Legge Anticorruzione pubblicata in Gazzetta Ufficiale - Diario quotidiano del 18 gennaio 2019

Legge Anticorruzione pubblicata in Gazzetta Ufficiale - Diario quotidiano del 18 gennaio 20191) TFR dicembre a 2,24

2) “Legge Anticorruzione” pubblicata in Gazzetta Ufficiale

3) Responsabilità amministrativa società/enti: inasprite le sanzioni

4) Spese di formazione tecnologica: istituito codice tributo per compensare il credito d’imposta

5) Il videoforum Cndcec/Agenzia entrate sulla fattura elettronica: pubblicate tutte le risposte

6) Ecco altre domande/risposte (Cndcec/Entrate) sulla fattura elettronica

7) Fatture elettroniche: chiarimenti sulla conservazione dal videoforum Cndcec/Agenzia Entrate

8) Chiarimenti videoforum Cndcec/Entrate anche sul QR code

9) Fattura elettronica: chiarimenti anche sulle spese per carburanti

10) Cessione del credito tributario “futuro” si valorizza ai fini fiscali con la richiesta a rimborso nelle dichiarazioni

****

2) Legge Anticorruzione pubblicata in Gazzetta Ufficiale

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 del 16 gennaio 2019 la legge 9 gennaio 2019, n. 3, che introduce alcune misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonché in materia di prescrizione del reato e di trasparenza dei partiti e dei movimenti politici.

La legge, in particolare, modifica alcune disposizioni del codice penale, del codice di procedura penale, e di alcune leggi speciali, con lo scopo di rafforzare l’attività di prevenzione, accertamento e repressione dei reati contro la pubblica amministrazione.

Al riguardo, tra le modifiche di maggior rilievo Assonime, in una nota del 17 gennaio 2019, segnala:

  • l’inasprimento della disciplina delle pene accessorie nei casi di condanna a reati contro la p.a. In questa direzione si muovono le disposizioni che prevedono:
    • l’estensione della pena accessoria dell’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione ai casi di condanna per i reati di peculato, corruzione in atti giudiziari, traffico di influenze illecite;
    • l’estensione delle pene accessorie dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’incapacità in perpetuo di contrattare con la pubblica amministrazione ai casi di condanna per i reati di corruzione impropria, corruzione propria aggravata, induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione di persona incaricata di pubblico servizio, corruzione attiva, istigazione alla corruzione, corruzione commessa da membri della Corte penale internazionale, da organi e funzionari dell’Unione europea o di Stati esteri, traffico di influenze illecite; l’aumento della durata minima (da 1 a 5 anni) e massima (da 5 a 7 anni), della pena accessoria dell’interdizione temporanea dai pubblici uffici per i reati su indicati;
    • la previsione di una riduzione della durata della pena accessoria dell’interdizione temporanea (minimo 1, massimo 5 anni) nei casi di collaborazione del condannato;
    • la previsione dell’inefficacia della riabilitazione sulle pene accessorie perpetue, salva la possibilità di dichiarare estinta la pena decorso un termine non inferiore a sette anni, quando il condannato abbia dato prove effettive e costanti di buona condotta;
    • l’attribuzione al giudice della facoltà di non estendere gli effetti della sospensione condizionale della pena anche alle pene accessorie;
  • l’aumento delle pene per i delitti di corruzione impropria e di appropriazione indebita, nonché la riformulazione di alcune fattispecie delittuose, quali il delitto di traffico di influenze illecite e il reato di abuso di ufficio;
  • l’introduzione di una causa speciale di non punibilità per alcuni delitti di corruzione e induzione e indebita, destinata ad opera quando l’autore del reato lo denuncia volontariamente e fornisce indicazioni utili per assicurare la prova del reato e per individuare gli altri responsabili;
  • l’introduzione della procedibilità d’ufficio per alcuni reati, quali corruzione tra privati, istigazione alla corruzione tra privati, alcune ipotesi più gravi di appropriazione…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it