Accertamento del fisco sull’ecommerce non occasionale - Diario Quotidiano dell'8 novembre 2018

Accertamento del fisco sull’ecommerce non occasionale - Diario Quotidiano dell'8 novembre 20181) Fattura Elettronica: arrivano nuovi adempimenti per gli intermediari del fisco? Protesta dell’Associazione Nazionale Commercialisti

2) Codifica dei bilanci d’esercizio e consolidati: al via la Tassonomia 2018

3) Sul sito Ader i modelli di istanza da utilizzare per chiedere la rottamazione ter

4) Tempi, decisamente, duri per i Commercialisti: professionista sospeso dall’Albo se fa eludere il fisco

5) Triangolazioni intracomunitarie e certezza dell’esportazione delle merci

6) Sisma Isola di Ischia: sospensioni termini

7) Accertamento del fisco sull’ecommerce non occasionale

8) Incorporazione di un soggetto sottoposto alle ordinarie regole di deducibilità degli interessi passivi

9) Costo fiscalmente riconosciuto delle attività fallimentari in capo all’assuntore di concordati fallimentari

10) Prassi Dogane

****

7) Accertamento del fisco sull’ecommerce non occasionale

Accertabile, con la ricostruzione del volume d’affari, chi vende su internet senza possesso di partita Iva.

Anche secondo la Suprema corte, l’e-commerce frequente e rilevante dà luogo all’attività imprenditoriale: vengono, quindi, considerate così le vendite effettuate su portali on line in virtù della consistenza quantitativa e qualitativa degli scambi, connotati dall’abitualità e professionalità.

In particolare, la Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 26107 del 18 ottobre 2018, ha reso legittimo l’avviso di accertamento basato sull’elenco delle operazioni commerciali fornite da un noto sito di commercio elettronico e riportate nel verbale della Guardia di finanza.

Respinto, quindi il ricorso di un contribuente che contestava la ricostruzione del giro di affari e-commerce, lamentando il difetto di motivazione dell’atto di accertamento.
La vicenda trae origine dalla notifica di avvisi di accertamento con i quali, in seguito a processo verbale di constatazione della Guardia di finanza, era emerso che il contribuente, non titolare di partita Iva, era registrato su siti dedicati alle compravendite on line e, con continuità nel tempo, aveva venduto beni senza adempiere alle prescrizioni imposte dalle disposizioni tributarie.

In particolare, nell’indicare gli elementi a sostegno degli atti impositivi, l’Amministrazione finanziaria faceva rinvio agli esiti degli accertamenti condotti dalla Guardia di finanza.

La Commissione tributaria regionale ha accolto l’appello dell’ufficio rigettando l’eccezione relativa al difetto di motivazione degli avvisi.

Nel merito, per l’importo complessivo delle vendite effettuate e per l’elevato numero delle operazioni, non vi era dubbio che il ricorrente avesse svolto attività d’impresa commerciale con conseguenti obblighi fiscali.

La Corte di cassazione ha ritenuto infondato il ricorso del contribuente, evidenziando che dalla sentenza e dagli atti impugnati risulta che “al verbale era stato allegato l’elenco delle operazioni trasmesse in file da eBay Europe sarl, e quindi riprodotto in uno schema redatto dalla Guardia di Finanza, con il dettaglio di ciascuna di esse (data, oggetto, importo, acquirente), mettendo così il contribuente in condizione di contestare – ma ciò la CTR ha accertato che non abbia fatto, essendosi limitato a negare genericamente di svolgere attività imprenditoriale – in modo specifico le singole operazioni”.

Ne consegue che l’obbligo di motivazione dell’avviso di accertamento può dirsi soddisfatto anche in assenza dell’allegazione dei documenti richiamati nel Pvc, purché, nel caso di accertamenti come quello in esame, il verbale riporti in dettaglio le operazioni avvenute sulla piattaforma di e-commerce (data, oggetto, importo, acquirente), in modo da consentire al contribuente di difendersi compiutamente.

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DIARIO (19 pagine) NEL PDF QUI SOTTO

Fiscus di maggio: IVA, ecommerce e digitalizzazione

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it