Acconto IVA 2018: le recenti novità del quadro VH - Diario quotidiano del 28 novembre 2018

Acconto Iva 2018: le recenti novità del quadro VH - Diario quotidiano del 28 novembre 20181) Acconto Iva 2018: illustrate le recenti novità del quadro VH

2) Disapplicazione norme antielusive: nuovi principi

3) Trattamento fiscale della sopravvenienza attiva da falcidia concordataria

4) Investimenti pubblicitari: precisazioni sul credito d’imposta

5) Commercialisti: sondaggio per lo sviluppo di software gestionale

6) Stabile organizzazione in Italia: ecco come calcolare l’Ace

7) Agevolazione ACE società cooperative agricole: non rileva l’aumento di capitale

8) Energia elettrica e gas naturale: adempimento dichiarativo per l’anno d’imposta 2018

9) Perequazione automatica delle pensioni per l’anno 2018

10) Riduzione dei contributi in favore del settore edile – anno 2018

*****

1) Acconto Iva 2018: illustrate le recenti novità del quadro VH

Acconto Iva 2018: Assosoftware, con la nota del 27 novembre 2018, illustra le recenti novità, tra cui quella sul quadro VH della dichiarazione 2018.

In particolare, il comitato tecnico di AssoSoftware si sofferma sulla novità riguardante la determinazione dell’acconto Iva con il metodo storico.

Quadro VH, della dichiarazione annuale Iva 2018, decisamente rinnovato per poter recepire tutte le novità della comunicazione liquidazioni periodiche Iva (cd. Lipe).

Novità del quadro VH

La prima novità è che il quadro VH deve essere compilato solo nel caso in cui si intenda – con la dichiarazione annuale Iva – inviare, integrare o correggere i dati omessi, incompleti o errati nelle comunicazioni delle liquidazioni periodiche Iva.

Per correggere i dati contenuti in una Lipe già presentata il contribuente può, in alternativa:

  • ripresentare in qualsiasi momento, entro comunque il 28 febbraio dell’anno successivo, un nuovo modello Lipe sostitutivo del precedente;
  • compilare, in fase di redazione della dichiarazione annuale Iva, il quadro VH indicando in esso i dati corretti.

In quest’ultimo caso di correzione delle Lipe in dichiarazione, sarà necessario indicare tutti i dati richiesti, compresi quelli non oggetto di invio, integrazione o correzione. Quindi, anche qualora si intenda correggere soltanto un trimestre, ovvero soltanto un mese, sarà necessario compilare l’intero quadro VH.

Il tutto andrà accompagnato con il versamento di eventuali maggiori imposte, interessi e sanzioni, mediante ravvedimento operoso (risoluzione 104/E/2017).

In altre parole, a partire dalla dichiarazione Iva 2018, il quadro VH deve esser compilato soltanto in caso di necessità di correggere o integrare i dati delle liquidazioni Iva periodiche.

Nel caso in cui l’errore od omissione sia già stato corretto con un nuovo invio, non è necessario compilare anche il quadro VH.

Effetti delle nuove regole sull’acconto Iva 2018

Il primo effetto è che il quadro VH non sempre risulta compilato, anzi la sua compilazione è di fatto un’eccezione visto che è necessaria soltanto nel caso in cui vi siano stati errori od omissioni che il contribuente abbia voluto sanare in dichiarazione. In assenza del quadro VH, i dati devono quindi essere rilevati direttamente dalle Lipe relativa al quarto trimestre. Ciò vale per tutti i soggetti mensili, trimestrali e trimestrali speciali, visto che in tutti e tre i casi la trasmissione della Lipe è obbligatoria. I righi che le procedure informatiche devono prendere a riferimento, variano a seconda della periodicità di liquidazione del contribuente nel 2017 e nel 2018.

Vengono, quindi, fornite alcune indicazioni sintetiche sui righi che possono essere presi a riferimento nella normalità dei casi.

Dati del quadro VH e della Lipe utili per il calcolo dell’acconto Iva 2018 con il metodo storico

Nei casi che seguono vengono classificate le tipologie di acconto Iva in sei classi, ciascuna caratterizzata dalla periodicità del contribuente nell’anno solare 2017 e 2018 (mensile, trimestrale, trimestrale particolare – esempio autotrasportatori e distributori di carburante) e dalla percentuale da utilizzare.

Viene poi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it