Colf e badanti: entro il 31 marzo deve essere rilasciato il documento attestante le somme erogate nel 2017 - Circolare del lavoro del 20 marzo 2018

Oltre alle scadenze per il CUD di colf e badanti, nelle 30 pagine di rassegna trattiamo tante novità in materia di consulenza del lavoro: la privacy e gli impianti di videosorveglianza, il lavoro intermittente senza DVR, il lavoro intermittente e l’indennità NASPI, previdenza integrativa: quali sono gli obblighi del datore di lavoro per i non iscritti…

1) San.Arti: campagna iscrizione volontari 2017/2018. Seconda finestra d’iscrizione
2) Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce – Nota n. 43/2018: Collocamento mirato disabili: computo dei lavoratori stagionali
3) Ispettorato Nazionale del Lavoro – Lettera circolare n. 50 del 15 marzo 2018: collaboratori familiari in artigianato, agricoltura e commercio
4) Lavoro intermittente senza DVR, trasformazione a tempo indeterminato part-time
5) Riforma del modello contrattuale: definito l’accordo tra Confindustria e sigle sindacali
6) INPS – Circolare n. 46 del 14 marzo 2018: benefici per i lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario
7) Assegni familiari 2018: tabelle ANF, calcolo e modalità di richiesta
8) Ispettorato Nazionale del Lavoro – Circolare n. 5/2018: installazione e utilizzazione di impianti audiovisivi – precisazioni ulteriori
9) INPS: convenzione con il Ministero della Salute per la comunicazione dello stato di ricovero
10) INPS – Messaggio n. messaggio n. 1138 del 14 marzo 2018: iscrizione alla gestione artigiani dei c.d. “artigiani di fatto”
11) Ipotesi di accordo 13 marzo 2018 per il rinnovo del CCNL Area Legno-Lapidei
12) CCNL AREA COMUNICAZIONE: verbale integrativo con le tabelle retributive
13) INPS – Messaggio n. 1099 del 12 marzo 2018: prestazioni occasionali, prima versione del portale intranet
14) INPS – Messaggio 16 marzo 2018 n. 1162: indennità Naspi al lavoratore titolare di un contratto di lavoro intermittente
15) On line i valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio per le imprese di autotrasporto conto terzi
16) Colf e badanti: entro il 31 marzo p.v. deve essere rilasciato il documento attestante le somme erogate nel 2017
17) Dirigenti: è stato adeguato lo statuto del Fondo di previdenza complementare alle novità della Legge di bilancio 2018
18) Fondo EST: le contribuzione e le relative prestazioni sanitarie sono sempre obbligatorie
19) Sanarti – Circolare del 5 marzo 2018 n.5 possibile la restituzione della quota fissa destinata ad EBNA in caso di mancata adesione alla bilateralità
20) Previdenza integrativa: quali sono gli obblighi del datore di lavoro per i non iscritti

Gli approfondimenti della Rassegna Sindacale e previdenziale
L’ASSICURAZIONE I.N.A.I.L. (seconda parte)

****

-) Colf e badanti: entro il 31 marzo p.v. deve essere rilasciato il documento attestante le somme erogate nel 2017

Assindatcolf, sul proprio sito internet, il 15 marzo 2018, ha ricordato che il 31 marzo p.v. i datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze colf, badanti e baby sitter dovranno ricordarsi di rilasciare ai lavoratori, oltre alla busta paga, anche il documento che attesta il totale delle somme erogate nel corso del 2017.

Secondo la nota, si tratta di una sorta di certificazione unica (il vecchio Cud) ma con delle sostanziali differenze, poiché il datore di lavoro domestico non è individuato come sostituto di imposta e pertanto non è tenuto a rilasciare la Cu.

L’articolo 33 del CCNL del lavoro domestico, infatti, fa riferimento ad una semplice attestazione da consegnare almeno 30 giorni prima della scadenza dei termini di presentazione della dichiarazione dei redditi o in caso di cessazione del rapporto di lavoro. Il datore di lavoro domestico è obbligato a fornire alla colf, alla badante o alla baby sitter una copia di questa documentazione, che servirà al lavoratore ai fini dell’eventuale presentazione della sua dichiarazione dei redditi, del calcolo dell’Isee familiare, nonché per le pratiche del rinnovo del permesso di soggiorno (per i cittadini extracomunitari).

Secondo Assindatcolf, per prima cosa andranno inseriti i dati anagrafici sia del lavoratore che del datore di lavoro, comprensivi di codice fiscale. Indispensabile, poi, indicare l’anno di riferimento, in questo caso il 2017, ed il totale delle somme lorde erogate nello stesso periodo di riferimento.

Questa cifra dovrà…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it