Le faq sulle accise – Diario quotidiano del 6 dicembre 2017

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 6 dicembre 2017



1) Riserve ed utili di bilancio: distribuzione e relativa tassazione
2) Procedimento disciplinare: documenti aziendali non disponibili
3) Saldo Imu 2017: soggetti obbligati ed oggetto dell’imposta
4) Acconto Iva 2017 entro il 27 dicembre
5) Nel di caso di crediti insoddisfatti riduzione della base imponibile IVA in tempi ragionevoli
6) GdF: Manuale operativo in materia di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali
7) Mercato immobiliare in frenata
8) Entrate tributarie in leggero aumento
9) Dogane: nuove Faq nel settore accise
10) Commercialisti, oggi l’Assemblea dei Presidenti

INDICE:

1) Riserve ed utili di bilancio: distribuzione e relativa tassazione

2) Procedimento disciplinare: documenti aziendali non disponibili

3) Saldo Imu 2017: soggetti obbligati ed oggetto dell’imposta

4) Acconto Iva 2017 entro il 27 dicembre

5) Nel caso di crediti insoddisfatti riduzione della base imponibile IVA in tempi ragionevoli

6) GdF: Manuale operativo in materia di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali

7) Mercato immobiliare in frenata

8) Entrate tributarie in leggero aumento

9) Dogane: nuove Faq nel settore accise

10) Commercialisti, oggi l’Assemblea dei Presidenti

****

1) Riserve e gli utili di bilancio: la distribuzione e la relativa tassazione

Le riserve e gli utili di bilancio sono componenti del Patrimonio netto del bilancio di esercizio di cui all’articolo 2424 del Codice civile.

Il principio contabile OIC 28 definisce il patrimonio netto quale differenza tra le attività e passività di bilancio ed indica l’ammontare dei c.d. “mezzi propri” che i soci destinano al conseguimento dell’oggetto sociale al fine di fronteggiare i rischi d’impresa.

In sostanza, il patrimonio netto esprime la capacità dell’impresa a soddisfare i creditori sociali.

La suddetta posta risulta normalmente composta dal capitale sociale, rappresentativo del valore delle quote o delle azioni sottoscritte dai soci, e da molteplici riserve.

Il D.L. 24 giugno 2014, n. 91, convertito dalla Legge 11 agosto 2014 n. 116, ha, tra l’altro, modificato gli articoli del Codice civile riguardanti il capitale minimo necessario per la costituzione delle società di capitali come segue:

- Società per azioni. Il primo comma dell’art. 2327 c.c. recita: “La società per azioni deve costituirsi con un capitale non inferiore a cinquantamila euro”);

- Società a responsabilità limitata. Il quarto comma dell’art. 2463 c.c. recita: “l’ammontare del capitale non inferiore a diecimila euro, sottoscritto e di quello versato”;

- Società a responsabilità semplificata. Il terzo comma dell’art. 2463-bis recita: “l’ammontare del capitale sociale, pari almeno ad 1 euro e inferiore all’importo di 10.000 euro previsto all’art. 2463, secondo comma, numero 4), sottoscritto e interamente versato alla data della costituzione. Il conferimento deve farsi in denaro ed essere versato all’organo amministrativo”.

E’ da rilevare che il Principio contabile OIC 28 “Patrimonio netto” è stato aggiornato a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo 139/2015 per le modifiche apportate all’ articolo 2424 del Codice civile

(Fondazione Accademia di ragioneria Giorgio Di GiulioMaria, nota operativa n. 11/2017)

******

2) Procedimento disciplinare: documenti aziendali non sono a disposizione

In un procedimento disciplinare non è previsto l’obbligo per il datore di lavoro di mettere a disposizione del lavoratore, nei cui confronti sia stata elevata una contestazione di addebiti di natura disciplinare, la documentazione aziendale relativa ai fatti contestati. Questa la sintesi della sentenza n. 23408/17 emessa dalla Corte di Cassazione chiamata ad esaminare un caso d’impugnazione di un licenziamento, effettuato da parte del lavoratore che riteneva indispensabile e obbligatorio ottenere, in sede di prima audizione, tutti i documenti comprovanti le sue responsabilità. Nel caso specifico si trattava di corrispondenza relativa a concorrenza sleale, posta in essere dal lavoratore assieme alla moglie, nei confronti del datore, impiegando allo scopo anche la denominazione aziendale.

In ogni caso, afferma la Corte di Cassazione, resta salva la possibilità per il lavoratore medesimo di ottenere, nel corso del giudizio ordinario d’impugnazione del licenziamento irrogato all’esito del procedimento suddetto, l’ordine di esibizione della documentazione stessa. Quindi, non si tratta di un obbligo di messa a disposizione spontanea di documenti oggetto di contestazione disciplinare, da parte del datore nei confronti del lavoratore, ma di una produzione, a richiesta motivata, per consentire un’adeguata difesa.

La Cassazione, inoltre, ha rilevato che il ricorrente non aveva denunciato la violazione dello Statuto dei lavoratori per genericità della contestazione disciplinare, né per intervenuta modificazione della stessa, nel qual caso avrebbe potuto eventualmente assumere rilevanza la produzione di ulteriore documentazione concernente gli addebiti in precedenza non contestati. Inoltre, da parte del lavoratore, non era stata nemmeno dedotta la violazione del principio dell’immutabilità (la contestazione degli addebiti deve corrispondere alla sanzione applicata, il datore di lavoro non può licenziare per motivi diversi da quelli contestati).

Nel caso specifico il lavoratore non fece specificatamente e tempestivamente espressa richiesta della documentazione relativa alla contestazione nel corso del procedimento disciplinare, ma in quell’occasione egli, invece, fu ampiamente reso edotto delle fonti di accusa a suo carico.

(Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, nota del 4 dicembre 2017)

******

3) Saldo Imu 2017: soggetti obbligati e oggetto dell’imposta

Scade lunedì 18.12.2017 (il 16 è sabato) il termine per pagare il saldo Imu e Tasi 2017, da computare sulla base delle aliquote approvate dai Comuni e pubblicate sul sito del Dipartimento delle Finanze.

Per calcolare l’importo da pagare è necessario individuare la base imponibile (valore dell’immobile: catastale, contabile, venale), dopo aver inquadrato la disciplina applicabile alle singole fattispecie, anche per vedere se sono previste particolari agevolazioni.

Ottenuto l’importo complessivo del 2017, va poi detratto quanto già versato in acconto, considerando l’importo minimo al di sotto del quale non si effettua alcun versamento e la regola dell’arrotondamento per ciascun rigo del Mod. F24.

Prima di procedere con il calcolo del saldo, occorre partire dai presupposti che fanno sorgere l’obbligo di pagare l’Imu:

- proprietà piena di beni immobili (fabbricati, terreni agricoli, aree fabbricabili) siti in Italia e destinati a qualsiasi utilizzo;

- titolarità di diritti reali su tali beni, ossia abitazione, usufrutto, uso, enfiteusi e diritto di superficie;

- conduzione di immobili in locazione finanziaria (leasing); titolarità di immobili acquisita in regime di locazione finanziaria;

- concessione di immobili demaniali (ad esempio stabilimenti balneari).

Soggetti passivi sono quindi i proprietari degli immobili, i titolari dei diritti reali di godimento, i locatari finanziari e i concessionari dei beni del demanio. Tra i più frequenti diritti reali si segnala il diritto di abitazione per la casa familiare del coniuge superstite, diritto che scatta automaticamente alla morte dell’altro coniuge a prescindere dall’accettazione dell’eredità e anche nel caso di rinuncia a quest’ultima.

A tali categorie di soggetti si aggiunge l’assegnatario della casa coniugale, che diventa titolare del diritto di abitazione (solo ai fini Imu), nuova fattispecie di soggettività passiva introdotta dalla L. 44/2012.

La L. 27.12.2013, n. 147 (Legge di Stabilità 2014) ha poi previsto l’esonero dall’Imu per la casa coniugale assegnata al coniuge. L’ex casa coniugale è ora equiparata all’abitazione principale anche ai fini Tasi, che non è dovuta né dal proprietario né dal detentore.

******

4) Acconto Iva 2017 entro il 27 dicembre

Uno degli ultimi appuntamenti di fine anno che ricade sui contribuenti ormai da tempo è il versamento dell'acconto Iva per il quale, per l’anno in corso, non sono mutale le condizioni sostanziali, sia nelle regole di calcolo sia nelle modalità di esecuzione dei versamenti.

In particolare, i soggetti passivi ai fini Iva devono eseguire entro il prossimo 27.12.2017 il versamento inerente all’acconto Iva per l’anno di imposta 2017.

Detto adempimento va ad aggiungersi alle liquidazioni con cui periodicamente (mensilmente o, se ne ricorrono le condizioni, trimestralmente) il contribuente rileva la propria posizione Iva con riferimento alle operazioni attive e passive effettuate.

La norma di riferimento che regola il versamento dell’acconto Iva risiede, come è noto, nell'art. 6, L. 29.12.1990, n. 405, che nella sua attuale formulazione prevede «entro il giorno 27 del mese di dicembre, l'obbligo di versare un importo pari all'88% del versamento effettuato, o che avrebbe dovuto essere effettuato, con riferimento all'ultimo mese o trimestre dell'anno cui si riferisce l'acconto».

Tale adempimento è richiesto (salvo alcune specifiche eccezioni) alla gran parte dei titolari di partita Iva, i quali, sostanzialmente, sono chiamati a effettuare una liquidazione straordinaria e ad anticipare, di fatto, l’imposta dovuta per l’ultimo periodo di liquidazione dell’anno 2016 (mese di dicembre per i contribuenti mensili, mesi da ottobre a dicembre per i contribuenti trimestrali).

Più in particolare, i soggetti passivi Iva sono tenuti al pagamento, entro il prossimo 27.12.2017, di quanto dovuto «a titolo di acconto» in relazione alle liquidazioni periodiche di chiusura, ossia alle liquidazioni periodiche finali inerenti all’anno d’imposta 2016, riguardanti l'ultimo mese o l'ultimo trimestre dell'anno: si tratta, nello specifico, delle liquidazioni relative al mese di dicembre (per i contribuenti mensili), al trimestre ottobre-dicembre (per i contribuenti trimestrali ordinari), al quarto trimestre per i contribuenti trimestrali cd. «speciali» di cui all’art. 73, co. 1, lett. e) e all’art. 74, co. 4, D.P.R. 633/1972 (autotrasportatori, distributori di carburante, imprese di somministrazione acqua, gas, energia elettrica, ecc.).

