Diario quotidiano del 23 febbraio 2018: la presentazione del modello 770 con due intermediari

1) Modello 770/2018 con due intermediari: per l’invio si ritorna al passato
2) Incentivi a fondo perduto: inserimento online dei progetti delle aziende entro il 19 aprile 2018
3) E’ pronto il portale “Acquisti in rete” Mef-Consip
4) Esonero contributivo: sull’applicazione del regime de minimis ai coltivatori diretti
5) Cumulo dei contributi previdenziali per il professionista: con l’accordo tra Inps e Adepp la validazione dati sarà online
6) Indebita compensazione: va bene la diversa soglia di punibilità prevista per il reato
7) Contributi volontari 2018 per lavoratori non agricoli, lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata
8) La mancata firma sulla dichiarazione Iva non rende immuni da responsabilità
9) Start up: nuove regole per le agevolazioni
10) Consultazione pubblica sui prezzi di trasferimento
*****
1) Modello 770/2018 con due intermediari: per l’invio si ritorna al passato
In presenza di due intermediari (ad es. Commercialista solo fiscalista e Consulente del lavoro) si ritorna al passato.
Una novità, che non verrà accolta bene dai professionisti, è il ritorno dell’obbligo di indicazione dei dati dell’intermediario che invia la restante parte. Ma non solo: Si dovrà anche indicare quali tipologie di ritenute l’altro intermediario indicherà sul proprio modello, tra le cinque tipologie in cui vengono da quest’anno classificate le ritenute.
Una nota diffusa nei giorni scorsi da uno dei componenti del comitato tecnico di Assosoftware si sofferma sulle novità che hanno interessato il Modello 770/2018.
Altra novità è quella che gli intermediari che inviano la restante parte del modello 770/2018 potranno essere fino a due, per un totale di tre intermediari.
Un ulteriore novità quella che, qualora l’invio sia effettuato direttamente dal sostituto stesso oppure da un solo intermediario, il modello non potrà essere spezzato e inviato in più parti. Questo poiché le specifiche tecniche, “attualmente disponibili in bozza, pur limitandosi a precisare soltanto che il codice fiscale del secondo e del terzo intermediario devono essere diversi, sembrano dare in realtà come chiave di lettura quella che l’invio possa essere spezzato solo se vi sono effettivamente più soggetti che trattano tipologie di ritenute diverse. In altre parole, la spezzatura in più flussi del modello 770 da parte dello stesso intermediario per proprie esigenze gestionali o operative non sembra essere più ammessa”.
Sezione “Redazione della dichiarazione – Quadri compilati e ritenute operate”
Ecco di seguito un ampio stralcio della citata nota di Assosoftware.
<<La facoltà di trasmettere i dati separatamente, ovvero in un unico flusso, deve essere comunicata dal contribuente compilando il campo “Tipologia invio” presente nel riquadro “Redazione della dichiarazione – Quadri compilati e ritenute operate” del frontespizio.
In particolare occorre indicare uno dei due seguenti codici:
– «1» nel caso in cui il contribuente opti per trasmettere un unico flusso contenente i dati riferiti ai diversi redditi gestiti nel modello;
– «2» nel caso in cui il sostituto opti per inviare separatamente i dati relativi ai diversi redditi gestiti nel modello 770/2018.
L’invio separato riguarda cinque tipologie di ritenute:
– redditi di lavoro dipendente;
– redditi di lavoro autonomo;
– redditi di capitale;
– redditi di locazione breve;
– redditi diversi.
Qualora il contribuente indichi il codice «1», dovrà poi a seguire indicare – barrando le apposite caselle – quali delle predette comunque tipologie di ritenuta sono contenute nel modello e barrare contestualmente anche i quadri effettivamente compilati.
Qualora, invece, il contribuente indichi il codice «2», dovrà anche indicare – oltre alle tipologie di ritenute e ai quadri contenuti nel modello in trattamento – anche le informazioni contenute nei modelli che saranno inviati dagli altri Intermediari, compilando …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it