Privacy: sanzioni ridotte per le contestazioni pendenti: ecco le istruzioni del Garante - Diario Quotidiano del 3 ottobre 2018

diario-quotidianoLe notizie di oggi:
1) Se l’immobile non è abitabile spetta il bonus prima casa sull’altra casa
2) P.R.E.U. sulle “macchinette”: responsabilità solidale tra istallatore ed esercente
3) Accertamento al “caffettometro”: il Fisco vince
4) L’Agenzia Entrate perde se utilizza le difese del libero foro
5) Notifica dell’accertamento in caso di società di capitali in regime di trasparenza
6) Privacy: sanzioni ridotte per le contestazioni pendenti – ecco le istruzioni del Garante
7) Detrazione per canoni di locazione studenti universitari: niente bonus per lo studente di Novara
8) MISE: misure per contrastare cessazioni e delocalizzazioni

***

Privacy: sanzioni ridotte per le contestazioni pendenti – ecco le istruzioni del Garante

Il Garante per la protezione dei dati personali ha messo a punto una serie di indicazioni operative per chiarire a soggetti pubblici e privati come usufruire della definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti. L’agevolazione è stata prevista dal recente decreto legislativo 101/2018 che ha adeguato la normativa italiana alle disposizioni del Regolamento europeo 2016/679 in materia di privacy.

Le FAQ sono disponibili dal 1° ottobre 2018 sul sito dell’Autorità garante privacy.

A partire dal 19 settembre 2018 chi intende avvalersi di questa facoltà potrà oblare le sanzioni mediante il pagamento in misura ridotta di una somma pari ai due quinti del minimo edittale stabilito per la sanzione. Il pagamento dovrà essere effettuato entro il 18 dicembre 2018.

Potranno usufruire di questa speciale procedura quanti abbiamo ricevuto entro il 25 maggio 2018, data di piena applicazione del Regolamento Ue, l’atto con il quale sono stati notificati gli estremi della violazione o l’atto di contestazione.

Tra le altre istruzioni, le FAQ del Garante specificano anche le modalità per il pagamento delle sanzioni, l’importo da pagare per ciascuna violazione commessa e i casi di esclusione dalle agevolazioni.

Il decreto legislativo n. 101 del 10 agosto 2018 (pubblicato in G.U. n. 205 del 4 settembre 2018) recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679, in attuazione della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 25 ottobre 2017, n. 163), per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea, tra cui il citato Regolamento, ha introdotto talune importanti novità anche in relazione alla “Definizione agevolata delle violazioni in materia di protezione dei dati personali”, a decorrere dal 19 settembre 2018.

Ecco di seguito le FAQ in questione (in versione integrale):

1. Chi può usufruire della definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti innanzi al Garante?

I contravventori che abbiano ricevuto, entro la data del 25 maggio 2018, l’atto con il quale sono stati notificati gli estremi della violazione o l’atto di contestazione immediata di cui all’art. 14 della legge 24 novembre 1981, n. 689, relativamente ai procedimenti sanzionatori riguardanti le violazioni di cui agli artt. 161, 162, 162-bis, 162-ter, 163, 164, 164-bis, comma 2, 33 e 162, comma 2-bis, del Codice, hanno la facoltà di definire i suddetti procedimenti mediante il pagamento in misura ridotta di una somma pari a due quinti del minimo edittale previsto per la sanzione (cfr. art. 18 del decreto legislativo n. 101 del 10 agosto 2018).

Va precisato inoltre che, poiché il citato articolo 18 del d.lgs. 101/2018 prevede che siano “fatti salvi i restanti atti del procedimento eventualmente già adottati”, la suddetta facoltà di definizione agevolata non è ammessa qualora il procedimento sanzionatorio si sia nel frattempo concluso con l’adozione di un provvedimento di ordinanza-ingiunzione da parte del Garante.

2. A quanto ammonta l’importo da pagare?

L’importo da pagare per la definizione agevolata del procedimento sanzionatorio dipende dalla tipologia di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it