L’assicurazione INAIL (seconda parte) - Gli approfondimenti in materia di Lavoro

Prosegue la guida al rapporto assicurativo obbligatorio con l’INAIL. Ecco gli argomenti trattati in questa seconda parte:
La gestione dei rapporti con le aziende G.R.A.
I premi assicurativi
Il premio silicosi e asbetosi
La retribuzione assicurativa INAIL
Le tariffe dei premi INAIL
L’inquadramento tariffario INAIL
La classificazione tariffaria INAIL
Le oscillazioni dei tassi INAIL

premi inail

 

 

 

 

LA GESTIONE DEI RAPPORTI CON LE AZIENDE G.R.A.
Tabella 16
I PREMI ASSICURATIVI
Tabella 17
IL PREMIO SILICOSI E ASBETOSI
Tabella 18
Tabella 19
Tabella 20
LA RETRIBUZIONE ASSICURATIVA I.N.A.I.L.
Tabella 21
Tabella 22
LE TARIFFE DEI PREMI INAIL
Tabella 23
L’INQUADRAMENTO TARIFFARIO INAIL
Tabella 24
LA CLASSIFICAZIONE TARIFFARIA INAIL
Tabella 25
Tabella 26
Tabella 27
Tabella 28
LE OSCILLAZIONI DEI TASSI INAIL
Tabella 29
Tabella 30

***

LA GESTIONE DEI RAPPORTI CON LE AZIENDE G.R.A.

Tabella 16

È la struttura con cui l’INAIL, a partire dal 2000, provvede alla gestione dei rapporti con gli assicuranti, ai quali, all’atto dell’iscrizione, attribuisce:

  • un Codice ditta indissolubilmente associato al codice fiscale (non alla partita IVA) aziendale;
  • la/e P.A.T. – Posizioni Assicurative Territoriali – una per ogni “Unità produttiva” che sia tale ai sensi dell’articolo  2, comma 1, lettera t) del Decreto Legislativo n. 81/2008, dotata cioè di autonomia finanziaria e tecnico-funzionale (“«unità produttiva»: stabilimento o struttura finalizzati alla produzione di beni o all’erogazione di servizi, dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale”)
  • le Polizze relative ai soggetti e oggetti assicurati;
  • i Rischi, dati dalle diverse basi di calcolo dei premi.

I PREMI ASSICURATIVI

Tabella 17

Il premio INAIL (che non è un contributo) rappresenta il costo dell’assicurazione, ed è completamente a carico del datore di lavoro o assicurante (tranne che nel caso rappresentato dai lavoratori parasubordinati). Il premio INAIL può assumere la forma di:

  • premio ordinario, quando è calcolato sulla base delle retribuzioni imponibili degli assicurati, e del tasso di Tariffa dell’attività svolta e assicurata, eventualmente oscillato. Si applica ai lavoratori dipendenti e assimilati, ed è diversificato a seconda del Settore tariffario, del rischio delle lavorazioni svolte e dell’andamento infortunistico;
  • premio speciale, predeterminato per legge, che considera altri elementi: le classi di rischio, il numero dei soggetti od oggetti assicurati, la natura e la durata dei lavori, ecc. Si applica agli autonomi artigiani, viene precalcolato in base alla retribuzioni convenzionali ed a 9 classi di rischio omogeneo, ma anche alle c.d. «Gestioni speciali» INAIL: facchini, apparecchi rx e sostanze radioattive, frantoi, ecc.

Il gettito dei premio, che è l’unica fonte di finanziamento della assicurazione INAIL, comprende anche la copertura contro tutte le malattie professionali, tranne la Silicosi e l’Asbestosi.

CONTINUA… LEGGI L’APPROFONDIMENTO COMPLETO (15 pagine) NEL PDF QUI SOTTO

Massimo Pipino

26 settembre 2018

CLICCA QUI PER COLLEGARTI ALLA PRIMA PARTE

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it