il tutto, modificando i precedenti provvedimenti ed introducendo le specifiche tecniche per la trasmissione delle deleghe massive degli intermediari, alle prese con lo scarico del file precompilato da allegare poi nel programma informatico degli indici.

Ancora una volta, in barba allo Statuto del contribuente, alle associazioni sindacali dei commercialisti e perché no, del Consiglio nazionale dei commercialisti, che più volte, con comunicato stampa, ha rivendicato il rispetto da parte degli organi legislativi italiani, arrivano queste modifiche sconcertanti quanto meno per i tempi sicuramente sbagliati.

Se l’Amministrazione finanziaria non era in grado entro i primi mesi del 2019 di far funzionare i nuovi studi di settore (ISA) avrebbe dovuto, lei stessa, rinviarne la sperimentazione, e non adesso a caro prezzo dei mitici intermediari, ormai martiri del sistema politico italiano.

ISA 2019: il perché delle nuove modifiche

A parte questa breve amara considerazione, nello stesso documento viene spiegato che con il provvedimento Prot. n. 175451/2019 del 4 giugno 2019, pubblicato il 5 giugno 2019, vengono approvate delle modifiche al provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 10 maggio 2019 relativo all’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale all’annualità di imposta in corso al 31 dicembre 2018.

In particolare, vengono aggiornate le specifiche tecniche per la trasmissione, da parte degli intermediari, dei dati dei contribuenti per l’acquisizione massiva degli elementi informativi necessari per l’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale.

Vengono, inoltre, aggiornate le specifiche tecniche relative alla fornitura, da parte dell’Agenzia delle entrate, degli elementi informativi necessari ai fini dell’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale in precedenza citati.

Con il provvedimento in argomento si dispone, altresì, che eventuali ulteriori aggiornamenti delle specifiche tecniche siano pubblicati sul sito internet dell’Agenzia delle entrate e che di tali aggiornamenti sia data relativa comunicazione.

Viene, infine, modificato il provvedimento del 30 gennaio 2019 con l’eliminazione di alcuni refusi presenti nei modelli e nelle istruzioni degli indici sintetici di affidabilità fiscale. In particolare, sono rettificati il frontespizio dei modelli AG41U e AG93U e le istruzioni dei righi F21 e G11.

ISA 2019: modifiche alle specifiche tecniche

Tra le altre: Controlli relativi ai righi da IS1 a IS10
Codice fiscale dei contribuenti per i quali si richiede la fornitura dati ISA
Il codice fiscale dei contribuenti e…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it