La flat tax (regime forfettario allargato) vale solo per ricavi fino a 65mila euro? - Diario quotidiano del 18 ottobre 2018

La flat tax (regime forfettario allargato) vale solo per ricavi fino a 65mila euro? - Diario quotidiano del 18 ottobre 20181) Trattamento ai fini Iva per le attività socio-educative svolte dall’azienda agricola

2) Ok al rimborso dell’Iva anche se il bene non è dell’impresa: istruzioni della dichiarazione Iva da modificare

3) TFR: Coefficiente di rivalutazione per settembre 2018

4) Antiriciclaggio: il notariato si dota delle regole tecniche ex Dlgs 90/2017

5) Contratto di prestazione occasionale e Libretto famiglia

6) Condono, massimo vantaggio per chi parte da sopra 75.000 euro

7) La flat tax (regime forfettario allargato) vale solo per ricavi fino a 65mila euro?

8) Truffe online: tentativo di phishing al sito INPS

9) Reato per l’omesso versamento Iva, l’interesse non conta

10) L’obbligo di indossare un abbigliamento può incidere ai fini della distinzione tra lavoratore autonomo o meno

***

La flat tax (regime forfettario allargato) vale solo per ricavi fino a 65mila euro?

Come denota il quotidiano Repubblica e viene confermato nel comunicato stampa (notturno) del governo del 15 ottobre 2018, non compare più la seconda soglia, quella di 100mila euro, entro la quale si sarebbe dovuta pagare un’aliquota aggiuntiva del 5%.

Dunque, sembra che il regime forfettario allargato denominato flax tax riguarderà solo gli autonomi, le imprese e i professionisti con ricavi fino a 65mila euro.

Non compare infatti la seconda soglia, quella di 100mila euro, entro la quale si sarebbe dovuta pagare un’aliquota aggiuntiva del 5%, ma molto più difficile da attuare nella realtà.

La soglia sembra saltata, anche se il governo non esclude che ci possa essere una modifica nel corso dell’iter parlamentare della manovra, con un ampliamento della platea ai ricavi più alti. Una flax tax così com’è stata disegnata che dunque riguarderà solo una parte di aziende i professionisti.

Decreto fiscale

Tra le numerose misure previste dal decreto fiscale l’Agenzia delle entrate (in particolare, su fiscoggi.it) segnala:

  • rottamazione-ter – per coloro che hanno già beneficiato della rottamazione-bis e hanno versato almeno una rata, si introduce la possibilità di ridefinire il proprio debito fiscale (periodo 2000-2017) a condizioni agevolate (esclusione dal pagamento delle sanzioni e degli interessi di mora, rateizzazione del pagamento, in massimo 10 rate consecutive di pari importo, in 5 anni, corrispondendo un interesse ridotto del 2% l’anno, compensazione dei debiti con i crediti nei confronti della Pa);
  • stralcio dei debiti fino 1000 euro – cancellazione automatica di tutti i debiti fiscali, relativi al periodo che va dal 2000 al 2010, di importo residuo fino a 1000 euro;
  • definizione agevolatapreviste diverse ipotesi di definizione agevolata delle controversie tra i contribuenti e l’Amministrazione finanziaria (tra le altre, definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione a titolo di risorse proprie dell’Unione europea, delle controversie tributarie nei confronti dell’Agenzia delle entrate, degli atti del procedimento di accertamento, degli atti dei procedimenti verbali di contestazione e delle imposte di consumo);
  • fatturazione elettronicaconfermata l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019; per i primi sei mesi, peraltro, si prevede una riduzione delle sanzioni per chi non riuscirà ad adeguare i propri sistemi informatici al nuovo meccanismo;
  • semplificazione per emissione fatture – introdotta la possibilità di emettere fatture entro 10 giorni dalla operazione alla quale si riferiscono; inoltre, si stabilisce che le fatture vanno annotate nel registro entro il giorno 15 del mese successivo alla loro emissione; viene abrogato l’obbligo di registrazione progressiva degli acquisti;
  • Iva – il pagamento dell’Iva slitta al momento in cui la fattura viene incassata;
  • giustizia tributaria digitale – si introducono disposizioni finalizzate a favorire il processo telematico anche per la giustizia tributaria;
  • trasmissione…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it