Spesometro semplificato del 2' semestre 2017: scadenza fissata il 6 aprile - Diario quotidiano del 6 febbraio 2018

1) False mail delle Entrate da non aprire: si tratta di nuovi tentativi di phishing

2) Valute virtuali: schema decreto per censire in pubblica consultazione

3) Ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti

4) Variazione dell’interesse legale dal 2018: riflessi sul calcolo delle somme contributive

5) Antiriciclaggio & Cndcec: gli ordini territoriali dei commercialisti entro il 28 febbraio trasmettano le “attività eseguite”

6) Bonus prima casa in salvo se la seconda non è idonea per la famiglia

7) Fisco: nuovo spesometro semplificato scadenza fissata al 6 aprile 2018

8) Precompilata: prorogato all’8 febbraio 2018 il termine per la trasmissione delle spese sanitarie

9) Valori per il calcolo delle contribuzioni per l’anno 2018: precisazioni per gennaio

10) In arrivo sul cassetto previdenziale gli avvisi bonari per la rata di novembre 2017

11) Commercialisti: nuovo regolamento per la formazione professionale continua pubblicato sul bollettino ufficiale

****

Fisco: nuovo spesometro semplificato scadenza fissata al 6 aprile 2018

La comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 si potrà trasmettere fino al prossimo 6 aprile 2018. Stesso termine anche per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute e per le relative variazioni.

Lo stabilisce il provvedimento del 5 febbraio 2018 firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, con cui, dopo il confronto con gli operatori sulla bozza pubblicata il 19 gennaio scorso, recepisce in forma definitiva le semplificazioni introdotte dal dl n. 148/2017. Tra le nuove misure, finalizzate ad alleggerire gli adempimenti per imprese e professionisti, vengono semplificate e ridotte le informazioni richieste, diventa possibile comunicare i dati riepilogativi per le fatture emesse e ricevute di importo inferiore a 300 euro, diventa facoltativa la scelta di trasmettere i dati con cadenza trimestrale o semestrale.

Due mesi per inviare i dati delle fatture

Per garantire il rispetto delle norme dello Statuto del contribuente, la scadenza per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017, originariamente fissata al 28 febbraio, viene spostata al 6 aprile 2018, ossia al sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione del provvedimento odierno. Alla stessa data è fissata la scadenza per le eventuali integrazioni e per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute. Inoltre, le comunicazioni delle fatture riferite alle operazioni del 2018 – anche per chi esercita l’opzione – potranno essere inviate con cadenza trimestrale o semestrale.

Le semplificazioni

Come detto, il provvedimento recepisce le novità introdotte dal dl n. 148/2017, in particolare per le fatture di importo inferiore a 300 euro registrate cumulativamente è possibile comunicare i dati relativi al documento riepilogativo anziché quelli dei singoli documenti. Viene inoltre limitato il numero delle informazioni da trasmettere, perché diventa facoltativo compilare i dati anagrafici di dettaglio delle controparti. Infine, i contribuenti possono trasmettere i dati delle fatture emesse, di quelle ricevute e delle relative variazioni sia con cadenza trimestrale che con cadenza semestrale. Le nuove regole possono essere utilizzate anche per inviare le comunicazioni integrative di quelle errate riferite al primo semestre 2017. I contribuenti che intendono continuare a utilizzare il software di mercato usato per predisporre la comunicazione del primo semestre 2017 possono continuare a trasmettere i dati secondo le precedenti regole.

Online due software di supporto

Per agevolare i contribuenti e gli intermediari, l’Agenzia mette a disposizione sul proprio sito internet due pacchetti software gratuiti, uno per il controllo dei file delle comunicazioni e uno per la loro compilazione (ndr: tuttavia, quest’ultimo non sembra al momento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it