Split payment o reverse charge?

La recente manovra correttiva (di cui al Decreto Legge n. 50 del 24 aprile 2017, convertito con modificazioni dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96) ha, come noto, sostanzialmente ampliato, a far data dall’1 luglio scorso, il perimetro applicativo della cosiddetta “scissione dei pagamenti” ai fini IVA (o split payment).
Con la manovra in parola il legislatore è intervenuto sul testo dell’articolo 17-ter del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, testo che viene novellato in misura consistente attraverso l’inserimento dei commi 1-quater, 1-quinquies, 4-bis, 4-ter, 4-quater e 4-quinquies.
Le disposizioni contenute nelle norme citate trovano la loro applicazione in riferimento alle operazioni imponibili che siano state effettuate non solo nei confronti della Pubblica Amministrazione, bensì coinvolgendo anche le società partecipate da enti pubblici ed …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it