Crisi di impresa e albo dei curatori: le novità – Diario quotidiano del 17 aprile 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 17 aprile 2019



1) Albo dei curatori della crisi d’impresa da istituire con decreto
2) Codice della crisi e insolvenza delle imprese: decorrenza della riforma allungata
3) Emendabile la dichiarazione oggettivamente errata senza limite temporale
4) Validità delle firme digitali con estensioni “.pdf” e “.p7m”
5) Non producibili in giudizio i documenti con un precedente rifiuto intenzionale
6) Rimborso delle accise sul gasolio anche per i filobus
7) Reato di truffa per chi si sfaccia come consulente/commercialista o altro ancora
8) Fattura elettronica: bollo con il fai da te, la conferma anche da AssoSoftware

1) Albo dei curatori della crisi d’impresa da istituire con decreto

2) Codice della crisi e insolvenza delle imprese: decorrenza della riforma allungata

3) Emendabile la dichiarazione oggettivamente errata senza limite temporale

4) Validità delle firme digitali con estensioni “.pdf” e “.p7m”

5) Non producibili in giudizio i documenti con un precedente rifiuto intenzionale

6) Rimborso delle accise sul gasolio anche per i filobus

7) Reato di truffa per chi si sfaccia come consulente/commercialista o altro ancora

8) Fattura elettronica: bollo con il fai da te, la conferma anche da AssoSoftware

*****

1) Albo dei curatori della crisi d’impresa da istituire con decreto

Per l’iscrizione al futuro Albo dei curatori fallimentari, commissari o liquidatori giudiziali, sarà necessario risultare di essere stati nominati in almeno quattro procedure negli ultimi quattro anni.
I giovani o coloro che non avranno precedenti incarichi non potranno accedere.
Dovranno essere stabilite entro il 1° marzo 2020, con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, le:
- modalità di iscrizione all'Albo;
- modalità di sospensione e cancellazione dal medesimo Albo;
- modalità di esercizio del potere di vigilanza da parte del Ministero della giustizia.

Con lo stesso decreto dovrà, inoltre, essere stabilito l'importo del contributo che deve essere versato per l'iscrizione e per il suo mantenimento, tenuto conto delle spese per la realizzazione, lo sviluppo e l'aggiornamento dell'Albo.
E quanto viene evidenziato in una nota di Tuttocamere.it (Portale delle Camere di commercio), incentrata sul codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.

Albo degli incaricati della gestione e del controllo nelle procedure di regolazione della crisi

L'art. 2 della L. n. 155/2017 ha previsto l'istitu