Rottamazione bis: il servizio “Fai da Te” – Diario quotidiano del 7 dicembre 2017

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 7 dicembre 2017

1) D.L. fiscale: legge di conversione n. 172/2017 in G.U.
2) Definizione agevolata 2000/17 – “Fai D.A. te”: domanda online
3) Aziende con almeno 15 dipendenti: da gennaio obbligo di assumere un disabile
4) Voucher utilizzabili entro fine anno
5) Indennità di mancato avviamento
6) Fisco: nuovo modulo di agenzia riscossione per “rottamare” cartelle
7) Resto al Sud: in Gazzetta il decreto attuativo
8) Audizione del direttore Entrate: ecco i servizi digitali offerti ai contribuenti
9) Digitalizzazione accise: nota delle Dogane
10) Equity Crowdfunding: Consob modifica il regolamento per la raccolta di capitali di rischio

INDICE DEL DIARIO:

1) D.L. fiscale: legge di conversione 4/12/2017 n. 172 in G.U.

2) Definizione agevolata 2000/17 (rottamazione bis) – “Fai D.A. te”: domanda online

3) Aziende con almeno 15 dipendenti: da gennaio obbligo di assumere un disabile

4) Voucher utilizzabili entro fine anno

5) Indennità di mancato avviamento

6) Fisco: nuovo modulo di agenzia riscossione per “rottamare” cartelle

7) Resto al Sud: in Gazzetta il decreto attuativo

8) Audizione parlamentare del direttore Entrate: ecco i servizi digitali offerti ai contribuenti

9) “Digitalizzazione accise”: nota delle Dogane

10) Equity Crowdfunding: Consob modifica il regolamento per la raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line

****

1) D.L. fiscale: legge di conversione in G.U.

Il cd. decreto fiscale collegato al DDL di bilancio 2018 è ormai legge. Difatti, sulla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 5 dicembre 2017, è stata pubblicata la Legge 4 dicembre 2017, n. 172 di «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell'estinzione del reato per condotte riparatorie». Clicca QUI per approfondimenti sulle novità della legge di Bilancio 2018--->

Dopo l’ok definitivo della Camera alla conversione in legge del cosiddetto Decreto Fiscale (D.L. 16 ottobre 2017, n. 148), è giunto il momento della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Legge 4 dicembre 2017, n. 172, nella Serie Generale n. 284 del 5 gennaio 2017).

Tra le principali novità del testo approvato, vi sono, oltre ai ritocchi sullo spesometro, l’estensione della rottamazione delle cartelle esattoriali, nonché la definizione del cd. equo compenso.

In particolare, in merito allo spesometro, il legislatore è intervenuto rimediando alle difficoltà dell’invio telematico dei dati delle fatture IVA emesse e ricevute nel primo semestre 2017. La trasmissione potrà avvenire annualmente o semestralmente, con un unico invio cumulativo per le fatture inferiori a 300 euro. Anche le sanzioni vengono riviste, eliminando quelle per gli errori dell’invio dei dati del primo semestre 2016, a condizione che tali errori vengano sanati con un nuovo invio entro febbraio 2018.

In relazione all’equo compenso, viene stabilito un riconoscimento economico proporzionato al lavoro svolto da tutti i professionisti; le imprese del settore bancario e la Pubblica Amministrazione sono tenute a riconoscere tale principio.

Infine, per la rottamazione, è stata modificata la tempistica per la definizione agevolata, estesa agli avvisi dal 2000 al 2016.

Il termine entro il quale presentare l’istanza passa inoltre dal 31 dicembre 2017 al 15 maggio 2018. Cambia inoltre il termine per saldare il mancato o insufficiente pagamento delle prime due rate (oltre alla terza) della vecchia rottamazione: Slitta di una settimana, passando dal 30 novembre al 7 dicembre.

******

2) Definizione agevolata 2000/17 (rottamazione bis) – “Fai D.A. te”: domanda online

Definizione agevolata 2000/17 – “Fai D.A. te”: come si presenta la domanda online.

Il decreto legge n. 148/2017 convertito con modificazioni dalla Legge n. 172/2017, prevede la Definizione agevolata, la cosiddetta rottamazione delle cartelle, per le somme affidate all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017; . Se vuoi aderire presenta la domanda online con “Fai D.A. te” entro il 15 maggio 2018.

Fanno eccezione:

- i carichi “non rottamabili” in base alla legge (art. 6, comma 10, del D.L. n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016). Rientrano tra questi per esempio, le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato oppure i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti;

- i carichi interessati da una precedente “rottamazione” (presentata in base al D.L. n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016), che l’Agente della riscossione ha accolto oppure rigettato perché “non rottamabili” in base alla legge (art. 6, comma 10, del D.L. n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016).

Chi intende aderire alla “rottamazione” pagherà l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

La legge prevede che entro il 31 marzo 2018 Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà inviare al contribuente tramite posta ordinaria una comunicazione in cui sono indicati i carichi dell’anno 2017 affidati dagli Enti creditori entro il 30 settembre scorso, per i quali non risulta ancora notificata la relativa cartella/avviso.

Fai D.A. te” e presenta la tua domanda online

Per aderire alla Definizione agevolata puoi presentare la domanda di adesione compilando, entro il 15 maggio 2018, l’apposito form online.

Altre modalità di presentazione della domanda di adesione

In alternativa al form online, è possibile presentare la domanda di adesione alla Definizione agevolata 2000/17 entro il 15 maggio 2018:

- alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento, inviando il Modello DA 2000/17 e allegando la copia del documento di identità.

Attenzione: la domanda deve essere inviata utilizzando una casella di posta elettronica certificata (pec);

- presso gli Sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione presenti su tutto il territorio nazionale (esclusa la regione Sicilia) consegnando il Modello DA 2000/17 debitamente compilato e firmato.

Cosa succede dopo aver presentato la domanda

A. Carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017

A coloro che hanno presentato la domanda di adesione per carichi relativi al periodo dal 1° gennaio al 30 settembre 2017, Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà inviare una Comunicazione entro il 30 giugno 2018.

In caso di accoglimento della domanda la Comunicazione conterrà:
l’importo delle somme dovute ai fini della Definizione agevolata, la scadenza delle eventuali rate e i bollettini da utilizzare per il pagamento.

In caso di diniego della domanda la Comunicazione conterrà:
le specifiche motivazioni, tra quelle previste dalla legge, che non rendono “rottamabile” il debito (cartella/avviso) indicato dal contribuente nella domanda di adesione.

A seguire, sarà possibile effettuare il pagamento in un’unica soluzione oppure in un massimo di 5 rate di pari importo, la prima delle quali entro il 31 luglio 2018 e l’ultima, entro il 28 febbraio 2019.

B. Carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016

A coloro che hanno presentato la domanda di adesione per carichi relativi al periodo dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016, Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà inviare una comunicazione entro il 30 settembre 2018.

In caso di accoglimento della domanda la Comunicazione conterrà:
l’