Il Commercialista Gastronomico e la cucina povera: il Macafame vicentino

In tempo di quaresima il Commercialista Gastronomico riscopre le ricette “povere” della cucina regionale, nello specifico del riciclo che la nostra cultura gastronomica ben conosce.
La tradizione vicentina propone “un dolce”, o meglio come lo definì il poeta Vicentino Luigi Meneghello in Maredè «Quella nostra magra torta è circondata per me da una vaga aura di irrealtà. In primo luogo non era una vera torta, piuttosto una parodia di torta; in secondo luogo anche la torta legittima, benché le fosse riconosciuta una funzione nei matrimoni o nei battesimi, non era veramente cibo».
Si tratta di un dolce adatto, se non a saziare, come dice il nome, almeno “ad ammaccare la fame”.
Nato sicuramente in tempi duri, questo dolce viene fatto tuttora dalle famiglie vicentine; ottimo a colazione e per uno spuntino fuori casa.

Ingredienti:
• 300 gr di pane raffermo
• 500 ml di latte (da aumentare all’occorrenza)
• 3 uova
• 100 gr di zucchero semolato
• 80 gr di burro
• 150 gr di uva passa
• 1 bicchierino di grappa
• 1 bustina di lievito in polvere per dolci
• scorza grattugiata di 1 limone
• 4 mele (600g circa)

Per prima cosa tagliate il pane a pezzetti, mettetelo in una ciotola e bagnatelo con il latte che avrete fatto precedentemente intiepidire.
La quantità di latte necessaria dipende da quanto è secco il pane. All’inizio ne scalderete e verserete 1/2 litro, se il pane raffermo ha più di 4 giorni, aggiunte altro latte tiepido fino ad inumidire completamente il pane. Lasciate riposare per qualche ora, se il pane è particolarmente raffermo iniziate la sera prima per continuare il giorno dopo.

Mettete l’uvetta in ammollo in acqua tiepida per circa mezz’ora, e dopo averla strizzata, fatela insaporire immergendola nella grappa grappa.

Sbattete le uova e unitele al pane ammollato, a questo impasto aggiunte lo zucchero, il burro sciolto a bagnomaria, la scorza grattugiata del limone, l’uva passa con tutto il liquore ed il lievito. Mescolate energicamente il tutto fino a renderlo cremoso.

Sbucciate le mele, tagliatele a tocchetti grossolanamente, e unitele al composto.
Imburrate la teglia e versatevi l’impasto. Fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per almeno un’ora, sino a quando non raggiunge una doratura omogenea.
Potete servirlo sia a temperatura ambiente che tiepido.

3 marzo 2018
Valeria Nicoletti

Il Commercialista Gastronomico di Carnevale: le fritole veneziane

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it