Il pagamento delle somme dovute a titolo di acconto Iva deve essere effettuato, esclusivamente con modalità telematiche (direttamente o tramite incaricati abilitati) utilizzando il modello di pagamento F24, da presentare in banca, in posta o presso i concessionari della riscossione. In alternativa, i titolari di conto corrente presso una banca che ha aderito alla convenzione con l'Agenzia delle Entrate possono richiedere il codice Pin ed effettuare il pagamento on line, addebitando la somma dovuta sul proprio conto corrente.

L’acconto Iva, che non è dovuto nel caso in cui risulti di importo inferiore a euro 103,29, non può essere rateizzato e deve essere versato in un'unica soluzione, senza applicare alcuna maggiorazione a titolo di interessi.

I codici tributo da utilizzare per il versamento dell’acconto tramite il Mod. F24 sono specifici a seconda della periodicità con cui il contribuente ha effettuato le liquidazioni periodiche nel corso dell'anno d'imposta 2016 e, precisamente, il contribuente può utilizzare, alternativamente, uno dei seguenti codici di seguito indicati:

- il codice 6013: per i contribuenti che effettuano la liquidazione dell’Iva mensilmente;

- il codice 6035: per i contribuenti che effettuano la liquidazione dell’Iva trimestralmente.

A differenza di quanto previsto per le liquidazioni periodiche, i contribuenti trimestrali ordinari non devono applicare la maggiorazione degli interessi dell’1%.

Metodi di calcolo dell’acconto Iva

Il calcolo per determinare l’imposta dovuta a titolo di acconto Iva può essere eseguito in modo differente in base al metodo prescelto dal contribuente. Le vigenti disposizioni tributarie, infatti, consentono la possibilità di optare tra tre distinte modalità:

- metodo storico;

- metodo previsionale (art. 6, co. 2, L. 405/1990);

- metodo delle operazioni effettuate, cd. metodo «effettivo-analitico» (art. 6, co. 3-bis, L. 405/1990).

Soggetti obbligati e soggetti esonerati

Dunque, sono tenuti a versare l’acconto Iva tutti i contribuenti titolari di partita Iva che svolgono attività d’impresa, arte o professione, qualunque sia la forma giuridica con la quale l’attività viene esercitata, che hanno l’obbligo di effettuare le liquidazioni periodiche mensili ovvero trimestrali.

Pertanto, in linea generale, sono esclusi dal versamento dell’acconto Iva tutti gli altri soggetti che non sono obbligati alle operazioni di liquidazioni periodiche Iva, mensili o trimestrali.

Inoltre, è sempre bene ricordare che la disciplina dell’acconto Iva contiene un principio di carattere generale che, sostanzialmente, esonera dall’assolvimento dell’adempimento i contribuenti che non hanno a disposizione uno dei parametri di riferimento per la determinazione dell’importo da versare e cioè una posizione debitoria nell’ultima liquidazione effettuata nell’anno precedente (dato storico) ovvero un presunto debito per l’ultima liquidazione relativa all’anno in corso (dato previsionale).

Pertanto, sono esonerati dall’obbligo di versamento dell’acconto Iva i soggetti che si trovano in una delle seguenti situazioni:

- contribuenti che hanno iniziato l’attività nel corso dell’anno 2017;

- contribuenti che hanno cessato l’attività nel corso del 2017 (anche se la chiusura è avvenuta per decesso): entro il 30.9.2017 i contribuenti trimestrali ed entro il 30.11.2017 i contribuenti mensili;

- contribuenti che risultavano a credito nella liquidazione dell’ultimo periodo (mese o trimestre) dell’anno precedente (2016), a prescindere dalla presentazione della richiesta di rimborso;

- contribuenti che presumono di chiudere l’anno in corso a credito, ovvero con un acconto dovuto inferiore a 103,29 euro;

- contribuenti che applicano i regimi agevolati delle nuove iniziative imprenditoriali (art. 13, L. 388/2000);

- contribuenti che hanno adottato il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità di cui all’art. 27, co. 1 e 2, D.L. 98/2011, conv. con modif. dalla L. 111/2011;

- contribuenti in regime agricolo esonerati dagli obblighi di liquidazione e versamento del tributo ex art. 34, co. 6, D.P.R 633/1972;

- contribuenti che esercitano attività di intrattenimento ex art. 74, co. 6, D.P.R 633/1972;

- le società e le associazioni sportive dilettantistiche e le associazioni in genere che applicano il regime forfetario di cui alla L. 398/1991;

- contribuenti che, in relazione al periodo di imposta, hanno effettuato esclusivamente operazioni esenti, non imponibili, non soggette all’imposta o comunque senza l’obbligo di pagamento del tributo;

- contribuenti colpiti da calamità naturali per i quali sussista un apposito provvedimento di sospensione dei versamenti;

- gli imprenditori individuali che hanno concesso in affitto l’unica azienda entro il 30.9.2017 (se trimestrali) o entro il 30.11.2017 (se mensili), a condizione che non esercitino altre attività soggette ad Iva;

- le società estinte a seguito di fusione o incorporazione entro il 30.11.2017 se mensili, o entro il 30.9.2017 se trimestrali;

- i raccitori e i rivenditori di rottami, cascami, carta da macero, vetri e simili, esonerati dagli obblighi di liquidazione e versamento del tributo;

- coloro che nell’ultimo periodo (mese o trimestre) dell’anno precedente hanno evidenziato un debito d’imposta inferiore a euro 116,72 o che nell’ultimo periodo (mese o trimestre) dell’anno in corso presumono di calcolare un debito d’imposta inferiore a euro 116,72;

- i soggetti che non dispongono di uno dei dati, quello storico o quello previsionale, su cui si basa il calcolo dell’acconto;

- gli enti pubblici territoriali che esercitano attività rilevanti ai fini Iva (come i Comuni che gestiscono l’erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore).

******

5) Nel caso di crediti insoddisfatti riduzione della base imponibile IVA in tempi ragionevoli

Non si può subordinare la riduzione della base imponibile dell’imposta sul valore aggiunto all’infruttuosità di una procedura concorsuale qualora quest’ultima possa avere una durata superiore ai dieci anni. La Corte di Giustizia dell’Unione europea, enunciando questo principio, ha offerto un orientamento meno gravoso per il soggetto passivo dell’IVA rispetto all’esegesi dell’amministrazione e dei giudici italiani in merito alla normativa sulla riduzione della base imponibile in caso di non soddisfazione del credito. L’art. 26 del d.p.r. n. 633 del 26 ottobre 1972 è stato infatti costantemente interpretato nel senso che, affinchè sia ridotta la base imponibile in caso di mancato pagamento, il soggetto passivo deve fornire la prova dell’infruttuosità delle procedure concorsuali. La lettura offerta dagli eurogiudici della normativa europea in materia (articolo 11, parte C, paragrafo 1, secondo comma, della sesta direttiva 77/388/CEE del Consiglio, del 17 maggio 1977) va, invece, nella direzione della riduzione della base imponibile allorchè vi sia una probabilità ragionevole che il debito rimanga insoluto, anche a rischio che la base imponibile venga rivalutata al rialzo nell’ipotesi in cui il pagamento avvenga comunque.

(Corte di Giustizia dell'Unione Europea, sentenza n. 887/1 del 23/11/2017)

******

6) GdF: Manuale operativo in materia di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali

Nuovo “Manuale Operativo in materia di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali” – circolare n. 1/2018, con cui sono state aggiornate le direttive operative della Guardia di Finanza concernenti l’esecuzione delle verifiche, dei controlli fiscali e delle indagini di polizia economico-finanziaria finalizzate al contrasto dell’evasione, dell’elusione e delle frodi fiscali. Il Manuale, corredato della presentazione a firma del Comandante Generale, è aggiornato al 1° dicembre 2017 ed entrerà in vigore il 1° gennaio 2018.

Il tutto (circolare suddivisa in 4 volumi) è scaricabile dal sito internet della Guardia di Finanza.

(GdF, circolare protocollo 357600 del 27 novembre 2017)

 

******

7) Mercato immobiliare in frenata

Immobiliare, rallenta la crescita del mercato delle abitazioni (+1,5%) +5,5% per negozi e uffici, +14,4% per il settore produttivo. Tutti i dati nelle Statistiche trimestrali dell’Agenzia delle Entrate.

Il mercato immobiliare italiano continua a crescere ma frena la sua corsa. Nel periodo luglio-settembre 2017 le compravendite delle abitazioni sono state 122.378, l’1,5% in più rispetto allo stesso trimestre del 2016, mentre il settore terziario-commerciale è cresciuto del 5,5%, registrando 21.429 transazioni. Tra le grandi città il risultato migliore si osserva a Palermo, dove il comparto residenziale cresce dell’11,5%. Perdono invece quota Bologna e Genova.

Sono alcuni dei dati rilevati dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate che oggi pubblica le Statistiche relative al terzo trimestre dell’anno.

Il trend del mercato residenziale

Nonostante il settore abitativo continui a mantenere il segno positivo quasi ininterrottamente dal 2014, i tassi di crescita delle compravendite nel terzo trimestre del 2017 risultano ridimensionati rispetto ai trimestri precedenti. La crescita maggiore si registra al Sud, dove il rialzo è del 4,4%, mentre al Centro il tasso di crescita è più modesto (+0,6%). Vanno meglio le compravendite dei depositi pertinenziali, in prevalenza cantine e soffitte, che nel periodo di riferimento aumentano del 12%, mentre le vendite di box e posti auto crescono solo dell’1%.

Crescita più lenta anche nelle 8 maggiori città italiane (+2,1%). Palermo mantiene un buon andamento, con un incremento dell’11,5% degli acquisti, migliorando così il +8,3% realizzato lo scorso trimestre. Seguono Napoli (+7,2%), Milano (+6,7%), Firenze (+4%) e Torino (+1,2%). Situazione stabile a Roma, dove le abitazioni acquistate sono aumentate solo dello 0,3%, mentre Bologna e Genova perdono, rispettivamente, l’8,5% e il 7,4%.

Il settore non residenziale

Una crescita più sostenuta, rispetto al residenziale, è quella che ha caratterizzato le compravendite di uffici, istituti di credito, negozi, edifici commerciali, depositi commerciali e autorimesse (+5,5%). In particolare, quest’andamento positivo è più accentuato al Sud (+10%), nelle Isole (+7,8%) e al Centro (+7,4%). Rialzi decisamente più elevati hanno caratterizzato le compravendite di uffici nelle grandi città (+13,5%).

