Ecco gli studi di settore ammessi al regime premiale per il 2017 - Diario quotidiano del Commercialista

1) Frodi UE e prescrizione: la “regola taricco” é incostituzionale per contrasto con il principio di determinatezza in materia penale

2) Diritto ad opporsi contro gli atti dell’esecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento

3) Competenza sugli interpelli al Fisco

4) Costi aziendali sempre deducibili anche con fattura generica

5) Report Regione per Regione sul mercato locale delle abitazioni

6) Pagamento di retribuzioni e compensi tracciabili dal 1 luglio 2018 tra luci ed ombre

7) Nuova disciplina delle (PMI) Srl spiegata dal nuovo Studio del Notariato

8) Ecco gli studi di settore ammessi al regime premiale per il 2017

9) Sanzioni da remissione in bonis: stessi codici tributo, ma si utilizzano con altro modello F24

10) Società tra Professionisti: adeguamenti al sistema di profilazione per l’accesso ai servizi telematici correlati ai rapporti assicurativi

****

Ecco gli studi di settore ammessi al regime premiale per il 2017

Ecco i 155 studi di settore ammessi al regime premiale per il 2017: le regole delle Entrate su criteri e requisiti di accesso. Sono 155 gli studi di settore che hanno accesso al regime premiale per il periodo d’imposta 2017. Con il Provvedimento n. 110050 del 1 giugno 2018 emesso dal direttore dell’Agenzia delle Entrate sono stati, infatti, individuati gli studi ammessi alla disciplina di favore introdotta dal Decreto Legge 201/2011, che prevede una serie di benefici per chi risulta in linea con le risultanze degli studi stessi, sia per ricavi o compensi sia in relazione a specifici indicatori di coerenza e normalità.

Quali sono gli studi ammessi

Il Provvedimento – pubblicato il 1 giugno 2018 sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate – conferma che anche per il 2017 sono 155 gli studi di settore che beneficeranno del regime premiale. Come già previsto per l’anno 2016, il regime premiale si applicherà agli studi per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno 4 diverse tipologie tra: efficienza e produttività del fattore lavoro; efficienza e produttività del fattore capitale; efficienza di gestione delle scorte; redditività; struttura. In alternativa, gli studi che consentiranno l’accesso a tale regime dovranno contenere indicatori riferibili ad almeno tre delle tipologie indicate sopra e, contemporaneamente, prevedere l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti”.

Chi può fruire del regime di favore

Possono accedere al regime premiale i contribuenti che dichiarano ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore, che hanno regolarmente assolto agli obblighi di comunicazione dei dati e che risultano coerenti e normali con gli specifici indicatori previsti dai decreti di approvazione degli studi applicabili.

I benefici per i contribuenti “virtuosi”

I contribuenti ammessi al premiale possono beneficiare dell’esclusione dagli accertamenti analitico-presuntivi, della riduzione di un anno dei termini di decadenza per l’attività di accertamento e della possibilità di determinazione sintetica del reddito complessivo, solo nel caso in cui lo stesso ecceda di almeno un terzo quello dichiarato (invece che di un quinto, come ordinariamente previsto). (Agenzia delle entrate, comunicato n. 67 del 1 giugno 2018)

……

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DIARIO (19 pagine) NEL PDF QUI SOTTO==>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it