A quando le multe via PEC? - Diario quotidiano del 23 gennaio 2018

1) Dal 1 gennaio 2018 nelle Coop niente più Amministratore Unico
2) Studi di settore nel mirino della UE
3) Multe via PEC: è ancora presto?
4) Aliquote Iva in Europa
5) Nuovi termini per la detrazione Iva: aspetti operativi
6) Richiesta del certificato di agibilità per le imprese dello spettacolo
7) Proroga di un anno per bonus elettrodomestici e mobili
8) Adeguamenti degli statuti di società cooperative
9) Dichiarazioni di importazione: l’Agenzia Dogane favorisce la compliance
10) Sanzionabile lo sdoganamento “post” di merce allo stato estero scortata da documento di transito

1) Dal 1 gennaio 2018 nelle Coop niente più amministratore unico

2) Studi di settore nel mirino della UE

3) Multe via PEC: è ancora presto?

4) Aliquote Iva in Europa

5) Nuovi termini per la detrazione Iva: aspetti operativi

6) Richiesta del certificato di agibilità per le imprese dello spettacolo

7) Proroga di un anno per “bonus elettrodomestici e mobili”: ecco la guida aggiornata dell’Agenzia

8) Adeguamenti degli statuti di società cooperative: nuovo studio del Notariato

9) Dichiarazioni di importazione: l’Agenzia Dogane favorisce la compliance

10) Sanzionabile lo sdoganamento “post” di merce allo stato estero scortata da documento di transito

*****

1) Dal 1 gennaio 2018 nelle Coop niente più amministratore unico

Nelle Coop non è più possibile nominare l’amministratore unico. Dunque, l’amministrazione delle società cooperative, a decorrere dal 1 gennaio 2018 deve essere affidata ad un organo collegiale formato da almeno tre soggetti.

Questo a seguito della modifica arrecata dall’art. 1, comma 936 della Legge 205/2017 (legge di Bilancio 2018) che ha mutato l’assetto normativo riguardante le cooperative con particolare riguardo, tra l’altro, alla composizione dell’organo amministrativo nonché al sistema sanzionatorio applicabile.

Pertanto, l’amministrazione delle cooperative dovrà essere affidata ad un organo collegiale formato da almeno tre soggetti, con durata massima triennale , scelti a maggioranza tra i soci cooperatori o tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche.

Le cooperative già costituite ed attualmente amministrate da un unico soggetto devono convocare, senza indugio, l’assemblea per la nomina dei tre componenti del nuovo organo amministrativo, nonché la modifica dello statuto qualora non prevista la possibilità dell’organo collegiale.

Questo di seguito è il contenuto del citato comma della legge di bilancio:

936. Al fine di contrastare l’evasione fiscale e agevolare l’accertamento e la riscossione da parte dell’Agenzia delle entrate, mediante il potenziamento del sistema di vigilanza nei confronti delle societa’ cooperative e delle sanzioni per il mancato rispetto del carattere mutualistico prevalente:

a) all’articolo 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002, n. 220, sono apportate le seguenti modificazioni:

1) il comma 3 e’ sostituito dal seguente:

«3. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 2638, secondo comma, del codice civile, gli enti cooperativi che si sottraggono all’attivita’ di vigilanza o non rispettano finalita’ mutualistiche sono cancellati, sentita la Commissione centrale per le cooperative, dall’albo nazionale degli enti cooperativi. Si applica il provvedimento di scioglimento per atto dell’autorita’ ai sensi dell’articolo 2545-septiesdecies del codice civile e dell’articolo 223-septiesdecies delle disposizioni per l’attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, di cui al regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, con conseguente obbligo di devoluzione del patrimonio ai sensi dell’articolo 2514, primo comma, lettera d), del codice

civile »;

2) il comma 5-bis e’ sostituito dal seguente:

« 5-bis. Agli enti cooperativi che non ottemperino alla diffida impartita in sede di vigilanza senza giustificato motivo ovvero non ottemperino agli obblighi previsti dall’articolo 2545-octies del codice civile e’ applicata una maggiorazione del contributo biennale pari a tre volte l’importo dovuto. Le procedure per l’applicazione della maggiorazione del contributo sono definite con decreto del Ministro dello sviluppo economico »;

3) il comma 5-ter e’ sostituito dal seguente:

« 5-ter. Lo scioglimento di un ente cooperativo e’ comunicato, entro trenta giorni, dal Ministero dello sviluppo economico all’Agenzia delle entrate, anche ai fini dell’applicazione dell’articolo 28, comma 4, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 »;

b) all’articolo 2542 del codice civile, dopo il primo comma e’ inserito il…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it