Va bene la scissione totale non proporzionale di una Snc in favore di due nuove Srl - Diario quotidiano dell'1 aprile 2019

Va bene la scissione totale non proporzionale di una Snc in favore di due nuove Srl - Diario quotidiano dell'1 aprile 20191) Va bene la scissione totale non proporzionale di una Snc in favore di due nuove Srl

2) La definizione agevolata nega la continuazione del contenzioso tributario

3) L’affittuario può esercitare l’opzione per il regime c.d. patent box

4) Iva all’esportazione: vale l’esenzione comunque, anche senza dichiarazione doganale di vincolo delle merci al regime

5) L’aliquota Ires calerà gradualmente dall’anno di imposta 2019 ?

6) Non è contestabile il compenso per la redazione della dichiarazione dei redditi

7) Antiriciclaggio: comunicazione all’UIF anche per le operazioni occasionali

9) Tobin tax non dovuta sulle cessioni con riorganizzazione aziendale

10) CNDCEC: Corso e-learning in materia di privacy

***

1) Va bene la scissione totale non proporzionale di una Snc in favore di due nuove Srl

La scissione totale non proporzionale di una Snc in favore di due Srl di nuova costituzione non realizza alcun vantaggio fiscale indebito.

Lo precisa l’Agenzia delle entrate, con la risposta n. 87/2019, sulla valutazione anti-abuso scissione totale non proporzionale di una società in nome collettivo in favore di due società a responsabilità limitata di nuova costituzione.

La fattispecie oggetto dell’esame antiabuso consta di una scissione totale non proporzionale della società istante (ALFA) a favore di due società beneficiarie di nuova costituzione, aventi forma giuridica diversa da quella della società scissa, a ciascuna delle quali verrebbe assegnata una parte del patrimonio della società scissa, composto, principalmente, da due rami d’azienda affittati (per l’esercizio dell’attività di ristorazione) e da alcuni beni immobili (oggetto di contratti di locazione a uso commerciale); per effetto della predetta operazione straordinaria, la totalità delle quote di partecipazione al capitale sociale di ciascuna società beneficiaria verrebbero assegnate, rispettivamente, a ciascuno degli attuali (due) soci della società scissa.

Nel merito, l’Agenzia delle entrate evidenzia che, in linea di principio, l’operazione di scissione è fiscalmente neutrale, ai sensi dell’articolo 173 del TUIR, e il passaggio del patrimonio della società scissa a una o più società beneficiarie – che non usufruiscono di un sistema di tassazione agevolato – non determina la fuoriuscita degli elementi trasferiti dal regime ordinario d’impresa.

In particolare, i plusvalori relativi ai componenti patrimoniali attribuiti alla/e società beneficiaria/e, mantenuti provvisoriamente latenti dall’operazione in argomento, concorreranno alla formazione del reddito secondo le ordinarie regole impositive vigenti al momento in cui i beni medesimi fuoriusciranno dal regime dei beni relativi all’impresa, ossia, verranno ceduti a titolo oneroso, diverranno oggetto di risarcimento (anche in forma assicurativa) per la loro perdita o danneggiamento, verranno assegnati ai soci, ovvero destinati a finalità estranee all’esercizio dell’impresa.

Sulla base delle dichiarazioni e delle affermazioni dell’istante nonché dell’analisi del contenuto dell’istanza di interpello e della relativa documentazione integrativa sinteticamente riportate nell’esposizione del quesito, l’Agenzia ritiene che l’operazione di scissione societaria prospettata non comporti il conseguimento di alcun vantaggio fiscale indebito, non ravvisandosi alcun contrasto con la ratio di disposizioni fiscali o con i principi dell’ordinamento tributario.

La scissione totale non proporzionale in esame appare, infatti, un’operazione fisiologica finalizzata a consentire agli attuali soci di ALFA di proseguire separatamente l’attività di locazione immobiliare (riferita, altresì, ai due rami d’azienda affittati a soggetti operanti nel settore della ristorazione).

Rimane fermo che l’operazione di scissione dovrà essere effettuata nel rispetto delle prescrizioni normative contenute nell’articolo 173 del TUIR, nonché, ove compatibili, di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it