Unico tra i settori a migliorare il risultato del trimestre precedente è il settore produttivo (capannoni e industrie) che mostra un trend di crescita a doppia cifra (+14,4%). Quest’ultimo dato è influenzato soprattutto dalla crescita degli scambi nelle Isole, più che raddoppiati rispetto al terzo trimestre 2016.

Per saperne di più

Le statistiche Omi relative al terzo trimestre 2017, complete di tabelle e grafici di approfondimento sul mercato residenziale e su quello non residenziale, sono disponibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, nella sezione dedicata all’Osservatorio del Mercato Immobiliare.

(Agenzia delle entrate, comunicato n. 196 del 5 dicembre 2017)

******

8) Entrate tributarie in leggero aumento

Entrate tributarie: 349,2 miliardi nei dieci mesi del 2017 (+0,7%). Nel periodo gennaio-ottobre 2017 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 349.268 milioni di euro, in aumento dell’0,7 % (+ 2.302 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel mese di ottobre il gettito dell’Irpef e dell’Ires versata in autoliquidazione mostra un incremento di 649 milioni di euro che recupera il calo registrato il mese scorso, determinato dallo slittamento del temine di pagamento di settembre al mese di ottobre. Permane, nel mese di ottobre, il minor gettito dell’IVA sugli scambi interni (-232 milioni di euro), già registrato nei mesi di agosto e settembre, dovuto all’ampliamento della platea dei soggetti interessati allo split payment.

Si ricorda, infatti, che ai soggetti interessati dallo split payment, è stato concesso, nelle more degli adeguamenti dei sistemi informatico-contabili, di trattenere, a partire dal mese di agosto, l’imposta sul valore aggiunto e di riversarla alle scadenze del 16 novembre e del 18 dicembre prossimi. La flessione del gettito dell’Iva verrà recuperata nel corso dei successivi due mesi.

IMPOSTE DIRETTE

Nei primi dieci mesi dell’anno registrano un gettito complessivamente pari a 187.541 milioni di euro, con una crescita di 243 milioni di euro (+ 0,1%) rispetto allo stesso periodo del 2016.

Le entrate IRPEF ammontano a 146.798 milioni di euro, in crescita di 2.182 milioni di euro (+1,5%) per effetto principalmente dell’andamento positivo delle ritenute da lavoro dipendente e da pensione che mostrano un aumento di 2.171 milioni di euro (+1,8%) in linea con la crescita tendenziale dell’occupazione. Il risultato riflette anche gli effetti di alcune misure introdotte dalla Legge di bilancio per il 2017 (Legge n.232/2016) e, in particolare, dell’aumento delle detrazioni per i pensionati di età inferiore a 75 anni, equiparate a quelle previste per i pensionati di età pari o superiore ai 75 anni (art.1, comma 210) e delle revisioni al regime della tassazione dei premi di produttività (art.1, comma 160). Si tratta di interventi di alleggerimento del carico tributario che riducono il gettito Irpef.

Gli introiti dell’IRES registrano una diminuzione di 302 milioni di euro (-1,5%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, segnando un parziale recupero rispetto al periodo gennaio-settembre. Il minor gettito è imputabile ai provvedimenti che hanno determinato un significativo alleggerimento del carico fiscale per le imprese, tra i quali la riduzione dell’aliquota dal 27,5% al 24%, la maggiorazione degli ammortamenti e la più vantaggiosa deducibilità della svalutazione e delle perdite sui crediti delle banche e delle imprese di assicurazione.

All’andamento delle imposte dirette di gennaio-ottobre 2017 ha contribuito anche il gettito derivante dalla collaborazione volontaria (cd voluntary disclosure), introdotta per favorire la regolarizzazione di capitali finora non dichiarati al fisco, che ha fatto registrare versamenti per 861 milioni di euro.

IMPOSTE INDIRETTE

Il gettito nel periodo gennaio-ottobre 2017 ammonta a 161.727 milioni di euro, in aumento dell’1,3% (+2.059 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le entrate dell’IVA sono pari a 96.237 milioni di euro con un incremento di 2.257 milioni di euro (+2,4%). L’andamento è positivo sia per la componente dell’IVA sugli scambi interni (+0,8%) sia per quella sulle importazioni (+16,1%).

Il gettito dell’Iva sulle importazioni registra un incremento di 1.544 milioni di euro (+16,1%) confermando il trend positivo avviato a inizio anno.
Le entrate dell’accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi (oli minerali) mostrano un incremento di 200 milioni di euro (+1,0%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il gettito del canone TV ammonta a 1.610 milioni di euro con un incremento dell’8,6 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, nonostante la riduzione dell’importo del canone da 100 euro a 90, a conferma degli effetti positivi della modalità di pagamento attraverso la bolletta elettrica introdotta la scorso anno.

ENTRATE DA GIOCHI

Il gettito relativo ai giochi, pari a 11.727 milioni di euro, presenta, nel complesso, una variazione negativa di 317 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2016.

ENTRATE DA ACCERTAMENTO E CONTROLLO

Le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo, riferite solo ai ruoli dei tributi erariali, si sono attestate a 9.381 milioni di euro e presentano una variazione positiva rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+2.278 milioni di euro, pari a +32.1%).

Sul sito del Dipartimento delle Finanze è disponibile il Bollettino delle entrate tributarie del periodo gennaio–ottobre 2017, corredato dalle appendici statistiche e dalla guida normativa, che fornisce l’analisi puntuale dell’andamento delle entrate tributarie, e la relativa Nota tecnica che illustra in sintesi i principali contenuti del documento. È disponibile anche il report “Entrate Erariali F24 novembre 2017” che analizza l’andamento delle entrate tributarie versate con il modello F 24 relativo al periodo gennaio-novembre 2017, fornendo una prima anticipazione dell’andamento delle stesse.

(MEF, comunicato n. 198 del 05 dicembre 2017)

******

9) Dogane: nuove Faq nel settore accise

Il 5 dicembre 2017, l’Agenzia delle dogane ha pubblicato le nuove F.A.Q. del settore Accise.

Faq: le risposte alle domande più frequenti sulla materia doganale e le accise

ACCISE: PRODOTTI ALCOLICI, PRODOTTI ENERGETICI, ENERGIA ELETTRICA

Aliquote di accisa vigenti in ambito nazionale e nei Paesi dell’Unione Europea

Quesito – Come posso conoscere la misura delle aliquote di accisa vigenti in Italia e negli altri Stati membri dell’Unione Europea?

Risposta – Per conoscere la misura delle aliquote di accisa vigenti potranno essere consultate le apposite Tabelle, disponibili sul sito web dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it).

Trasporto di prodotti alcolici (vino, birra, . . . ) al seguito del viaggiatore proveniente da altro Paese dell’U.E.

Quesito – Sono in procinto di rientrare in Italia da un altro Paese dell’Unione Europea: posso portare con me delle bottiglie di prodotti alcolici?

Risposta – L'articolo 11 del Testo Unico delle Accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, dispone che, per taluni prodotti assoggettati ad accisa ed immessi in consumo in altro Stato membro, acquistati da privati per uso proprio e da loro trasportati, l'accisa è dovuta nello Stato membro in cui detti beni sono stati acquistati. Al comma 2 del citato articolo, inoltre, sono specificati i limiti quantitativi entro i quali si configura l'uso proprio: tali limiti sono riferibili a ciascun viaggiatore che, effettuato l'acquisto per uso proprio a titolo di privato consumatore, è in possesso della documentazione commerciale comprovante l’acquisto effettuato e trasporta tali beni al proprio seguito.

Attività di vendita di prodotti alcolici

Quesito – Sono in procinto di avviare un’attività di vendita al pubblico di generi vari, tra i quali prodotti alcolici: cosa devo fare?

Risposta – L’articolo 1, comma 178, della legge 4 agosto 2017, n.124, ha modificato il comma 2 dell’articolo 29 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, in materia di vendita di prodotti alcolici, inserendo una espressa esclusione dall’obbligo di denuncia e conseguente licenza fiscale a favore degli esercizi pubblici, degli esercizi di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini.

Nel chiarire che rientrano tra le fattispecie enucleate dalla disposizione legislativa anche la somministrazione o vendita al minuto di bevande alcoliche direttamente al consumatore finale, quali quelle effettuate nei bar, nei ristoranti e negli altri esercizi pubblici similari, si segnala che con la nota prot. RU 113015 del 9 ottobre 2017 (reperibile anche accedendo al sito internet dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli www.agenziadoganemonopoli.gov.it), sono state fornite indicazioni in ordine alle tipologie di attività escluse dagli obblighi di denuncia e della relativa licenza fiscale.

Attività di commercio all’ingrosso di vino sul territorio nazionale

Quesito – Sono in procinto di avviare un’attività di commercio all’ingrosso di vino in Italia: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – Gli esercenti depositi di vino che intendono commercializzare all’ingrosso tale prodotto sul territorio nazionale sono esclusi dall’obbligo di denuncia (e quindi di licenza) in base all’articolo 29, comma 3 – lettera e) del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche.

Per quel che concerne i documenti che devono scortare il vino in caso di trasferimento in ambito nazionale la normativa fiscale (italiana) in materia di circolazione consente di utilizzare i documenti di accompagnamento previsti dalle disposizioni proprie del settore vitivinicolo.

Pertanto, nel caso di trasferimento del vino tra depositari autorizzati ed in ambito nazionale (il trasporto inizia e si esaurisce in Italia), fino a quando la relativa aliquota di accisa sarà pari a zero, può prescindersi dall’utilizzo dei documenti di accompagnamento previsti dalla normativa fiscale delle accise (DAS-Documento di Accompagnamento Semplificato, DDT-Documento di Trasporto, e-AD-Documento Amministrativo elettronico) potendosi utilizzare il documento agricolo MVV (Documento di accompagnamento prodotti vitivinicoli, disciplinato dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali n. 7490 del 2 luglio 2013, da adottare secondo le linee direttrici contenute nella circolare dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 3/D del 7 aprile 2014 e in particolare il paragrafo IV relativo al riparto del campo di applicazione delle rispettive disposizioni in materia di tutela agricola e di quelle proprie del regime impositivo dell’accisa), ovvero da altro documento previsto dalla normativa agricola nazionale.

