E-fattura per enti non commerciali: soluzioni operative - Diario quotidiano del 13 dicembre 2018

diario-quotidiano1) E-fattura per enti non commerciali: soluzioni operative

2) Contestazioni pendenti per la privacy: entro il 18 dicembre 2018 si possono pagare le sanzioni in misura ridotta

3) IVA: Assosoftware annuncia le prossime novità della dichiarazione 2019

4) ACE: trattamento fiscale su bargain purchase da fusione IFRS 3 non rilevante

5) Contratti di locazione di natura transitoria: attestazione di rispondenza per ogni singolo contratto

6) Credito d’imposta per le librerie: stabilite modalità e termini

7) Evento calamitoso: integrato l’elenco dei soggetti beneficiari della sospensione dei termini

8) Notizie in breve

9) Trattamento fiscale delle attività formative degli enti strumentali degli Ordini professionali: l’Agenzia Entrate risponde ai Commercialisti

***

E-fattura per enti non commerciali: soluzioni operative

Dal 1° gennaio 2019, l’obbligo di emettere e ricevere le fatture in formato elettronico, previsto dalla L. n. 205/2017 (legge di bilancio 2018), riguarderà, ovviamente, anche gli enti non commerciali, tra cui gli enti del Terzo settore (D.Lgs. 117/2017).

Al pari della fatturazione cartacea, occorre distinguere tra:

  • enti non commerciali che svolgono solo attività istituzionali (quindi, senza partita Iva);
  • enti non commerciali che svolgono sia attività istituzionale sia commerciale.

In relazione agli enti non commerciali senza partita Iva il problema delle fatture attive (fatture emesse) non si pone. Conta sapere, invece, come gli enti che esercitano solo attività istituzionale possano ricevere le fatture passive (fatture acquisti).

A ciò ha risposto l’Agenzia delle Entrate con alcune Faq, dove è stato precisato che gli enti non commerciali non titolari di partita Iva sono considerati, insieme ai condomini, alla stregua dei consumatori finali.

Pertanto, come previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018, anche gli enti non commerciali senza partita Iva avranno il diritto di ricevere una copia cartacea della fattura elettronica trasmessa.

Questo in ogni caso non esclude che l’ente destinatario della fattura possa comunicare ai propri fornitori il proprio indirizzo pec.

Caso 1 – Enti non commerciali che svolgono solo attività istituzionali

Nel caso l’ente svolga solo attività istituzionali, l’ente non commerciale può decidere di ricevere le fatture elettroniche emesse dai loro fornitori comunicando a questi ultimi, l’indirizzo PEC (da registrare nel Sistema di Interscambio) e il codice destinatario “0000000”.

Le fatture emesse nei loro confronti:

  • vengono messe a disposizione nell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate
  • sono consegnate in copia analogica (su carta) o in formato digitale (tipo PDF allegato all’email). Occorre indicare nel documento che si tratta di copia e che l’originale in formato XML è disponibile nell’area riservata.

Dunque, il fornitore dell’ente non profit, nell’emettere fattura, dovrà indicare il codice 0000000 nel campo “IdFiscaleIVA” e compilare nel tracciato XML solo il campo “Codice Fiscale”, in questo modo il SdI (Sistema di interscambio) renderà il documento elettronico disponibile al cessionario/committente.

Caso 2 – Enti non commerciali che svolgono sia attività istituzionale sia commerciale

Nell’ipotesi in cui un ente non commerciale svolga entrambi le due attività, le fatture devono essere solo delle fatture elettroniche e, quindi, transitare nel sistema di interscambio. Per quanto riguarda le fatture dei fornitori si pone il problema circa la distinzione di quelle che rientrano nell’attività istituzionale da quelle che si riferiscono invece all’attività commerciale.

Per le fatture elettroniche destinate solo all’attività commerciale, il problema non si pone, al pari delle imprese, basta fornire il codice Iva (partita Iva), insieme al codice destinatario prescelto (di 7 cifre) e alla PEC.

Per le fatture elettroniche destinate solo all’attività…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it