Studi settore 2018: i correttivi congiunturali - Diario quotidiano dell'8 maggio 2018

1) Studi di settore 2018: correttivi congiunturali in Gazzetta Ufficiale

2) Studi di settore: il cassetto fiscale si arricchisce di nuovi dati

3) Una vera polizza vita deve garantire la restituzione del capitale “investito”

4) Dal CNDCEC arrivano le linee guida sulla nuova privacy degli Ordini territoriali

5) Entrate tributarie, nel primo trimestre del 2018 gettito di 97 miliardi (+2,8%)

6) Tra i due nuovi studi del Notariato: affiancamento in agricoltura (Legge di Bilancio 2018)

7) Definizione agevolata: domanda di adesione entro il 15 maggio 2018, lo ricorda anche l’INPS

8) Durc: i consulenti lavoro chiedono all’Inps di semplificare flussi e procedure

9) E’ tutto pronto per la fattura elettronica? dubbi dal CNCL

10) Gli italiani sono “leali contribuenti”, per cui verranno sottoposti a verifica solo quelli a rischio (ISA?)

***

Studi di settore: correttivi congiunturali in G.U.

Il Decreto del MEF 23 aprile 2018, recante Approvazione della revisione congiunturale speciale degli studi di settore per il periodo d’imposta 2017”, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2018.

Ecco di seguito il contenuto dell’unico articolo che compone il provvedimento, oltre al provvedimento in forma grafica:

Approvazione della revisione congiunturale speciale degli studi di settore

<<1. Per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2017 è approvata, in base all’art. 8 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, la revisione congiunturale speciale degli studi di settore relativi alle attivita’ economiche nel settore delle manifatture, dei servizi, delle attivita’ professionali e del commercio, al fine di tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati.

  1. Gli studi di settore in vigore per il periodo di imposta indicato al comma precedente sono quelli approvati con i decreti ministeriali 29 dicembre 2014, 22 dicembre 2015 e 22 dicembre 2016.

  2. I ricavi e i compensi, risultanti dall’applicazione degli studi di settore in vigore per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2017, nonchè la coerenza agli specifici indicatori di coerenza e normalità economica, segnalati dal programma informatico di ausilio all’applicazione degli studi stessi, sono determinati sulla base della nota tecnica e metodologica di cui all’allegato 1 del presente decreto.

  3. I contribuenti che, per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2017, dichiarano, anche a seguito dell’adeguamento, ricavi o compensi di ammontare non inferiore   a   quello   risultante dall’applicazione degli studi di settore integrati con i correttivi approvati con il presente decreto, non sono assoggettabili, per tale annualita’, ad accertamento ai sensi dell’art. 10 della legge 8 maggio 1998, n. 146 >>.

PARTECIPA ALLA VIDEOCONFERENZA DEL 10 MAGGIO SUL MODELLO REDDITI 2018

******

Studi di settore: il cassetto fiscale si arricchisce di nuovi dati

Ancora più informazioni condivise con i contribuenti che rientrano negli studi di settore. Dal 7 maggio 2018, infatti, il prospetto riepilogativo del cassetto fiscale, contenente le informazioni più significative degli studi presentati nei precedenti periodi d’imposta, viene integrato con i dati e le notizie relative al quinquennio 2012-2016.

Aggiornato il prospetto fino al 2016

Grazie alle informazioni presenti nel proprio prospetto riepilogativo, il contribuente potrà consultare i principali dati dichiarativi relativi agli studi di settore e, nel caso in cui riscontri errori o omissioni, potrà regolarizzare la propria posizione.

Online l’elenco delle informazioni disponibili

Nella sezione del sito internet dell’Agenzia dedicata agli studi di settore è riportata…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it