Nel caso della movimentazione di vino diretto ad una distilleria, detto prodotto dovrà essere scortato dal DAS (Documento di Accompagnamento Semplificato).

Qualora il vino presenti contenuti di alcole non derivanti interamente da fermentazione, pur rientrando tali prodotti nel codice NC 2204, non si renderanno applicabili le norme emanate in materia di tutela agricola.

Ulteriori informazioni di carattere operativo, potranno essere chieste al locale Ufficio delle dogane.

Deposito commerciale di prodotti alcolici che vende ad aziende commerciali di altro Paese U.E.

Quesito – Ho un deposito commerciale di prodotti alcolici e vorrei vendere i miei prodotti ad altri operatori commerciali stabiliti in altri Paesi dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – La circolazione e tassazione di prodotti alcolici già immessi in consumo in uno Stato membro è disciplinata dalla Direttiva n. 2008/118/CE del 16 dicembre 2008. In particolare, l’articolo 33 della Direttiva dispone che i prodotti sottoposti ad accisa già immessi in consumo in uno Stato membro e detenuti per scopi commerciali da parte di un soggetto diverso da un privato, per esservi forniti o utilizzati, sono sottoposti ad accisa in quest'ultimo Paese con le modalità previste dal successivo articolo 34. Per "detenzione per scopi commerciali" si intende la detenzione di prodotti sottoposti ad accisa da parte di un soggetto diverso da un privato o da parte di un privato per scopi diversi dal suo uso personale e da esso trasportati.

Ne consegue che, per lo speditore, sarà necessario acquisire informazioni presso l’Amministrazione fiscale dello Stato membro di destinazione dei prodotti al fine di verificare le modalità di attuazione dei sopraccitati articoli (33 e 34) della Direttiva in quel Paese.

Per la movimentazione di prodotti ad accisa assolta verso altri Paesi comunitari, come previsto all'articolo 9 del Decreto ministeriale 25 marzo 1996, n. 210, dovrà essere emesso il documento DAS (Documento di Accompagnamento Semplificato) e, in base all’articolo 11 del medesimo Decreto, lo speditore sarà tenuto a prestare, anche in solido con il destinatario, una cauzione a garanzia del pagamento dell’accisa nel Paese comunitario di destinazione. Tali adempimenti sono richiesti per attestare la ricezione dei prodotti nel Paese di destinazione e garantire l’applicazione della corretta tassazione sugli stessi.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Attività di produzione di vino per la vendita ad aziende commerciali di altro Paese dell’U.E., da parte di “piccolo produttore di vino”

Quesito – Sono una piccola azienda agricola che produce vino e vorrei vendere il mio prodotto ad operatori commerciali stabiliti in altri Paesi dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – L’articolo 37, comma 1, del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, stabilisce che, fintantoché in Italia il vino viene assoggettato ad un’aliquota d’accisa pari a “0”, i cosiddetti “piccoli produttori di vino” (produzione annuale inferiore a 1000 ettolitri, determinata con riferimento alla produzione media dell’ultimo quinquennio dell’azienda agricola), sono esentati dall’obbligo della licenza di deposito fiscale e da quelli connessi alla circolazione ed al controllo propri del regime generale delle accise.

Per la movimentazione del vino in ambito comunitario, detti soggetti hanno l'obbligo di spedire il prodotto in regime sospensivo a soggetti abilitati (con la qualifica di "depositario autorizzato" oppure di "destinatario registrato" anche “occasionale”) utilizzando anziché l'e-AD (Documento Amministrativo elettronico) il Documento MVV (Documento di accompagnamento prodotti vitivinicoli) di cui al Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali n. 7490 del 2 luglio 2013.

Per la spedizione in regime sospensivo è necessaria la prestazione di idonea garanzia a copertura sia dei rischi connessi alla circolazione che del pagamento dell’accisa all’atto dell’immissione in consumo nel territorio di destinazione.

Dovranno essere, inoltre, osservati anche gli altri adempimenti previsti dal medesimo articolo 37 e, come disposto dall’art. 8, comma 2 del Decreto ministeriale 27 marzo 2001, n. 153, dovrà essere informato l’Ufficio delle dogane territorialmente competente delle operazioni intracomunitarie effettuate presentando, entro il quinto giorno successivo al termine di ciascun mese, una distinta delle medesime operazioni.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Attività di produzione di vino per la vendita ad aziende commerciali di altro Paese dell’U.E. da parte di soggetto diverso dal “piccolo produttore di vino”

Quesito – Sono un produttore di vino. Vorrei vendere il mio prodotto ad operatori commerciali stabiliti in altri Paesi dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – La spedizione di vino diretto ad un altro Paese dell’U.E. deve avvenire in regime sospensivo (ad accisa non assolta), tra soggetti operatori economici (speditore/destinatario) preventivamente autorizzati dalle rispettive Amministrazioni fiscali in possesso del codice di accisa.

Gli esercenti l’attività di produzione e deposito di vino che intendono movimentare tale prodotto in ambito intracomunitario [comma 2, lettera f) dell’articolo 28 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche], devono operare in regime di deposito fiscale, acquisendo la necessaria licenza di esercizio e versare il relativo diritto annuale di licenza con le modalità e la misura indicate all’art. 63 del citato Testo Unico.

Lo speditore dovrà presentare, attraverso il sistema informatizzato, il documento di accompagnamento denominato e-AD (Documento Amministrativo elettronico).

Il destinatario del vino dovrà avere la qualifica di "depositario autorizzato" o di "destinatario registrato", anche "occasionale", all'atto della presa in consegna della merce provvederà a chiudere il flusso informatico del documento e-AD predisposto dallo speditore e sarà tenuto al pagamento dell'accisa nella misura e con le modalità vigenti nel proprio Paese.

Essendo la spedizione in argomento in regime sospensivo, sarà necessaria la prestazione di idonea garanzia a copertura dei rischi connessi alla circolazione del prodotto.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Commerciante italiano che acquista prodotti alcolici da produttore di altro Paese dell’U.E.

Quesito – Ho un ristorante e vorrei ricevere prodotti alcolici da un produttore stabilito in un altro Paese dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – Se lo speditore delle merci dell’altro Paese dell’U.E. è un “depositario autorizzato” ed effettua la movimentazione del prodotto in regime sospensivo, il destinatario nazionale, che non sia anch’esso un “depositario autorizzato”, deve qualificarsi come "destinatario registrato", anche "occasionale", pagando - ove prevista - l'accisa all’aliquota vigente in Italia all’atto del ricevimento della merce.

La suddetta movimentazione (ad accisa sospesa) deve essere formalizzata a cura dello speditore dell’altro Paese con la "presentazione" alla propria Amministrazione, attraverso il sistema informatizzato, di un documento di accompagnamento e-AD (Documento Amministrativo elettronico) il cui flusso informatico dovrà essere chiuso dal destinatario all'atto della presa in consegna della merce.

Relativamente all’assolvimento dell’imposta – ove prevista – l’articolo 8 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, dispone che il destinatario registrato (anche occasionale), deve provvedere al versamento dell’accisa entro il primo giorno lavorativo successivo a quello di arrivo dei prodotti.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Deposito commerciale di prodotti alcolici che vende a soggetti privati di altro Paese dell’U.E.

Quesito – Ho un deposito commerciale di prodotti alcolici e vorrei vendere i miei prodotti ad acquirenti privati stabiliti in altri Paesi dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – Dal momento che i prodotti sottoposti ad accisa vengono assoggettati a tale imposta nel luogo in cui vengono immessi in consumo, per poter effettuare la movimentazione di prodotti ad accisa assolta destinati verso soggetti privati stabiliti in un altro Stato membro dell’U.E., lo speditore nazionale deve registrarsi presso la competente Amministrazione fiscale del Paese di destinazione delle merci, ovvero, se previsto dalla legislazione dello Stato membro di destinazione, nominare un proprio rappresentante fiscale in tale Paese; ciò ai fini dell’assolvimento degli obblighi tributari nello Stato di destinazione dei prodotti (art. 36 della Direttiva n. 118/2008/CE del 16 dicembre 2008 - Vendite a distanza). Sarà, quindi, cura del medesimo acquisire, presso l’Amministrazione dello Stato di destinazione, le necessarie informazioni sulle modalità di assolvimento degli obblighi a suo carico.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Commerciante italiano che acquista prodotti alcolici da deposito commerciale di altro Paese dell’U.E.

Quesito – Ho un ristorante vorrei ricevere prodotti alcolici da un commerciante stabilito in un altro Paese dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – La circolazione e tassazione di prodotti alcolici già immessi in consumo in un altro Stato membro è disciplinata dalla Direttiva n. 2008/118/CE del 16 dicembre 2008. In particolare, l’art. 33 della Direttiva dispone che i prodotti sottoposti ad accisa già immessi in consumo in uno Stato membro e detenuti per scopi commerciali (per "detenzione per scopi commerciali" si intende la detenzione di prodotti sottoposti ad accisa da parte di un soggetto diverso da un privato o da parte di un privato per scopi diversi dal suo uso personale e da esso trasportati) da parte di un soggetto diverso da un privato, per esservi forniti o utilizzati, sono sottoposti ad accisa in quest'ultimo Paese con le modalità previste dal successivo art. 34. I prodotti movimentati sono scortati dal DAS (Documento di Accompagnamento Semplificato).

In Italia, le citate disposizioni unionali sono state recepite con l’art. 10 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche che dispone, tra l’altro, che i prodotti immessi in consumo in altro Stato membro possono essere detenuti (in Italia) da un soggetto diverso da un privato che, qualora non sia un esercente di deposito fiscale, deve avere la qualifica di “destinatario registrato” (anche occasionale) e garantire il pagamento dell’accisa, che dovrà essere versata entro il primo giorno lavorativo successivo a quello di arrivo dei prodotti (comma 6 dell’articolo 10). In base al comma 3 del medesimo art. 10, inoltre, il destinatario in questione deve presentare, prima della spedizione, apposita dichiarazione all’Ufficio delle dogane territorialmente competente rispetto al luogo di arrivo della merce.

Relativamente agli adempimenti previsti dalla disciplina dell’IVA connessi agli scambi intracomunitari dovrà farsi riferimento alle disposizioni dettate dal Decreto legge del 30 agosto 1993, n. 331 convertito con Legge del 29 ottobre 1993, n. 421 e dalla disciplina INTRASTAT di cui al Decreto 22 febbraio 2010.

