Conservazione delle fatture elettroniche in stand-by - Diario quotidiano del 4 aprile 2019

1) Conservazione (memorizzazione) fatture elettroniche in stand-by
2) Operazioni “tax free shopping”: fattura non rifiutabile
3) Contributo del 5 per mille 2019: online il software per la compilazione
4) Corsi privati agli universitari senza licenza Miur soggetti ad Iva
5) Compro-Oro: nuova normativa antiriciclaggio
6) Dalle Entrate arriva il “web ticket” per i servizi catastali
7) Class action, sì definitivo Senato: è legge
8) Mancata proroga del beneficio “contributo per i servizi di baby-sitting e per i servizi all’infanzia”
9) Reddito e Pensione di Cittadinanza: online i nuovi modelli
10) Equo compenso, al via tavolo tecnico Giustizia-Ordini

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenze1) Conservazione (memorizzazione) fatture elettroniche in stand-by

2) Operazioni “tax free shopping”: fattura non rifiutabile

3) Contributo del 5 per mille 2019: online il software per la compilazione

4) Corsi privati agli universitari senza licenza Miur soggetti ad Iva

5) Compro-Oro: ecco i chiarimenti del MEF sull’applicazione della nuova normativa antiriciclaggio

6) Dalle Entrate arriva il “web ticket” per i servizi catastali

7) Class action, sì definitivo Senato: è legge

8) Mancata proroga del beneficio “contributo per i servizi di baby-sitting e per i servizi all’infanzia”

9) Reddito e Pensione di Cittadinanza: online i nuovi modelli

10) Equo compenso, al via tavolo tecnico Giustizia-Ordini

*****

1) Conservazione (memorizzazione) fatture elettroniche in stand-by

Conservazione e memorizzazione delle fatture elettroniche: sono questi i punti salienti contenuti nel recente avviso dell’Agenzia delle Entrate:
– fino al 3 maggio 2019 non è necessario (e neppure possibile) fare nulla;
– dal 3 maggio 2019 e per i successivi 60 giorni (quindi fino al 2 luglio 2019) sarà possibile effettuare l’adesione al servizio da parte contribuenti titolari di partita Iva, nonché ai condomini e agli enti non commerciali;
– a partire dal 3 luglio 2019, qualora non si sia effettuata l’adesione al servizio di consultazione, non sarà più possibile visionare e scaricare le fatture ricevute dal sito delle Entrate poiché verranno cancellate e delle stesse rimarranno memorizzati sui sistemi dell’Amministrazione finanziaria esclusivamente come “dati fatture” (dati sintetici).

Assosoftware, con una nota diffusa da qualche giorno, è tornata sulla delicata questione della conservazione (memorizzazione) delle fatture elettroniche.

Anche se il tutto è dovuto ad esigenze di Privacy, sicuramente si sarebbe potuto fare molto di più per gravare sul contribuente – ovvero sul suo intermediario fiscale – questo ulteriore adempimento, il cui mancato assolvimento potrebbe avere conseguenze irreversibili, perlomeno per quei soggetti che non essendo dotati di sistemi avanzati di gestione delle fatture, potrebbero trovarsi impossibilitati a entrare in possesso delle fatture non ricevute o non correttamente memorizzate all’atto del ricevimento.
Dal lato sostanziale occorre trovare una soluzione più tutelante per il contribuente, ma al contempo meno invasiva, rendendo ad esempio sì possibile la cancellazione delle fatture, ma solo su richiesta.
Peraltro, andrebbero almeno esonerati coloro che hanno già richiesto e attivato il servizio di conservazione sostitutiva delle fatture presso l’Agenzia delle Entrate, infatti, si tratta di due servizi che richiedono di fatto le stesse autorizzazioni da parte del soggetto passivo.

Gli effetti sui controlli fiscali

In relazione ai successivi controlli online da parte di verificatori fiscali, possibili indipendentemente dall’opzione e meno, le fatture sono consultabili ma nel rispetto delle attuali normative previste per gli accertamenti fiscali.
L’utilizzo dei dati in essi contenuti per le attività di controllo:
– all’articolo 51 del Dpr 633/1972;
– all’articolo 32 del Dpr 600/1973.

Consulta qui i nostri video dedicati alla fatturazione elettronica

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it