Pace Fiscale: le novità dal Senato - Diario quotidiano del 30 novembre 2018

Pace Fiscale: le novità dal Senato - Diario quotidiano del 30 novembre 20181) Governo italiano: attuate le direttive europee: buoni corrispettivo, contrasto all’elusione fiscale, nautica da diporto on line

2) Agenzia delle Entrate: le faq sulla fattura elettronica

3) Il contribuente deve potersi giustificare dall’accertamento entro 60 giorni

4) Senato approva D.L. sulla pace fiscale: sanabili le irregolarità formali non rilevanti sulla determinazione del reddito

5) Si estende l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica

6) Dal 2020 assistenza online dell’Agenzia delle entrate: il contribuente non dovrà più tenere registri

7) Rottamazione-ter: elevato il pagamento rateale

8) Pace fiscale per le società e le associazioni sportive dilettantistiche iscritte nel Registro CONI

9) Provvigioni sul collocamento dei giocatori soggette ad Iva solo all’incasso

10) Novità INPS

****

videoconferenza in diretta sulla pace fiscale e altre novità per il 20194) Senato approva D.L. sulla pace fiscale: sanabili le irregolarità formali non rilevanti sulla determinazione del reddito

Decreto legge fiscale: l’Assemblea di Palazzo Madama, mercoledì 28 novembre 2018, ha approvato, con 147 voti favorevoli, 104 contrari e 6 astensioni, il disegno di legge n. 886, di conversione del decreto legge n. 119, in materia fiscale e finanziaria (scadenza 22 dicembre), avviato martedì 27 novembre 2018. Il testo è ora passato all’esame della Camera.

Nuovo articolo 9: irregolarità formali

Nel corso dell’esame in sede referente sono stati approvati degli emendamenti che sopprimono i vecchi contenuti dell’articolo 9 per introdurre nuove disposizioni sostitutive.

Si prevede che le irregolarità, le infrazioni e le inosservanze di obblighi o adempimenti, di natura formale, che non rilevano sulla determinazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, ai fini dell’IVA e dell’IRAP e sul pagamento dei tributi, commesse fino al 24 ottobre 2018, possano essere regolarizzate mediante la loro rimozione ed il versamento di una somma pari a 200 euro per ciascun periodo d’imposta cui si riferiscono le violazioni, eseguito in due rate di pari importo, la prima entro il 31 maggio 2019 e la seconda entro il 2 marzo 2020.

Tale procedura di regolarizzazione non può essere esperita:

  • per gli atti di contestazione o irrogazione delle sanzioni emessi nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria (di cui all’articolo 5-quater del decreto legge n. 167 del 1990);
  • per l’emersione di attività finanziarie e patrimoniali costituite o detenute fuori dal territorio dello Stato;
  • per le irregolarità e altre violazioni formali già contestate in atti divenuti definitivi alla data di entrata in vigore della disposizione in esame.

Si prevede, inoltre, che, in deroga all’articolo 3, comma 1, dello Statuto del contribuente (legge n. 212 del 2000 che dispone l’irretroattività delle norme tributarie), con riferimento alle violazioni commesse fino al 31 dicembre 2015, oggetto del processo verbale di constatazione, i termini di cui all’articolo 20, comma 1, del decreto legislativo n. 472 del 1997, sono prorogati di due anni.

Le modalità di attuazione dell’articolo in esame dovranno essere disciplinate con provvedimento del direttore della Agenzia delle entrate.

Rimborsi in via prioritaria

Con l’approvazione di un subemendamento viene, infine, inserito il comma 9-bis dell’articolo 9, con il quale si viene a prevedere che siano erogati in via prioritaria i rimborsi relativi a versamenti risultati eccedenti rispetto alle relative imposte dovute richiesti entro i primi sei mesi solari di ciascun anno dai soggetti autorizzati dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli all’adozione del sistema informatizzato di controllo (di cui all’articolo 1 del regolamento adottato con il decreto del MEF n. 169 del 2009), titolari della licenza di esercizio, non sospesa o revocata, di cui all’articolo 23, comma 2, del testo unico delle accise approvato con il decreto legislativo n. 504 del 1995, rilasciata per la gestione di un deposito fiscale avente un parco serbatoi di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it