Privato che acquista prodotti alcolici da commerciante di altro Paese dell’U.E.

Quesito – È possibile per un soggetto privato acquistare prodotti alcolici da commercianti stabiliti in altri Paesi dell’Unione Europea?

Risposta – Dal momento che i prodotti sottoposti ad accisa vengono assoggettati a tale imposta nel luogo in cui vengono immessi in consumo, lo speditore stabilito in un altro Paese dell’U.E., per poter effettuare il trasferimento di prodotti ad accisa assolta verso un soggetto privato stabilito in uno Stato membro diverso da quello di partenza, deve registrarsi presso l’Amministrazione fiscale del Paese di destinazione delle merci, ovvero, se previsto dalla legislazione dello Stato membro di destinazione, nominare un proprio rappresentante fiscale in tale Paese; ciò ai fini dell’assolvimento degli obblighi tributari nello Stato di destinazione dei prodotti (art. 36 della Direttiva n. 118/2008/CE del 16 dicembre 2008 - Vendite a distanza).

Nell’ordinamento legislativo nazionale, l’acquisto da parte di privati di prodotti già immessi in consumo in altro Stato membro è disciplinato dall’art. 10-bis del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, con il quale è stato recepito il citato art. 36 della Direttiva. In particolare, il comma 2 dell’art. 10-bis stabilisce che il debitore dell’accisa è il rappresentante fiscale designato dal venditore, avente sede nel territorio dello Stato e preventivamente autorizzato dall’Amministrazione finanziaria.

Sarà, quindi, necessario che il venditore provveda alla nomina di un proprio rappresentante fiscale in Italia, il quale dovrà procedere agli adempimenti descritti nella Determinazione Direttoriale prot. n. 24211/RU, del 14 novembre 2012, reperibile sul sito web dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it).

Produzione artigianale di prodotti alcolici

Quesito – Sono in procinto di avviare un’attività di produzione artigianale di liquori a scopo commerciale: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – L’art. 27, comma 2, del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, dispone che l’attività di produzione di bevande alcoliche deve essere svolta in regime di deposito fiscale, in uno degli stabilimenti indicati nell’art. 28 del medesimo Testo Unico, per la cui attivazione devono essere rispettate le prescrizioni contenute nel Decreto ministeriale 27 marzo 2001, n. 153.

Il regime del deposito fiscale consente di detenere prodotti ad accisa sospesa e di assolvere il tributo a seguito dell’estrazione del prodotto dal deposito.

Fa eccezione a tale principio, la sola fattispecie - anch’essa contemplata nel comma 2 del citato art. 27 – di produzione con utilizzo di prodotti rispetto ai quali è stata pagata l’accisa, a condizione che l’accisa complessiva pagata sui singoli componenti non sia inferiore a quella dovuta sul prodotto finale derivante dalla loro miscela.

L’art. 29 del citato Testo Unico dispone, invece, che gli esercenti impianti di trasformazione, di condizionamento e di deposito di alcole e di bevande alcoliche ad accisa assolta debbano presentare all'Ufficio delle dogane competente per territorio, la denuncia di esercizio oltre che acquisire la licenza fiscale di cui al comma 4 del medesimo art. 29, a fronte della quale è previsto il pagamento di un diritto annuale il cui importo è stabilito, a seconda dei casi, dall’art. 63 del Testo Unico.

Produzione di liquore artigianale fatto in casa

Quesito – Sono un soggetto privato: posso produrre liquori per uso familiare con l’utilizzo di alcole acquistato al negozio?

Risposta – L’art. 27, comma 2 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, prevede che la preparazione, da parte di un privato, di prodotti alcolici, destinati all'uso esclusivo dello stesso privato, dei suoi familiari e dei suoi ospiti, con impiego di alcole ad imposta assolta, non è soggetta ad autorizzazione, a condizione che i prodotti ottenuti non formino oggetto di alcuna attività di vendita.

Attività di produzione di birra

Quesito – Sono in procinto di avviare un’attività di produzione di birra artigianale: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – In linea di principio, l’attività di produzione di birra è effettuata in regime di deposito fiscale in base all’art. 28, comma 1-lettera c) del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche.

La produzione di birra, di quantità pari o superiore ai 10.000 ettolitri, è regolamentata dagli artt. 34 e 35 del Testo Unico, e dalle specifiche disposizioni contenute Decreto ministeriale 27 marzo 2001, n. 153.

Per i birrifici con produzione annua inferiore ai 10.000 ettolitri (c.d. “microbirrifici”), l’art. 35 del Testo Unico, prevede uno specifico regime di accertamento del prodotto finito che mira a semplificare gli adempimenti tributari a carico degli operatori. Con Determinazione Direttoriale n. 140839/RU del 4 dicembre 2013 e con la relativa Circolare 5/D del 6 maggio 2014 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli [entrambe reperibili dal sito web dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it), sono stati definiti gli adempimenti per l’attivazione di un microbirrificio, nonché la relativa disciplina di dettaglio. In relazione alla suddetta Determinazione Direttoriale è utile richiamare all’attenzione quanto stabilito con l’art. 1 in merito agli adempimenti per l’attivazione del microbirrificio, con l’art. 3 per quanto concerne la tipologia della strumentazione di controllo della produzione da installare nell’impianto da istituire e con l’art. 8 – “Disposizioni finali” il quale consente, su istanza di parte (del depositario), di optare per il regime amministrativo ordinario previsto per le fabbriche di birra con produzione pari o superiore ai 10.000 ettolitri, anziché quello semplificato.

Detenzione di alcoli metilico, propilico e isopropilico per usi industriali e/o laboratori di analisi

Quesito – Per lo svolgimento della mia attività ho la necessità di utilizzare gli alcoli metilico, propilico e isopropilico: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – L'art. 66 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, dispone che gli alcoli metilico, propilico e isopropilico sono sottoposti ad un particolare regime di vigilanza fiscale, che impone specifici adempimenti a carico delle distinte figure dei produttori, dei commercianti e degli utilizzatori di tale prodotto. Al riguardo, si fa rimando alle disposizioni emanate con il Decreto del Ministro delle finanze 1 agosto 1986 ed all’art. 22 del Decreto ministeriale 27 marzo 2001, n. 153.

Gli utilizzatori dei citati prodotti sono tenuti a denunciare la loro attività all'Ufficio delle Dogane territorialmente competente ai fini dell’ottenimento della licenza di esercizio ovvero, per l’iscrizione in appositi registri, se le quantità detenute sono al di sotto della soglia di 10 metri cubi, tenuti dall’Ufficio. Sono inoltre obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico.

Sono esonerati dalla tenuta dei registri di carico e scarico i laboratori di analisi e ricerca che detengono tale tipologie di prodotto – purché condizionato in recipienti di capacità non superiore a litri 2,5 – da impiegare nell’ambito della loro attività come reagente [cfr.: lettera c) del citato art. 22].

Adempimenti per l’istallazione di officina di produzione di energia elettrica da impianto fotovoltaico di potenza inferiore a 20kW

Quesito – Ho intenzione di istallare un impianto fotovoltaico di produzione di energia elettrica con potenza inferiore a 20 kw: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – L'art. 52, comma 2 - lettera a), del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, dispone che l'energia elettrica prodotta con impianti azionati da fonti rinnovabili, con potenza non superiore a 20 kW, non è sottoposta al regime delle accise e, pertanto, gli esercenti tali impianti non sono tenuti agli obblighi ed agli adempimenti altrimenti previsti dagli articoli 53 e seguenti del medesimo Testo Unico, sia che utilizzino l'energia elettrica prodotta per uso proprio, sia che la cedano alla rete.

In caso di cessione dell’energia elettrica prodotta, si evidenzia l’opportunità che all'impianto sia assegnato da parte dell’Ufficio delle dogane (senza ulteriori oneri a carico del titolare dell’impianto) un codice ditta; ciò unicamente allo scopo di consentire a chi assume in carico l'energia elettrica di poterne indicare gli estremi nella propria dichiarazione annuale di consumo.

Adempimenti per l’istallazione di officina di produzione di energia elettrica da impianto fotovoltaico di potenza superiore a 20kW

Quesito – Ho intenzione di istallare un impianto fotovoltaico di produzione di energia elettrica con potenza superiore ai 20 kw: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – Gli adempimenti fiscali da osservare si differenziano a seconda che l’energia elettrica prodotta dall’impianto venga poi auto-consumata (anche in minima parte) oppure interamente ceduta alla rete.

Nel primo caso (presenza di consumi per uso proprio dell'energia elettrica autoprodotta, anche se solo relativamente ai consumi per il funzionamento dell'impianto), il soggetto esercente l’officina di produzione, in base all'art. 53 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, deve farne preventiva denuncia (il fac-simile del modello è reperibile accedendo alla apposita sezione “Modulistica” presente sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli www.agenziadoganemonopoli.gov.it) all'Ufficio delle dogane competente per territorio il quale, effettuati i dovuti controlli, rilascia la licenza di esercizio soggetta al pagamento del diritto annuale nella misura indicata dall'art. 63, comma 3, del Testo Unico; il titolare dell’officina è tenuto ad ottemperare agli ulteriori adempimenti previsti dal citato articolo 53.
Nel secondo caso (assenza di consumi per uso proprio, per cui tutta l'energia elettrica prodotta è ceduta alla rete, mentre i consumi dei servizi ausiliari sono alimentati da distinta fornitura), il soggetto esercente l’officina di produzione, ai sensi dell’art. 53-bis del Testo Unico, deve darne comunicazione al medesimo Ufficio territoriale contestualmente all'avvio dell'attività di produzione.

In entrambi i casi sopra esposti dovrà essere inviata (telematicamente) la dichiarazione annuale prevista, rispettivamente, al comma 8 dell’art. 53 e al comma 3 dell’art. 53-bis del richiamato Testo Unico. Indicazioni sulle modalità di compilazione della dichiarazione potranno essere acquisite consultando l'apposita sezione “Dichiarazioni annuali per l'energia elettrica e per il gas naturale”, accessibile dal sito web di questa Agenzia.

Utilizzo gruppo elettrogeno per produzione di energia elettrica

Quesito – Quali sono gli adempimenti previsti per l’utilizzo di un gruppo elettrogeno per la produzione di energia elettrica?

Risposta – L’esercente l’attività di produzione di energia elettrica è, in linea generale, tenuto all’osservanza degli adempimenti indicati all’art. 53 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche.

