La proproga del reverse charge interno - Diario quotidiano del 16 gennaio 2019

La proproga del reverse charge interno - Diario quotidiano del 16 gennaio 20191) Aliquota ENASARCO 2019 da indicare in fattura

2) Immobili strumentali: deduzione IMU al 40%

3) Legge di bilancio 2019: novità in tema di informazioni non finanziarie

4) IVA: proroga del reverse charge temporaneo interno

5) Credito d’imposta benzinai: istituito codice tributo per la compensazione in F24

6) Legge di bilancio 2019: ecco come gestire il riporto delle perdite

7) Modello F24: istituito codice tributo per recuperi Inps

8) Pubblicati i dati delle entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-novembre 2018

9) Aspetti contabili della ristrutturazione dei debiti alla luce del nuovo OIC 19

10) Commercialisti: attenzione al numero dei praticanti, se sono troppi, si paga l’Irap

*****

4) IVA: proroga del reverse charge temporaneo interno

La legge 17 dicembre 2018, n. 136, che ha convertito in legge, con modificazioni, il c. d. decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2019 (decreto-legge n. 119 del 2018), modificando il testo dell’art. 17, ottavo comma, del d.p.r. n. 633 del 1972, ha differito al 30 giugno 2022 il termine, precedentemente fissato allo scorso 31 dicembre 2018, entro il quale le operazioni indicate al sesto comma dello stesso art.17 sono soggette ad IVA con il sistema del reverse charge.

Si tratta, in particolare, delle seguenti operazioni: cessioni di telefoni cellulari; cessioni di console da gioco, tablet PC e laptop, nonché cessioni di dispositivi a circuito integrato, quali microprocessori e unità centrali di elaborazione, effettuate prima della loro installazione in prodotti destinati al consumatore finale; trasferimenti di quote di emissioni di gas a effetto serra definite all’art. 3 della direttiva 2003/87/CE, trasferibili ai sensi dell’art. 12 della medesima direttiva; trasferimenti di altre unità che possono essere utilizzate dai gestori per conformarsi alla direttiva 2003/87/CE, e di certificati relativi al gas e all’energia elettrica; cessioni di gas e di energia elettrica a un soggetto passivo-rivenditore ai sensi dell’art. 7-bis, comma 3, lett. a), del d.p.r. n. 633.

L’anzidetta modifica dell’art. 17, ottavo comma, del d.p.r. n. 633 costituisce attuazione della direttiva (UE) 2018/1695 del 6 novembre 2018, che ha prorogato fino al 30 giugno 2022 (data prevista per l’entrata in vigore del regime IVA definitivo) la possibilità per gli Stati membri di applicare il reverse charge c.d. temporaneo, stabilito dall’art. 199-bis della direttiva IVA, a determinate operazioni a rischio di frodi individuate nello stesso articolo, in considerazione dell’utilità di tale misura nel contrastare le frodi dell’IVA.

Assonime, nella nota del 10 gennaio 2019 ricorda che il sistema del reverse charge prevede che gli obblighi relativi all’applicazione dell’IVA debbano essere adempiuti, anziché dal cedente o dal prestatore, dal cessionario o committente, se soggetto passivo d’imposta. La fattura è emessa dal cedente o prestatore senza applicazione dell’IVA ed è integrata dal cessionario o committente con l’indicazione dell’aliquota propria dell’operazione e dell’ammontare del tributo. Il cessionario o committente è tenuto a registrare tale fattura sia nel registro degli acquisti che in quello delle fatture emesse, liquidando il tributo

Autofattura, doppio transito nello Sdi ma la registrazione deve essere singola

Viene chiarito che l’autofattura è una fattura “a tutti gli effetti” e pertanto soggetta agli stessi obblighi scattati per tutti i privati il 1° gennaio scorso.

Chi opererà la trasmissione al Sistema di interscambio sarà anche il ricevente essendo a lui intestata.

Pertanto, ai fini contabili, dovrà essere presa in considerazione soltanto quella emessa e annotata nel registro delle vendite se si è alle prese con un’autofattura vendita (ad esempio per omaggi); andrà annotata, invece, nel registro degli acquisti in caso di autofattura acquisto (ad esempio per operazioni che riguardano gli agricoltori esonerati).

Omaggi e operazioni interne

Le…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it