Trasmissione dei corrispettivi per grande distribuzione: novità - Diario quotidiano del 20 dicembre 2018

Trasmissione dei corrispettivi per grande distribuzione: novità - Diario quotidiano del 20 dicembre 20181) Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione: approvazione definitiva

2) Contrasto dei reati contro la P.A.: prescrizione e trasparenza

3) Legge di conversione del cd. Decreto fiscale finalmente approdata in G.U.

4) Investimenti in Pmi innovative: arrivato dalla Ue il sì agli incentivi fiscali

5) Portale fatturazione elettronica dei Commercialisti in attesa

6) Definizione agevolata 2018 (cd. rottamazione-ter): domanda entro il 30 aprile 2019

7) Transfer Pricing: documento FNC/CNDCEC analizza profili tecnici e spunti operativi

8) Ristrutturazione del debito, aspetti contabili alla luce del nuovo “OIC 19”

9) Trasmissione dei corrispettivi per grande distribuzione dal 1° gennaio 2019 con la tradizionale emissione dello scontrino fiscale

10) Altre di fisco del 19.12.2018

*****

9) Trasmissione dei corrispettivi per grande distribuzione dall’1 gennaio 2019 con la tradizionale emissione dello scontrino fiscale

L’utilizzo dei servizi Entratel o Fisconline per tale adempimento è stato soppresso dal 2017, con possibilità, per chi aveva optato entro il 2016, di avvalersene fino a tutto l’anno in corso.

Dal 1° gennaio 2019, le imprese che operano nel settore della grande distribuzione potranno certificare i corrispettivi secondo le regole ordinarie (cioè mediante emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale) oppure avvalendosi, dietro esercizio di opzione, del nuovo sistema di trasmissione che, tra l’altro, dal 1° gennaio 2020 sarà obbligatorio per tutti i soggetti che effettuano le operazioni di cui all’articolo 22 del Dpr 633/1972 (commercio al minuto e attività assimilate), con obbligo anticipato al 1° luglio 2019 per i contribuenti con un volume d’affari superiore a 400mila euro.

È, questa la sintesi fatta dall’Agenzia delle entrate per la risposta n. 118/2018 all’interpello formulato da una società che, avendo optato nel 2012 per la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri secondo le modalità tecniche stabilite dal provvedimento 12 marzo 2009 dell’Agenzia delle entrate (ossia trasmissione mediante Entratel dei corrispettivi giornalieri di un mese entro il quindicesimo giorno lavorativo successivo alla scadenza del mese di riferimento), chiede se sia possibile continuare ad avvalersi di tale sistema, nonostante il mutato quadro normativo (articolo 2, comma 1, e articolo 7 del Dlgs 127/2015; provvedimento 28 ottobre 2016 dell’Agenzia delle entrate), che ha “pensionato” la precedente modalità di trasmissione telematica prevista per le imprese della grande distribuzione a decorrere dal 1° gennaio 2017 (fatta salva la possibilità per i soggetti che avevano esercitato l’opzione entro il 2016, di avvalersene fino a tutto il 2018), sostituendola con un nuovo sistema di trasmissione, basato sull’utilizzo dei Registratori telematici.

Il nuovo sistema di invio telematico è stato inizialmente introdotto in via opzionale, ma, per effetto delle modifiche recentemente apportate dal Dl 119/2018 (“collegato fiscale”), dal 1° gennaio 2020 dovrà essere adottato da tutti i commercianti al minuto e gli esercenti attività assimilate (articolo 22, Dpr 633/1972), l’obbligatorietà scatterà sei mesi prima, dal 1° luglio 2019, per i soggetti con volume d’affari oltre i 400mila euro.

Pertanto, per l’Agenzia, la soluzione prospettata dalla società istante non è condivisibile: dal 2019, anche le imprese operanti nel settore della grande distribuzione non potranno più utilizzare la vecchia modalità di trasmissione dei corrispettivi tramite i servizi Entratel o Fisconline.

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DIARIO (25 pagine) NEL PDF QUI SOTTO

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it