Qualora l’attività di produzione avvenga per mezzo di un gruppo elettrogeno di potenza superiore a 1 kW, in base al comma 4 del medesimo art. 53 l’esercente l’officina di produzione dovrà presentare all’Ufficio delle dogane competente sull'impianto la denuncia di esercizio ed acquisire la relativa licenza (comma 7, art. 53). Detta licenza è soggetta al pagamento di un diritto, da corrispondere annualmente nella misura indicata dal comma 3 dell'art. 63, del Testo Unico.

L’accertamento e la liquidazione dell’accisa sull’energia elettrica consumata per uso proprio, come stabilito al comma 1, dell’art. 55 del Testo Unico, sono effettuati dal competente Ufficio delle dogane, sulla base della dichiarazione annuale di consumo prevista al comma 8, dell’art. 53, dalla quale devono risultare tutti gli elementi necessari per l’accertamento del debito d’imposta (tra cui le letture dei contatori dell’elettricità prodotta, consumata o ceduta), ovvero, come previsto al comma 5 dell’art. 55, per le officine non fornite di misuratori o di altri strumenti integratori della misura dell’energia adoperata, mediante un canone annuo di abbonamento, determinato dal competente Ufficio delle dogane (cosiddetta “convenzione”). La misura del canone è determinata in base alla potenzialità dell’impianto, alle ore di funzionamento dello stesso ed agli assorbimenti elettrici degli apparecchi utilizzati per gli impieghi sottoposti ad accisa.

Ai prodotti energetici da utilizzare per la produzione dell’energia elettrica, in base all’art. 21, comma 9 del Testo Unico si applicano le aliquote di accisa indicate al punto 11 della Tabella A allegata al Testo Unico.

Applicazione dell’aliquota di accisa “usi industriali” sul gas naturale

Quesito – Vorrei sapere per quali attività può essere chiesta l’applicazione dell’aliquota di accisa usi industriali sui consumi di gas naturale.

Risposta – L'art. 26 del Testo Unico delle accise approvato con il Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, differenzia la tassazione del gas naturale impiegato come combustibile in "usi civili", da quella (più favorevole) del gas naturale impiegato come combustibile in "usi industriali". Le tipologie di impiego alle quali si rende applicabile l’aliquota di accisa "usi industriali" sono indicate al comma 3 del medesimo art. 26.

Il fornitore del gas naturale, in qualità di “soggetto obbligato”, è responsabile della corretta applicazione del regime fiscale vigente e del conseguente versamento dell'accisa a seguito del quale gli viene riconosciuto il diritto di rivalsa sui propri clienti mediante l'esposizione in fattura.

Pertanto, ai fini dell’applicazione dell'aliquota di accisa “usi industriali”, il cliente consumatore del gas naturale, dovrà farne specifica richiesta al proprio fornitore mediante la presentazione del certificato camerale o di una dichiarazione sostitutiva resa in base a quanto previsto dall’art. 47 del D.P.R. n. 445/2000, nella quale attesta la sussistenza dei requisiti per usufruire dell'aliquota di accisa “usi industriali”, specificando l’attività da svolgere e gli impieghi a cui il prodotto è destinato nonché, il quantitativo annuo stimato che si prevede di consumare per i medesimi impieghi.

Acquisto oli lubrificanti provenienti da altro Stato membro dell’U.E.

Quesito – Sono un rivenditore di oli lubrificanti vorrei ricevere tali prodotti da un commerciante stabilito in un altro Paese dell’Unione Europea: quali sono gli adempimenti richiesti?

Risposta – Le disposizioni di riferimento per i soggetti che detengono e/o commercializzano oli lubrificanti sono contenute negli articoli 61 e 62 del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche, e dal Decreto 17 settembre 1996, n. 557 cui è seguita l’emanazione della Circolare n. 266 del 30 ottobre 1996.

In particolare:

l’art. 61, comma 1, lettera b) – punto 2 del Testo Unico dispone che l’imposta è dovuta dal soggetto che effettua la prima immissione in consumo, in territorio nazionale, di oli lubrificanti di provenienza comunitaria;

l’art. 62, comma 7 del Testo Unico dispone, per la circolazione e per il deposito degli oli lubrificanti assoggettati ad imposta, l'applicazione delle disposizioni di cui agli articoli 12 e 25 del medesimo Testo Unico.

L’art. 25, al comma 1 stabilisce l’obbligo della denuncia di esercizio per i depositi commerciali di prodotti energetici, qualunque sia la capacità del deposito, prevedendo al comma 3 l’esenzione da tale obbligo per gli esercenti depositi per la vendita al minuto che detengano quantitativi complessivi di oli lubrificanti non superiori a 500 Kg.

Riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio commerciale utilizzato per autotrasporto merci

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei conoscere quali sono i requisiti per poter ottenere il beneficio sul gasolio per uso autotrazione utilizzato nel settore del trasporto merci.

Risposta – Per poter fruire del beneficio fiscale previsto dall’art. 24-ter del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche e dal D.P.R. 9 giugno 2000, n. 277, concernente la riduzione dell’aliquota di accisa gravante sul gasolio acquistato sul territorio nazionale (quindi fatturato in Italia), usato come carburante dalle imprese “esercenti l’attività di autotrasporto merci” mediante l’impiego di veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate e di categoria euro 3 o superiore, è necessario essere:

persona fisica o giuridica iscritta all'albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi;

persona fisica o giuridica munita della licenza di esercizio dell'autotrasporto di cose in conto proprio;

impresa stabilita in altri Stati membri dell'Unione Europea, in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina dell'Unione Europea per l'esercizio della professione di trasportatore di merci su strada.

Dovrà quindi essere presentata, per ciascun trimestre solare, una dichiarazione dalla quale risultino i consumi di carburante acquistato ed impiegato per l’attività di autotrasporto durante il periodo di riferimento, nonché i mezzi utilizzati per lo svolgimento di tale attività. La dichiarazione dovrà essere presentata al competente Ufficio delle dogane entro il mese successivo a quello di scadenza del trimestre al quale la dichiarazione si riferisce.

Ulteriori informazioni sull'argomento potranno essere acquisite consultando le comunicazioni periodicamente pubblicate nell'apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione", disponibile sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it) nelle quali sono contenute anche indicazioni sulle tipologie dei soggetti aventi diritto al beneficio, la misura del beneficio rimborsabile e le fattispecie escluse dal beneficio. Nella citata sezione sono anche disponibili i modelli di dichiarazione e i relativi software per la compilazione.

Requisiti per ottenere la riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci effettuato da un autotrasportatore di altro Paese UE

Quesito – Sono un autotrasportatore stabilito in un altro Paese dell’Unione Europea: vorrei conoscere quali sono i requisiti per poter ottenere il beneficio sul gasolio per uso autotrazione utilizzato in Italia nel settore del trasporto merci.

Risposta – È possibile, per le imprese esercenti le attività di autotrasporto residenti in altri Stati membri dell'Unione Europea, in possesso della licenza comunitaria per i trasporti internazionali di merci su strada per conto terzi di cui al Regolamento (CEE) n. 881/92 del Consiglio, ovvero in conto proprio, ai sensi dell'articolo 13 del medesimo regolamento (CEE) n. 881/92, accedere al beneficio fiscale previsto dall’art. 24-ter del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche e dal D.P.R. 9 giugno 2000, n. 277, concernente la riduzione dell’aliquota di accisa gravante sul gasolio acquistato sul territorio nazionale (quindi fatturato in Italia), utilizzato in veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate di categoria euro 3 o superiore.

Si evidenzia che gli esercenti comunitari (esclusi quelli tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi in Italia) possono ottenere il beneficio in questione unicamente mediante rimborso in denaro e che detti soggetti devono consegnare/inviare l'istanza, completa del supporto informatico e della relativa documentazione, all'Ufficio delle Dogane di Roma 1 competente a ricevere tali richieste di rimborso.

Ulteriori informazioni sull'argomento potranno essere acquisite consultando le comunicazioni periodiche contenenti le indicazioni sulle tipologie di soggetti aventi diritto, sulla misura del beneficio rimborsabile e sulle fattispecie escluse dall'agevolazione. Le citate comunicazioni, come pure il modello della dichiarazione ed il relativo software per la compilazione sono pubblicate nell'apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione", disponibile sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it).

Caratteristiche degli automezzi ammessi al beneficio sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci

Quesito – Sono un autotrasportatore ed ho un veicolo di massa massima complessiva superiore a 7,5 tonnellate ma di categoria euro 2 dotato di un dispositivo per ridurre le emissioni inquinanti: posso accedere al beneficio sul gasolio per uso autotrazione?

Risposta – L’agevolazione prevista dall’art. 24-ter del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche e dal D.P.R. 9 giugno 2000, n. 277, concernente la riduzione dell’aliquota di accisa gravante sul gasolio acquistato sul territorio nazionale (quindi fatturato in Italia), spetta alle imprese “esercenti l’attività di autotrasporto merci” effettuato mediante l’impiego di veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate e di categoria euro 3 o superiore.

A tal riguardo, con la nota n. 28154/RU del 7 marzo 2016, disponibile sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli (www.agenziadoganemonopoli.gov.it), è stato chiarito che le modifiche apportate ai mezzi di categoria inferiore alla “euro 3”, al fine di equipararli a tale categoria o superiore, hanno valenza solamente sotto il profilo ambientale. Pertanto, i mezzi modificati, seppure provvisti di sistemi utili a ridurre il particolato, rimangono ascritti alla loro categoria originaria (inferiore alla “euro 3”) e non possono quindi essere ammessi al beneficio in questione.

Modalità di presentazione della dichiarazione trimestrale per la riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei conoscere quali sono le modalità per la presentazione della dichiarazione trimestrale.

Risposta – La presentazione della dichiarazione (il cui modello e software per la compilazione sono disponibili nell’apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione" presente sul sito web www.agenziadoganemonopoli.gov.it), può avvenire con le modalità di seguito indicate:

consegna a mano o spedita per posta, all’Ufficio delle dogane territorialmente competente, su supporto informatico (CD-rom, DVD, Pen-drive USB) unitamente alla relativa stampa debitamente sottoscritta dall’utente interessato.

per mezzo del Servizio Telematico Doganale – E.D.I., previa abilitazione all’utilizzo (in tal caso non è richiesta la presentazione al competente Ufficio delle dogane della copia cartacea). È possibile ottenere l’abilitazione al citato Servizio Telematico accedendo all’apposita sezione del “Servizio Telematico Doganale” presente sul citato sito web (agenziadoganemonopoli.gov.it).

