Locazioni: nuova versione del modello RLI - Diario quotidiano del 21 marzo 2019

Locazioni: nuova versione del modello RLI dal 20 marzo 2019 - Diario quotidiano del 21 marzo 20191) Nuovo Modello Iva TR per istanze di rimborso del 1° trimestre 2019

2) Locazioni: nuova versione del modello RLI dal 20 marzo 2019

3) Modifiche al modello 730/2019

4) Definiti i paletti di detraibilità 2018 Irpef per i corsi universitari non statali

5) Trasmissione telematica dei corrispettivi: anche per i soggetti con più punti “CASSA” niente deroghe sulle scadenze

6) Riforma della fiscalità immobiliare: l’audizione parlamentare del direttore Ade

7) Nuova guida per il rilascio dei certificati d’origine delle merci da parte delle camere di commercio

8) Maggiorazione sanzioni: chiarimenti su recidiva

9) Reddito di cittadinanza esentasse: pubblicata la circolare/guida INPS

***

2) Locazioni: nuova versione del modello RLI dal 20 marzo 2019

Al via un restyling per l’RLI. Dal 20 marzo al 19 maggio 2019 saranno accettati entrambi gli schemi, il vecchio e il rivisitato, dal 20 maggio, invece, potrà essere utilizzato esclusivamente il secondo.

Il direttore dell’Agenzia delle entrate, con il provvedimento 19 marzo 2019, ha approvato la nuova versione del modello RLI per la “Richiesta di registrazione e adempimenti successivi – contratti di locazione e affitto di immobili” e delle relative istruzioni. Con l’occasione, arriva il via libera anche alle rinnovate specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati.

L’RLI consente di registrare i contratti di locazione e affitto di immobili e di comunicare eventuali proroghe, cessioni, risoluzioni e subentri, nonché per esercitare o revocare l’opzione per il regime della cedolare secca.

Opzione, e questa è una novità, possibile da quest’anno anche per i contratti relativi a unità immobiliari commerciali di categoria catastale C/1 e relative pertinenze (articolo 1, comma 59, legge 145/2018). È utilizzato, inoltre, per: registrare contestualmente i contratti di affitto di terreni e degli annessi titoli Pac; comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o di affitto; registrare i contratti di locazione con previsione di canoni differenti per le diverse annualità; registrare i contratti di locazione a tempo indeterminato; gestire la comunicazione della risoluzione o proroga tardiva in caso di cedolare secca; registrare i contratti di locazione di pertinenze concesse con atto separato rispetto all’immobile principale. Il nuovo modello sostituisce quello approvato con il provvedimento del 15 giugno 2017 e può essere utilizzato dal 20 marzo 2019. Tuttavia, fino al prossimo 19 maggio saranno accettati sia il nuovo sia il vecchio modello; dal 20 maggio in poi, invece, si potrà utilizzare solo quello adesso approvato. Si ricorda che l’RLI va presentato in via telematica, direttamente o tramite gli intermediari autorizzati. Inoltre, chi non è obbligato alla registrazione telematica dei contratti di locazione può presentare il modello anche presso un ufficio dell’Agenzia delle entrate.

Disponibile la versione software: 3.0.0 del 20/03/2019

Motivi dell’aggiornamento: adeguamento al nuovo modello.

Indipendentemente dal sistema operativo, per eseguire il software selezionare il link: Registrazione Loc.azioni Immobili (RLI).

Il software Registrazione Locazioni Immobili (RLI), serve per richiedere agli uffici dell’Agenzia delle Entrate la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili e comunicarne eventuali proroghe, cessioni o risoluzioni.

L’RLI può essere utilizzato anche per esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca e per comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto.

Nel modello, quindi, confluiscono tutti gli adempimenti fiscali legati alla registrazione dei contratti di locazione e affitto immobiliare, che prima erano inglobati all’interno del modello “69”.

Il software “Contratti di locazione e affitto di immobili (RLI)”, disponibile per gli utenti Windows e per gli utenti MacIntosh, permette la creazione e il controllo del file telematico….

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it