IMU e TASI 2018: esenzione IMU e TASI previste per anziani e disabili ricoverati

Nell’imminenza della data in cui va a scadere l’obbligo di versamento dell’acconto di IMU e TASI (18 giugno p.v.) uno degli interrogativi più frequenti è quello relativo all’esenzione dal versamento per anziani e disabili non residenti nel proprio domicilio ma presso strutture assistenziali.
La risposta al quesito non è semplice ne univoca perché a stabilire se l’anziano ricoverato in una casa di riposo o il disabile residente in una struttura sanitaria paga o meno le due imposte è la singola Amministrazione comunale.
Prima di entrare nel dettaglio di come funziona la specifica agevolazione per i soggetti ricoverati in maniera permanente, è bene ricordare che con la Legge di Stabilità 2016 è stato introdotto l’esonero dal pagamento per la prima casa, eccetto che in specifici casi, ovvero per immobili di categorie catastali di lusso.
Nel caso di cui al presente lavoro sarà quindi necessario verificare attentamente quali siano i casi di assimilazione ad abitazione principale che, in apposita delibera, sono stati previsti dal Comune in cui è ubicato l’immobile: l’agevolazione per gli anziani ricoverati rientra tra queste ipotesi ed è, in sostanza, un esonero facoltativo.
Esenzione IMU e Tasi 2018 per anziani e disabili ricoverati: chi gode del diritto?
Come appena accennato l’esenzione dal versamento di IMU e TASI 2018 per gli anziani e i disabili ricoverati in case di riposo ovvero in strutture appositamente predisposte, rientra tra i casi di assimilazione facoltativa che vengono stabiliti dalla singola Amministrazione comunale.
In caso di approvazione dell’agevolazione, la casa posseduta viene considerata come abitazione principale anche quando non risultano rispettate le due regole previste per l’esenzione relativa alla “residenza principale” (attenzione che il concetto di “residenza principale” non è sinonimo di ”prima casa” in quanto i criteri per definire la “prima casa” sono assai meno restrittivi): dimora abituale e residenza anagrafica.
Questi casi si verificano, ad esempio, nel caso in cui l’anziano risiede in una casa di riposo in quanto ricoverato in maniera permanente, ovvero quando la medesima situazione riguardi un disabile che vive in una struttura sanitaria per motivi di assistenza e cura.
Tuttavia, come si è precedentemente ricordato, l’esenzione IMU e TASI per quei soggetti che si trovano ad essere ricoverati e con residenza nella struttura sanitaria si applica soltanto in quei Comuni che hanno approvato con specifica delibera l’“assimilazione ad abitazione principale dell’unità abitativa in possesso o usufrutto dell’anziano”.
Esenzione da IMU e TASI per anziani e disabili ricoverati: i requisiti per l’esonero
Oltre a verificare la delibera adottata da parte del Comune, anziani e disabili ricoverati e che hanno acquisito la residenza nella casa di riposo o nella struttura sanitaria non dovranno pagare le due imposte in scadenza il 18 giugno 2018 solo nel caso in cui le unità immobiliari possedute a titolo di proprietà o usufrutto non siano state date in affitto.
In sostanza, l’agevolazione per IMU e TASI 2018 troverà applicazione al ricorrere dei seguenti requisiti:
• adozione da parte dell’Amministrazione comunale della delibera dalla quale deve risultare l’assimilazione ad abitazione principale per l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente;
• immobile non locato.
Quando anziani e disabili sono tenuti al pagamento di IMU e TASI
L’esonero dal pagamento di IMU e TASI per l’anziano ricoverato in casa riposo o struttura di cura in cui abbia trasferito la propria residenza anagrafica è previsto quindi soltanto nei casi in cui il Comune stabilisca l’assimilazione ad abitazione principale dell’unità abitativa e quando la stessa non risulti essere stata data in …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it