Scheda carburante: dal 1° luglio solo con pagamenti tracciabili - Diario Quotidiano del 2 luglio 2018

Le notizie di oggi:
1) Dal 1° luglio 2018 scheda carburante con pagamenti solo tracciabili
2) Per non perdere il bonus prima casa occorre aspettare 5 anni prima di vendere l’immobile
3) La disciplina del Whistleblowing
4) MISE: pubblicato il decreto attuativo sul credito d’imposta per le spese di quotazione delle PMI
5) Sviluppi del diritto europeo: regolamento sul geo-blocking e “New Deal for Consumers”
6) Rivalutazione terreni e partecipazioni: scade oggi il termine per la sostitutiva
7) Niente IRAP sui contratti di compartecipazione dei calciatori
8) Entratel: dal 9 luglio 2018 gli intermediari dovranno segnalare le eventuali violazioni sull’invio dati
9) Mancata risposta al Fisco: documentazione valida per il contenzioso o no ?
10) IVA detraibile per gli immobili locati

Le notizie di oggi:

1) Dal 1° luglio 2018 scheda carburante con pagamenti solo tracciabili
2) Per non perdere il bonus prima casa occorre aspettare 5 anni prima di vendere l’immobile
3) La disciplina del Whistleblowing
4) MISE: pubblicato il decreto attuativo sul credito d’imposta per le spese di quotazione delle PMI
5) Sviluppi del diritto europeo: regolamento sul geo-blocking e “New Deal for Consumers”
6) Rivalutazione terreni e partecipazioni: scade oggi il termine per la sostitutiva
7) Niente IRAP sui contratti di compartecipazione dei calciatori
8) Entratel: dal 9 luglio 2018 gli intermediari dovranno segnalare le eventuali violazioni sull’invio dati
9) Mancata risposta al Fisco: documentazione valida per il contenzioso o no?
10) IVA detraibile per gli immobili locati 

***

Dal 1° luglio 2018 scheda carburante con pagamenti solo tracciabili

Il comma 923 della Legge di bilancio 2018 prevede per la detraibilità Iva dal 1.7.2018 il pagamento con strumenti tracciabili. Stessa cosa per le imposte sui redditi (comma 922 della stessa legge).

Quindi, dal 1° luglio 2018, scheda carburante accompagnata soltanto da pagamenti non in contanti.

In caso contrario si perde la detraibilità Iva e la deduzione ai fini delle imposte sui redditi appunto dal prossimo 1 luglio.

È ormai ufficiale (dai giorni scorsi) la proroga degli obblighi dell’E-fattura fino al 31-12-2018 per il pieno dei veicoli a motore, difatti il D.L. 79/2018 è stato pubblicato in G.U. n. 148 del 28-6-2018.

RIMANI AGGIORNATO SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA!

Prorogata, dunque, al 1° gennaio 2019 la fatturazione elettronica per la cessione di gasolio e benzina per autotrazione presso gli impianti stradali di distribuzione. Resta, quindi, fino al 31 dicembre 2018 la carta carburanti e dal 1° luglio 2018 la deducibilità del costo ai fini delle imposte dirette in applicazione dell’articolo 164 del Tuir, e per l’Iva, viene resa possibile solo se il pagamento avviene in forma tracciata dall’articolo 19.bis-1 del dpr 633/72.

Subappaltatori fuori dalla proroga

La proroga non incide su due ulteriori obblighi, la cui entrata in vigore è prevista dal 1° luglio 2018:

    • l’obbligo di fatturazione elettronica per le prestazioni dei subappaltatori che operano in una filiera di imprese nel quadro di contratti di appalto stipulati con la P.A.;
    • la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri relativi alle cessioni di carburanti.

 

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DIARIO (12 pagine) NEL PDF QUI SOTTO

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it