Non punibili gli omessi versamenti contributivi di poco superiori alla soglia - Diario quotidiano del 10 settembre 2018

1) Non punibili i plurimi omessi versamenti contributivi se di poco superiori alla soglia prevista
2) Momento di prescrizione dell’azione di responsabilità verso gli amministratori
3) Modello Redditi omesso: si configura il dolo anche solo probabile per l’amministratore subentrante
4) Iva: Nuovi obblighi per prestazioni di servizi e vendite a distanza di beni
5) Attuazione di altre norme europee: vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali
6) “Fatture e Corrispettivi”: nuovo portale per la fattura elettronica
7) CNDCEC: Assemblea straordinaria dei Presidenti il 24-25 ottobre 2018 per la riforma dell’Ordinamento professionale
8) Convegno Nazionale dei Commercialisti ad Agrigento l’11/12 ottobre 2018
9) Manovra: 1,5 miliardi per Flat Tax sugli autonomi
10) E’ on line sul sito delle Entrate la sezione con le risposte alle istanze di interpello

1) Non punibili i plurimi omessi versamenti contributivi se di poco superiori alla soglia prevista

2) Momento di prescrizione dell’azione di responsabilità verso gli amministratori

3) Modello Redditi omesso: si configura il dolo anche solo probabile per l’amministratore subentrante

4) Iva: Nuovi obblighi per prestazioni di servizi e vendite a distanza di beni

5) Attuazione di altre norme europee: vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali

6) “Fatture e Corrispettivi”: nuovo portale per la fattura elettronica

7) CNDCEC: assemblea straordinaria dei Presidenti il 24-25 ottobre 2018 per la riforma dell’Ordinamento professionale

8) Convegno Nazionale dei Commercialisti ad Agrigento l’11/12 ottobre 2018

9) Manovra: 1,5 miliardi per Flat Tax sugli autonomi

10) E’ on line sul sito delle Entrate la sezione con le risposte alle istanze di interpello

 

Sconti esclusivi fino al 45 per cento per gli abbonati al sito

1) Non punibili i plurimi omessi versamenti contributivi se di poco superiori alla soglia prevista

La Corte di cassazione, sezione penale, nella sentenza n. 39413 del 3 settembre 2018, è favorevole all’applicazione della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto anche per i plurimi omessi versamenti contributivi se di poco superiori alla soglia prevista: La consumazione del reato è infatti collegata al debito complessivo annuo e non alle singole condotte mensili.

Il reato di omesso versamento di ritenute assistenziali e previdenziali, infatti, si consuma solo al raggiungimento della soglia di punibilità dei 10mila euro annui.

Lo stesso si configura come una fattispecie connotata da una progressione criminosa nel cui ambito, superato il limite di legge, le ulteriori omissioni consumate nel corso del medesimo anno costituiscono momenti esecutivi di un reato unitario a consumazione prolungata.

Il debito tributario, nella specie, ammontava a circa 11mila euro, superando di soli mille euro la soglia di punibilità; inoltre, aveva avuto ad oggetto mensilità discontinue, tanto che non poteva ravvisarsi il presupposto negativo dell’abilità a delinquere.

Nel caso di specie, tuttavia, la causa di non punibilità era stata negata sul presupposto che si trattava di reato caratterizzato da plurime condotte (i singoli omessi versamenti mensili), per cui sussisteva, secondo i giudici di merito, la preclusione di cui all’articolo 131-bis, comma 3, del Codice penale, attinente ai reati aventi ad oggetto condotte plurime e reiterate.

Di parere contrario, invece, i massimi giudici che hanno rilevato che proprio la lettera della norma citata, nel collegare l’abitualità del comportamento alla pluralità o reiterazione di condotte, si riferisce solo a quelle che già di per sé costituiscono reato, anche isolatamente valutate.

Dunque, la causa di non punibilità della particolare tenuità del fatto, giacché configurabile, in presenza dei presupposti e nel rispetto dei limiti fissati dalla norma, a ogni fattispecie criminosa, non è in astratto incompatibile, con la presenza di soglie di punibilità all’interno della fattispecie tipica, anche nel caso in cui, al di sotto della soglia di rilevanza penale, vi sia una fattispecie che integra l’illecito amministrativo.

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DIARIO (13 pagine) NEL PDF QUI SOTTO

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it