Detrazioni fiscali per l’acquisto o costruzione di box auto: le recenti novità

Come ormai ben noto, tra gli interventi edilizi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio esistente per i quali è possibile beneficiare di un regime fiscale agevolativo consistente nelle detrazioni ai fini IRPEF (detraibilità del 50% di quanto speso da parte del contribuente avente diritto), troviamo anche l’acquisto (da impresa di costruzioni) o la realizzazione di posti auto/box pertinenziali

Detrazione fiscali per l’acquisto o costruzione di box autoCome ormai ben noto, tra gli interventi edilizi (in senso lato) finalizzati al recupero del patrimonio edilizio esistente per i quali è possibile beneficiare di un regime fiscale agevolativo consistente nelle detrazioni ai fini IRPEF di cui all’articolo 16-bis TUIR (detraibilità del 50% di quanto speso da parte del contribuente avente diritto), troviamo anche l’acquisto (da impresa di costruzioni) o la realizzazione di box auto pertinenziali.

In particolare, l’agevolazione in parola viene riconosciuta:

  • per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali ad altra unità immobiliare ad uso abitativo (non necessariamente abitazione principale o prima casa) già realizzati da parte dell’impresa costruttrice. L’agevolazione, consistente nella detraibilità ai fini IRPEF del 50% della spesa sostenuta dall’avente diritto entro un massimale di 96.000 euro, è fruibile solo in relazione alle spese imputabili alla realizzazione di box o posti auto ed a condizione che le stesse siano comprovate da un’apposita attestazione che deve essere rilasciata da parte del venditore;
  • per interventi di realizzazione di parcheggi, autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune, purché vi sia un vincolo di pertinenzialità con una unità immobiliare abitativa (non è necessario che l’immobile principale sia residenza principale o “prima casa” del contribuente che intende usufruire dell’agevolazione).

Per usufruire della detrazione per l’acquisto del box (o posto auto) devono essere rispettate le seguenti condizioni:

  • deve essere stato stipulato un atto di acquisto o sottoscritto un patto di vendita di cosa futura (preliminare di vendita registrato) relativamente al parcheggio realizzato o in corso di costruzione;
  • deve esistere un vincolo pertinenziale con una unità abitativa, di proprietà del contribuente (l’immobile principale può anche essere seconda casa); se il parcheggio è in corso di costruzione, occorre che vi sia l’obbligo di creare un vincolo di pertinenzialità con un’unità immobiliare avente le caratteristiche di civile abitazione (nella fattispecie in esame non sussiste la limitazione relativa agli immobili di lusso);
  • è necessario che l’impresa costruttrice documenti quali siano stati i costi da essa sostenuti ed imputabili alla sola realizzazione dei parcheggi o posti auto (i costi di costruzione devono essere tenuti distinti dai costi accessori, quali, ad esempio, il costo del terreno e gli oneri finanziari che non possono concorrere a formare il “monte” ammesso a fruire del beneficio fiscale.

Nel caso in cui il contribuente acquisti contemporaneamente casa e box pertinenziale con un unico atto notarile, la detrazione spetta limitatamente alle sole spese di realizzazione del box pertinenziale, il cui ammontare deve essere specificamente documentato, a meno che l’unità immobiliare residenziale in acquisto non sia frutto di un intervento di ristrutturazione edilizia, recupero o restauro conservativo, di cui all’articolo 3, comma 1, lettere c) e d) del D.P.R. n. 380/2001 (T.U. edilizia), posto in essere da impresa di costruzione o di ristrutturazione.

In tal caso, acquisto immobile ristrutturato più contemporaneo acquisto di box o posto auto, sono entrambi agevolabili ai fini IRPEF con ammontari di detraibilità separati, a patto che box (posto auto) non siano frutto di ristrutturazione ma di nuova costruzione (le medesime agevolazioni possono essere riconosciute anche in caso di assegnazione di unità immobiliari – residenza + box – da parte di cooperative edilizia a proprietà divisa).

Per usufruire della detrazione per l’acquisto del box auto, il proprietario deve essere in possesso della seguente documentazione:

  • atto di acquisto, o preliminare di vendita registrato, dal quale risulti la sussistenza del vincolo di pertinenzialità;
  • dichiarazione del costruttore, nella quale siano indicati i costi di costruzione;
  • bonifico…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it