Pubblicate le regole tecniche per la fatturazione elettronica - Diario quotidiano del 10 maggio 2018

1) IVA: pubblicate le regole tecniche per la fatturazione elettronica

2) Enti del Terzo Settore (ETS): presupposti per agevolazioni fiscali, scritture contabili, bilancio e Organo di Controllo

3) Definizione PMI: risposta alla consultazione della Commissione europea

4) Credito Iva inesistente, poi compensato: basta una sola sanzione

5) Firmato decreto attuativo su formazione 4.0

6) Linee guida Revisori dei Comuni in G.U.

7) Sul transfer pricing il confronto con il Mef è continuo

8) Erogazione di 6 milioni di euro a piccole e medie imprese per lo sviluppo ed occupazione

9) Per gli ultra 65 più facile ottenere l’indennità di accompagnamento

10) Regolarità contributiva: arrivano le semplificazioni?

****

IVA: pubblicate le regole tecniche per la fatturazione elettronica

Assonime, in una nota emanata il 7 maggio 2019, si sofferma sul contenuto del provvedimento prot. n. 89757 del 30 aprile 2018, con il quale il Direttore dell’Agenzia delle entrate ha emanato le regole tecniche per la corretta emissione, variazione, trasmissione e ricezione – tramite il Sistema di Interscambio – delle fatture elettroniche per le operazioni economiche realizzate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato.

Nelle motivazioni del provvedimento viene, peraltro, precisato che, per le fatture elettroniche da inviare alla Pubblica Amministrazione, restano valide le vigenti regole tecniche previste dal decreto ministeriale n. 53 del 2013.

Definizione e contenuto

Nel provvedimento viene individuato come fattura elettronica – ordinaria o semplificata – il documento emesso in formato XML, contenente tutte le informazioni obbligatorie richieste dagli artt. 21 e 21 bis del d.p.r. n. 633 del 1972, oltre ad eventuali informazioni facoltative, e trasmesso per via telematica al Sistema di Interscambio.

Predisposizione e trasmissione

Il file fattura potrà essere predisposto dai soggetti passivi IVA, gratuitamente, attraverso i seguenti strumenti resi disponibili dall’Agenzia:

  • procedura web;
  • applicazione utilizzabile da strumenti mobili;
  • software da installare su PC.

La trasmissione della fattura elettronica deve avvenire ad opera del soggetto tenuto alla sua emissione a norma dell’art. 21 del d.p.r. n. 633 del 1972, oppure, per conto di questi, da un intermediario abilitato.

Tali soggetti possono trasmettere la fattura elettronica al Sistema di Interscambio tramite:

  • posta elettronica certificata;
  • procedura web e app, messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate.

Previo accreditamento al Sistema di Interscambio, la fattura elettronica potrà essere trasmessa anche per mezzo di:

  • web service;
  • sistema trasmissione dati tra terminali remoti.

Recapito ordinario e semplificato

Il Sistema di Interscambio recapita la fattura elettronica, trasmessa dal cedente o prestatore, all’indirizzo telematico – pec o codice destinatario – scelto dal cessionario o committente in sede di registrazione al servizio fornito dall’Agenzia. In mancanza di tale registrazione, l’emittente potrà indicare nel file fattura l’indirizzo telematico comunicatogli direttamente dal destinatario, in modo che il Sistema di Interscambio possa recapitare la fattura a tale indirizzo.

Nel caso invece in cui il destinatario della fattura sia un consumatore finale, un soggetto IVA rientrante nei particolari regimi di favore riservati ai contribuenti minori (di vantaggio, forfettario o degli agricoltori esonerati) oppure un soggetto passivo che si trovi nell’impossibilità di utilizzare i suddetti canali di trasmissione, il soggetto che deve trasmettere la fattura inserirà nel campo “Codice destinatario” un codice convenzionale composto da sette zeri: in tal modo la fattura verrà messa a disposizione del destinatario in un’apposita area web dell’Agenzia delle entrate.

Per le operazioni effettuate nei confronti dei privati consumatori, il soggetto che emette la fattura è obbligato a consegnare loro direttamente anche una…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it