Fatturazione elettronica negli appalti pubblici - Diario quotidiano del 21 gennaio 2019

1) Ispezioni sul lavoro: precisazioni per una corretta impugnazione dei verbali
2) Flusso Uniemens: valorizzazione Qualifica Professionale ISTAT
3) Fatturazione elettronica negli appalti pubblici: decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale
4) Dichiarazioni di terzi non bastano per l’accertamento fiscale
5) Statistiche sulle dichiarazioni IRES ed IRAP dell’anno di imposta 2016
6) Reddito di cittadinanza e regime pensionistico “quota 100”
7) Iva al 10% su integratori alimentari composti da diversi ingredienti di origine naturale e superfood
8) Credito d’imposta per gli esercenti del cinema: tutto pronto per l’invio del modulo
9) Agevolazioni contributive in vigore per il 2019
10) Verifica degli adempimenti ricadenti sui clienti delle ASD ed acquisti istituzionali degli enti non commerciali, basta la copia cartacea

***

Fatturazione elettronica negli appalti pubblici: decreto pubblicato sulla G.U.

Pubblicato sulla G.U. n. 14 del 17-01-2019 il decreto legislativo 27 dicembre 2018, n. 148 recante attuazione della direttiva (UE) 2014/55 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 aprile 2014, relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici

Vigente dal: 1-2-2019.

Obbligo di ricezione ed elaborazione delle fatture elettroniche (art. 3)

A decorrere dal 18 aprile 2019, i diretti interessati devono ricevere ed elaborare le fatture elettroniche conformi allo standard europeo sulla fatturazione elettronica negli appalti pubblici, il cui riferimento è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 266 del 17 ottobre 2017, come previsto dalla decisione di esecuzione (UE) 2017/1870 relativa alla pubblicazione dei riferimenti della norma europea sulla fatturazione elettronica e dell’elenco delle sintassi a norma della direttiva 2014/55/UE, nonché alle regole tecniche di cui al comma 3, emesse a seguito dell’esecuzione di contratti a cui si applicano il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, ovvero il decreto legislativo 15 novembre 2011, n. 208.

Le fatture elettroni che devono, altresì, rispettare la Core Invoice Usage Specification (CIUS) per il contesto nazionale italiano, il cui uso è previsto nello standard europeo EN 16931-1:2017, definita come segue: Le regole tecniche relative alla gestione delle fatture integrano la disciplina tecnica di cui al decreto adottato ai sensi dell’articolo 1, comma 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, con modalità applicative individuate dal direttore dell’Agenzia delle entrate, nel rispetto di quanto previsto dal medesimo decreto.

Per la ricezione delle fatture elettroniche si applicano le disposizioni di cui al decreto adottato ai sensi dell’articolo 1, comma 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

Tavolo tecnico permanente per la fatturazione elettronica

Per l’attuazione degli obblighi dell’articolo 3, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del direttore dell’Agenzia per l’Italia Digitale, d’intesa con la Conferenza unificata, da adottarsi entro trenta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, verrà istituito presso l’Agenzia per l’Italia Digitale un tavolo tecnico permanente per la fatturazione elettronica con le seguenti finalità:

  1. aggiornamento delle regole tecniche e delle modalità applicative;
  2. monitoraggio della corretta applicazione delle stesse;
  3. valutazioni degli impatti per la pubblica amministrazione e di quelli riflessi per gli operatori economici;
  4. raccordo e coinvolgimento, fin dalla fase di definizione, di tutte le iniziative legislative ed applicative in materia di fatturazione e appalti elettronici.

Il tavolo tecnico permanente per la fatturazione elettronica sarà composto da un componente indicato dall’Agenzia per l’Italia Digitale, due componenti indicati dal Ministero dell’economia e delle finanze, due componenti indicati dall’Agenzia delle entrate, tre componenti indicati dalla Conferenza delle regioni e delle Province autonome di Trento e di Bolzano,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it