Documenti necessari per la presentazione della dichiarazione trimestrale per la riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei sapere quali documenti devo allegare alla dichiarazione trimestrale.

Risposta – Il comma 6 dell’art. 3 del D.P.R. n. 277/2000 dispone che i documenti da allegare alla dichiarazione (il cui modello e software per la compilazione sono disponibili nell’apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione" presente sul sito web www.agenziadoganemonopoli.gov.it), sono:

la copia dei certificati di immatricolazione degli autoveicoli aventi titolo al beneficio;

la copia dell'eventuale contratto di noleggio o di locazione con facoltà di compera o di locazione finanziaria o di acquisto con patto di riservato dominio o di usufrutto (vedere Circolare n. 4/D del 23 febbraio 2016);

un prospetto - che è parte integrante del modello di dichiarazione pubblicato sul sito web dell’Agenzia - dal quale risultino: il numero di targa / il chilometraggio registrato dal contachilometri alla chiusura del periodo in questione / il proprietario ovvero, in caso di contratto di noleggio o locazione, l'intestatario dei predetti contratti.

Si precisa che la documentazione indicata ai punti a) e b) andrà allegata solo in occasione della prima volta in cui viene presentata la dichiarazione trimestrale, mentre nelle volte successive sarà sufficiente farne riferimento, salvo in caso di variazioni (dei mezzi utilizzati o del tipo di contratto).

Non è necessario allegare la copia delle fatture che attestano l’acquisto del gasolio, ma è sufficiente tenerle a disposizione nel caso di richiesta ai fini di eventuali controlli.

Termine per la presentazione della dichiarazione trimestrale per la riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci

Quesito – Sono un autotrasportatore, dato che è scaduto il termine previsto per la presentazione della dichiarazione trimestrale: sono ancora in tempo a presentarla?

Risposta – Il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione è il mese successivo a quello di scadenza del trimestre solare in cui è stato consumato il gasolio (ad esempio: la dichiarazione relativa al trimestre gennaio/marzo dell’anno 2017 va presentata dall’1 al 30 aprile 2017).

Va comunque precisato che il termine di presentazione della dichiarazione non ha carattere di perentorietà. Pertanto, un inoltro tardivo della dichiarazione (effettuato oltre la scadenza del mese successivo al periodo di riferimento), non preclude il riconoscimento al rimborso, anche se si dovrà tener conto del termine di decadenza biennale fissato dall'art. 14, comma 2 del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche, decorrente dal giorno in cui il rimborso stesso avrebbe potuto essere richiesto (ad esempio: per la dichiarazione relativa al 1° trimestre 2017, se presentata dall’1 al 30 aprile 2017, il termine di decadenza biennale scade il 30 marzo 2019).

Ovviamente, qualora il termine ultimo di presentazione cade in un giorno festivo, la scadenza stabilita è prorogata di diritto al giorno seguente non festivo.

Si precisa, inoltre, che la presentazione tardiva della dichiarazione comporta l’automatica traslazione dei termini previsti per la maturazione del credito e per l’effettuazione della compensazione. In altri termini, per poter compensare, occorrerà attendere il provvedimento espresso dell’ufficio o il decorso dei 60 giorni che determinano il silenzio-assenso.

Riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto – termine per iniziare ad utilizzare il credito chiesto con la modalità della compensazione

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei sapere a partire da quando è possibile utilizzare il credito maturato con la modalità della compensazione?

Risposta – Per poter fruire del credito di imposta in compensazione, è necessario anzitutto che detta modalità sia stata esplicitamente indicata sul frontespizio della dichiarazione (il cui modello e software per la compilazione sono disponibili nell’apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione” presente sul sito web www.agenziadoganemonopoli.gov.it).

Decorsi 60 giorni dalla data di ricevimento della dichiarazione da parte del competente Ufficio delle dogane (indipendentemente dalla modalità utilizzata per la presentazione della stessa), ovvero degli elementi mancanti senza che al dichiarante sia stato notificato il provvedimento di diniego, l'istanza si considera accolta e, per effetto del formarsi del silenzio-assenso dell’Amministrazione, a partire dal 61° giorno l'importo del credito maturato potrà essere utilizzato in compensazione.

In tal caso l’Ufficio potrà comunque esercitare i propri poteri di verifica e di controllo nel rispetto dei termini di legge ed eventualmente annullare, con provvedimento motivato, l'atto di assenso illegittimamente formato, procedendo – se del caso – all’applicazione delle previste sanzioni (indebita fruizione del beneficio), salvo che, ove ciò sia possibile, l'interessato provveda a sanare i vizi entro un termine fissato dall'Ufficio stesso (art. 4 del D.P.R. n. 277/2000).

Qualora, invece, il soggetto richiedente riceva dall'Ufficio un provvedimento di espresso riconoscimento del credito spettante, da quel momento potrà utilizzare tale credito in compensazione senza dover attendere che siano trascorsi i 60 giorni previsti per la formazione del silenzio assenso (N.B.: Non costituisce titolo per l’immediato utilizzo del credito in compensazione l’eventuale attestazione con la quale l’Ufficio dichiara la regolarità della dichiarazione acquisita).

Il credito può essere utilizzato in compensazione entro il 31 dicembre dell’anno solare successivo a quello in cui è sorto.

Qualora entro tale termine non fosse stato possibile utilizzare in compensazione l’intero ammontare del credito maturato, la parte residuale potrà essere chiesta a rimborso (in denaro) presentando, a partire dal 1° gennaio al 30 giugno dell’anno successivo, un’apposita istanza diretta all’Ufficio delle dogane destinatario della dichiarazione.

Riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto – acquisto con l’utilizzo di schede carburanti

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei sapere se per comprovare l’acquisto del gasolio posso utilizzare le schede carburanti.

Risposta – Per poter fruire dell’agevolazione spettante sui consumi di gasolio utilizzato per il trasporto merci gli acquisti del carburante devono essere comprovati dalla relativa fattura di acquisto.

Riduzione dell’aliquota di accisa sul gasolio utilizzato per autotrasporto – come indicare nella dichiarazione trimestrale i consumi e le fatture di acquisto del carburante

Quesito – Sono un autotrasportatore: vorrei sapere come devo indicare le fatture di acquisto del carburante utilizzato e da inserire nella dichiarazione trimestrale.

Risposta – Ai fini della determinazione dei quantitativi di carburante da indicare nella dichiarazione trimestrale (il cui modello e software per la compilazione sono disponibili nell’apposita sezione denominata “Benefici per il gasolio da autotrazione” presente sul sito web www.agenziadoganemonopoli.gov.it), per consumi ammissibili all’agevolazione si intendono quelli riforniti, quali risultanti dalle indicazioni presenti in fattura (cfr.: nota n. 45963/RU del 20 aprile 2012, anch’essa reperibile dal citato sito web).

Pertanto, nella dichiarazione trimestrale dovrà essere indicato il numero totale – e non gli estremi - delle fatture di acquisto (indipendentemente dalla loro data di emissione) riferite al gasolio consumato nel periodo di riferimento. Non è necessario allegare alla dichiarazione le copie delle fatture (anche autofatture) di acquisto, ma è sufficiente tenerle a disposizione nel caso di richiesta da parte dell'ufficio al fine di eventuali controlli.

Credito d’imposta sui carburanti utilizzati per lo svolgimento dell’attività di taxi

Quesito – Sono un tassista e vorrei avere informazioni in merito agli adempimenti richiesti per ottenere il credito d’imposta riconosciuto sul carburante utilizzato per lo svolgimento di tale attività.

Risposta – Per il riconoscimento del beneficio spettante sui carburanti (benzina, gasolio, GPL, gas naturale) consumati per l'azionamento delle autovetture pubbliche da piazza, previsto dai punti 12 e 13 della Tabella A allegata al Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche, dovranno essere osservate le disposizioni dettate dal D.M. 29 marzo 1994 e successive modifiche.

Il titolare della licenza comunale per l'esercizio del servizio di taxi deve presentare - entro i due mesi successivi alla scadenza dell’anno di riferimento - apposita istanza (il fac-simile del modello è reperibile accedendo alla apposita sezione “Modulistica” presente sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli www.agenziadoganemonopoli.gov.it), che dovrà contenere: le generalità - il domicilio - il codice fiscale dell'istante, la specie del servizio prestato, gli estremi della licenza o dell'autorizzazione, i dati identificativi dell'autovettura, ivi compreso il tipo di alimentazione, nonché la dichiarazione relativa ai giorni di effettivo servizio prestato.

La predetta istanza redatta in forma libera, prima della presentazione all'Ufficio delle dogane territorialmente competente, dovrà essere sottoposta al visto preventivo della competente autorità comunale dal quale risulti l’effettivo possesso della licenza o dell'autorizzazione, l'inesistenza di provvedimenti di sospensione o di revoca della licenza o dell’autorizzazione, gli eventuali periodi di assenza dal servizio e la convalida di quant'altro dichiarato nell'istanza.

Presentazione in ritardo dell’istanza per ottenere il Credito d’imposta sui carburanti utilizzati per lo svolgimento dell’attività di taxi

Quesito – Sono un tassista che non ha presentato entro il mese di febbraio per usufruirne al credito d’imposta sui carburanti riconosciuto a chi svolge tale attività: sono ancora in tempo?

Risposta – Per poter usufruire dell’agevolazione prevista dal D.M. 29 marzo 1994 e successive modifiche, il titolare della licenza di taxi deve presentare al competente ufficio territoriale, entro i due mesi successivi alla scadenza dell’anno solare di riferimento, apposita istanza (il fac-simile del modello è reperibile accedendo alla apposita sezione “Modulistica” presente sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli www.agenziadoganemonopoli.gov.it) contenente tutti gli elementi utili per la determinazione del corretto ammontare del rimborso. Si chiarisce, che i termini di presentazione stabiliti nelle norme tributarie, se non sono espressamente qualificati come perentori dalla disposizione primaria, sono da intendersi ordinatori.

Pertanto, qualora non fosse stato possibile presentare la dichiarazione entro la scadenza prevista, la stessa può essere presentata anche tardivamente, ma comunque tenendo presente il termine di decadenza biennale fissato dall'art. 14, comma 2 del Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche, decorrente dal giorno in cui il rimborso stesso avrebbe potuto essere richiesto.

