Regime forfettario e attività analoga: i casi di esclusione - Diario quotidiano del 28 gennaio 2019

1) Regime forfettario: l’accesso è inibito dall’altra attività analoga

2) Pro-rata Iva applicabile per le operazioni con la casa madre

3) Corporate Governance in Italia: studio di Assonime

4) Decretone: doppio bonus per chi assume under 35 al Sud

5) Processo tributario telematico: accesso agli atti e ai documenti del fascicolo telematico anche per la parte non costituita

6) Novità dal fisco per il bonus formazione 4.0

7) Modalità di contatto telefonico con l’INPS

8) Welfare: fermo Pesca 2018

9) Responsabilità amministrativa della società: novità in vigore dal 31 gennaio 2019

10) Entro il 29 gennaio 2019 si può ancora “ravvedere” la tardiva presentazione della dichiarazione redditi

***

Forfettari: l’accesso è inibito dall’altra attività analoga

“Forfettari, lo stop all’accesso guarda all’altra attività più che ai codici Ateco”.

Come già da noi riportato negli articoli pubblicati su Commercialista Telematico nello scorso mese di dicembre, “l’attività svolta dal contribuente in regime forfettario non deve essere riconducibile a quella esercitata dalla società a responsabilità limitata dallo stesso controllata, avendo riguardo all’aspetto sostanziale più che al codice di attività Ateco”. In tal senso si è pronunciato il Mef durante il question time 5-01274 in commissione Finanze alla Camera.

Dunque, la nostra, prima, interpretazione sulla casistica (con esempio) si è rivelata essere esatta, peraltro, al pari di altre modifiche fatte dai legislatori precedenti (vedi, primi anni di modifica alla detrazione Iva).

Regime forfettario più ampio

Tutto ok se l’attività è diversa da quella della Srl controllata. Il professionista che aderisce al regime forfettario e che detiene una partecipazione di controllo in una società di persone, (titolare, quindi, di due differenti codici Ateco), può continuare ad applicare, per il periodo d’imposta 2019, il regime forfettario qualora l’attività esercitata individualmente non sia collegata con quella societaria.

Il praticantato professionale non ostacola l’accesso al forfetario

Il MEF, in risposta a interrogazioni parlamentari, chiarisce alcuni aspetti delle nuove condizioni ostative: In risposta alle interrogazioni parlamentari nn. 5-01179 e 5-01274, il MEF, sentita l’Agenzia delle Entrate, ha definito alcuni aspetti dubbi sulle riformate cause ostative al regime forfetario (nuove lettere d) e d-bis) dell’art. 1 comma 57 della L. 190/2014).

Rispetto al possesso di partecipazioni in Srl, viene chiarito che, per valutare la riferibilità, diretta o indiretta, dell’attività della società a quella individuale, occorre aver riguardo all’attività effettivamente esercitata piuttosto che alla classificazione ATECO.

Il caso sottoposto all’esame riguarda un soggetto che esercita l’attività contraddistinta dal codice ATECO 749099 (altre attività professionali) e che detiene una partecipazione di controllo (90%) in una società immobiliare esercente l’attività di intermediazione nella mediazione immobiliare (codice ATECO 683100).

Premesso che la nuova ratio della causa ostativa è di evitare artificiose frammentazioni delle attività d’impresa o di lavoro autonomo svolte, al solo scopo di beneficiare di una tassazione agevolata, il requisito va valutato con riferimento all’attività effettivamente svolta, piuttosto che alla tipologia di codice ATECO. Conseguentemente, pur in presenza di due codici attività formalmente distinti, qualora l’attività svolta in forma individuale sia, di fatto, collegata a quella effettivamente svolta dalla srl, ciò inibisce l’accesso o la permanenza nel regime forfetario.

La seconda risposta riguarda la causa ostativa connessa allo svolgimento di rapporti di lavoro, con specifico riferimento al praticantato professionale. Tale attività formativa, di per sé, non è di ostacolo all’accesso al regime forfetario per i giovani professionisti che, a seguito del…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it