Due nuove faq sulla Fattura elettronica - Diario quotidiano dell'8 maggio 2019

1) Successioni e locazioni telematiche: tra gli incaricati anche i patronati
2) Ecobonus e Sismabonus condominiali 2018: visualizzabili online sul sito delle Entrate i “crediti ceduti”
3) Tra le proposte dei Notai d’Europa: agire nella lotta al riciclaggio di denaro
4) Comunicazioni FATCA: aggiornate le istruzioni per la compilazione e trasmissione dei dati
5) Riduzione dei trattamenti pensionistici di importo complessivamente superiore a 100.000 euro su base annua
6) Lavoratori svantaggiati: chiarimenti sul computo nell’impresa sociale
7) Benefici normativi e contributivi e rispetto della contrattazione collettiva
8) Due nuove faq sulla Fattura elettronica

Le notizie di oggi:
1) Successioni e locazioni telematiche: tra gli incaricati anche i patronati
2) Ecobonus e Sismabonus condominiali 2018: visualizzabili online sul sito delle Entrate i “crediti ceduti”
3) Tra le proposte dei Notai d’Europa: agire nella lotta al riciclaggio di denaro
4) Comunicazioni FATCA: aggiornate le istruzioni per la compilazione e trasmissione dei dati
5) Riduzione dei trattamenti pensionistici di importo complessivamente superiore a 100.000 euro su base annua
6) Lavoratori svantaggiati: chiarimenti sul computo nell’impresa sociale
7) Benefici normativi e contributivi e rispetto della contrattazione collettiva
8) Due nuove faq sulla Fattura elettronica

***

8) Due nuove faq sulla Fattura elettronica

Una nota del 7 maggio 2019 di AssoSoftware comunica che sono disponibili 2 nuove FAQ in tema di fattura elettronica.

fatturazione elettronica o e-fatturaA) DELEGA AL SERVIZIO DI CONSULTAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

DOMANDA

Per quanto riguarda la delega al servizio di consultazione delle Fatture Eelettroniche, che decorrerà dal 31 maggio prossimo (come modificato dal Provvedimento del 29 aprile), la FAQ n.61 del 18 aprile dell’AdE recita:
Pertanto, per poter effettuare le operazioni di adesione (o recesso) dal servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche per conto dei propri clienti è necessario che gli intermediari – delegati al servizio di consultazione delle fatture elettroniche prima del 21 dicembre 2018 – acquisiscano nuovamente la delega al servizio di consultazione”.
Poiché non ci risultano chiarimenti ulteriori, chiediamo quale sia la sequenza operativa delle attività a carico degli intermediari.

RISPOSTA

Sulla base delle informazioni note ad AssoSoftware grazie al continuo dialogo con l’Agenzia delle Entrate possiamo suggerire agli intermediari la seguente sequenza operativa:

FASE A

Per chi aveva trasmesso elettronicamente la delega alla consultazione delle FE, la data spartiacque dovrebbe essere la Data inizio validità della delega presente nel tracciato, che dovrebbe corrispondere alla data della firma di conferimento della delega sulla copia cartacea consegnata dal contribuente all’intermediario.
Se Data inizio validità della delega è minore del 21/12/2018 occorre:
1. far firmare il nuovo modello al contribuente, presumibilmente con data maggiore al 18/04/2019 (ovviamente sono valide anche le deleghe già presentate con il nuovo modello dopo il 21/12/2018);
2. trasmettere la nuova delega compilando tutti i dati del tracciato, indicando la stessa data di cui al punto 1 nel campo Data inizio validità della delega
Ovviamente, chi aveva presentato il Modello di delega cartaceo ante 21/12/2018, deve ripresentare il nuovo modello cartaceo (oppure fare la trasmissione telematica della delega)

FASE B

Per tutti i contribuenti (sia quelli per i quali è stata ripresentata la delega di cui alla FASE A, sia quelli per cui non è stata ripresentata la delega), l’intermediario deve “attivare” il servizio di consultazione.
L’attivazione potrà essere fatta:
– per il singolo contribuente, accedendo all’area riservata dello stesso
– massivamente per tutti i contribuenti, dall’area riservata dell’intermediario, con upload di un file csv contenente il CF dei contribuenti per i quali si intende attivare il servizio (del file CSV si attendono le specifiche tecniche).

B) FATTURA ELETTRONICA A CLIENTE ESTERO PRIVATO

esterometroDOMANDA

Come devono essere compilati i campi (‘CessionarioCommittente’ / ‘DatiAnagrafici’) ‘IdCodice’ e/o ‘CodiceFiscale’ nel caso di una fattura transfrontaliera intestata ad un privato (che non ha partita IVA comunitaria)?
Se viene compilato solo il campo <Codicefiscale>, ci ritorna l’errore 306 Codice Fiscale non valido.

RISPOSTA

Nel caso di Cliente estero (compreso il privato) non deve essere compilato il campo <CodiceFiscale> (campo valido solo per i residenti italiani) ma <IdFiscaleIVA> inserendo obbligatoriamente il codice Paese…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it