Credito d’imposta sui carburanti utilizzati per il servizio di noleggio con conducente (NCC)

Quesito – Sono un autista che effettua servizio NCC: volevo sapere se per tale attività mi può essere riconosciuto il credito d’imposta sui carburanti.

Risposta – Per il riconoscimento del beneficio spettante sui carburanti (benzina, gasolio, GPL, gas naturale) consumati per l'azionamento delle autovetture pubbliche da piazza, previsto dai punti 12 e 13 della Tabella A allegata al Testo Unico delle accise approvato con il D.Lgs. n. 504/1995 e successive modifiche, dovranno essere osservate le disposizioni previste dal D.M. 29 marzo 1994 e successive modifiche, in base al quale il beneficio è applicabile anche per il servizio di noleggio con conducente nei Comuni in cui non è istituito il servizio di TAXI, purché autorizzato allo stazionamento su aree pubbliche.

Il titolare dell'autorizzazione per l'esercizio del servizio di noleggio con conducente – se ammesso al beneficio - deve presentare entro i due mesi successivi alla scadenza dell’anno di riferimento, apposita istanza (il fac-simile del modello è reperibile accedendo alla apposita sezione “Modulistica” presente sul sito web dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli www.agenziadoganemonopoli.gov.it) diretta al competente Ufficio delle dogane, che dovrà contenere: le proprie generalità, il domicilio ed il codice fiscale, la specie del servizio prestato, gli estremi dell'autorizzazione, i dati identificativi dell'autovettura o del natante, compreso il tipo di alimentazione del veicolo, nonché la dichiarazione relativa ai giorni di effettivo servizio prestato.

L’istanza redatta in forma libera, prima della presentazione all'Ufficio delle dogane territorialmente competente, dovrà essere sottoposta al visto preventivo della competente autorità comunale dal quale risulti l’effettivo possesso della licenza o dell'autorizzazione, l'inesistenza di provvedimenti di sospensione o di revoca della licenza o dell’autorizzazione, gli eventuali periodi di assenza dal servizio e la convalida di quant'altro dichiarato nell'istanza.

Beneficio zone montane per acquisto gasolio o GPL utilizzati come combustibile per riscaldamento

Quesito – Abito in una zona non metanizzata del Comune di appartenenza: volevo sapere di quale beneficio fiscale posso usufruire per l’acquisto di gasolio da utilizzare come combustibile per riscaldamento.

Risposta – L’art. 8, comma 10, della L. 23 dicembre 1998, n. 448 e successive modificazioni ed integrazioni intervenute, ha previsto una specifica agevolazione fiscale che si concretizza in una riduzione del costo del gasolio (e del GPL) usati come combustibile per riscaldamento e che trova applicazione in alcune delle zone climatiche nelle quali è suddiviso il territorio nazionale (individuate dall’art. 2 del Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento del consumo di energia, emanato con D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412).

I Comuni o frazioni di comuni interessati sono quelli:

ricadenti nella fascia climatica F;

facenti parte di province nelle quali oltre il 70% dei comuni ricade nella zona climatica F;

della regione Sardegna e delle isole minori, per i quali il beneficio è esteso anche ai gas di petrolio liquefatti confezionati in bombole;

non metanizzati ricadenti nella zona climatica E, individuati dal DM 9.3.1999 e successive modifiche;

porzioni edificate di comuni ricadenti nella zona climatica E ma esclusi dal DM 9.3.1999 (che individua i comuni di fascia E non metanizzati) non metanizzate e ubicate, a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, preventivamente individuate da apposita delibera del Consiglio Comunale.

Il quadro ordinamentale di riferimento vigente ha fissato una disciplina applicativa, poggiante principalmente sul D.P.R. n. 361/99, in base alla quale è il fornitore che chiede bimestralmente il rimborso dell'accisa mediante accredito per l'importo anticipato, sotto forma di riduzione di prezzo praticata ai consumatori finali, al destinatario del beneficio. La struttura dell'agevolazione è articolata in modo da non permettere la possibilità di recuperare l'accisa direttamente da parte del consumatore finale, al quale i combustibili sono ceduti già scontati.

Per poter fruire dell’agevolazione l’utilizzatore del prodotto dovrà consegnare al proprio fornitore una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, nella quale viene attestata, sotto la propria responsabilità e consapevole delle responsabilità penali previste in caso di dichiarazioni mendaci dalla normativa vigente in materia, l’ubicazione dell’impianto e che il prodotto acquistato è destinato esclusivamente quale combustibile per riscaldamento.

Si precisa, infine, che il beneficio fiscale in questione, essendo finalizzato ad alleviare i maggiori costi di riscaldamento sostenuti dalla popolazione residente nelle zone ammesse la beneficio, dovuti al clima particolarmente rigido o alle difficoltà di approvvigionamento del combustibile, non è applicabile nel caso di impiego di gasolio o di GPL in usi diversi dal riscaldamento ambientale.

(Agenzia delle Dogane, Faq settore accise pubblicate il 5 dicembre 2017)

******

10) Commercialisti, oggi l’Assemblea dei Presidenti

Si tiene oggi il consueto incontro del Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili con i rappresentanti degli Ordini locali

Sarà il Mood Hotel – Nazionale Spazio Eventi in via Palermo n. 10 a Roma ad ospitare, mercoledì 6 dicembre, l’Assemblea dei presidenti dei 131 Ordini territoriali dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (ore 10-17).
L’ordine del giorno prevede la relazione del presidente del CNDCEC, Massimo Miani, e l’illustrazione del bilancio preventivo 2018 da parte del tesoriere del Consiglio nazionale, Roberto Cunsolo.

***

Enti locali, varato il gruppo di lavoro per l’attività di revisione

Insediato presso il Consiglio nazionale dei commercialisti, predisporrà dei fogli di lavoro per l’attività di vigilanza e controllo

Si è insediato presso il Consiglio nazionale dei commercialisti il gruppo di lavoro per l’attività di revisione negli enti locali. L’obiettivo del gruppo, spiegano il Vice Presidente della categoria, Davide Di Russo e il Consigliere nazionale Remigio Sequi, titolari della delega per gli enti locali, è quello di “elaborare una serie di fogli di lavoro che possano agevolare l’attività dei colleghi che svolgono la delicatissima funzione di vigilanza e controllo”.

Si vuole fornire uno strumento – sottolineano Di Russo e Sequi - per la documentazione della fase operativa di esecuzione dell’incarico, che si sviluppa nell’arco di verifiche periodiche, finalizzate ad appurare non solo il rispetto della legge, dello statuto, dei regolamenti e dei principi contabili, ma anche a esaminare le procedure relative al sistema contabile-amministrativo e le tecniche di controllo previste da tali procedure”.

Il Consiglio nazionale - concludono – vuole fornire un ausilio tangibile ai colleghi, considerato che l’adozione e il rispetto di un modus operandi adeguato, oltre ad essere garanzia di efficace svolgimento dell’incarico, mette al riparo il revisore da profili di responsabilità

***

Antimafia, corruzione e nuovi mezzi di contrasto, uno speciale Cndcec -Fnc

Il documento analizza le novità introdotte dalla riforma del d.lgs. n. 159/2011

Pubblichiamo l'introduzione dei Consiglieri Nazionali con delega alle Funzioni Giudiziarie e metodi ADR Valeria Giancola e Giuseppe Tedesco al documento

Lo scorso 27 settembre, a distanza di oltre quatto anni dalla presentazione della proposta di legge d’iniziativa popolare di modifica del codice antimafia, la Camera ha definitivamente concluso, in seconda lettura, il lunghissimo e travagliato iter legislativo che, tra l’altro, affida al Governo una delega per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata.

La legge 17 ottobre 2017, n. 161, recante “Modifiche al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, al codice penale e alle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale e altre disposizioni. Delega al Governo per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate e confiscate”, è entrata in vigore il 19 novembre 2017 e si compone di 38 articoli, suddivisi in 7 capi, che apportano numerose modifiche al c.d. codice antimafia e ad altre disposizioni di legge.

In occasione della recente entrata in vigore della nuova disciplina, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili pubblica questo Speciale sulla riforma, ringraziando per il prezioso contributo gli esperti del settore che hanno collaborato alla stesura del documento.

Questo focus è stato strutturato in quattro distinti moduli e segnatamente:
1) Prospetto di sintesi delle modifiche normative
2) Le innovazioni sui presupposti e sul procedimento per l’applicazione delle misure di prevenzione
3) Le modifiche alla gestione e alla destinazione dei beni - l’ANBSC
4) La tutela dei terzi e i rapporti con le procedure concorsuali

È d’obbligo, per gli inevitabili riflessi che la riforma determina in capo alla “Categoria”, effettuare un breve richiamo al “nuovo” ruolo dell’amministratore giudiziario: il c.d. “effetto Palermo”, che permea la riforma del 2017, incide profondamente sulla figura dell’amministratore giudiziario e, su taluni aspetti, attraverso delle previsioni significativamente criticabili, cui è opportuno accennare.
Emblematiche, in tal senso, le norme che intendono ampliare le categorie di “amministratori giudiziari pubblici” ai funzionari dell’ANBSC e ai dipendenti della società INVITALIA S.p.A., in quest’ultimo caso, allorché ci si trovi al cospetto di gestioni che riguardano “aziende di straordinario interesse socio-economico, tenuto conto della consistenza patrimoniale e del numero degli occupati, o aziende concessionarie pubbliche o che gestiscono pubblici servizi”.

In altre parole, in quelle che verosimilmente potrebbero rilevarsi le ipotesi maggiormente complesse di sequestro e confisca, il legislatore ha optato per affidare la gestione della procedura ad un dipendente pubblico, con le dovute considerazioni da farsi anche in termini di eventuali conflitti di interesse configurabili , anziché ad un libero professionista - qual è, nello specifico, il Commercialista - che, nel proprio patrimonio genetico, vanta particolari competenze nelle materie tributarie, aziendali, finanziarie, nonché relative al diritto di impresa.

Non vi è dubbio che si condivide la necessità di costituire un utile raccordo tra gli amministratori giudiziari e gli altri enti ex lege coinvolti nella procedura, ma tale previsione andrebbe auspicabilmente ripensata nel senso di assegnare al dipendente della INVITALIA S.p.A. il meno gravoso incarico di coadiutore.

Non può essere avallata, inoltre, la nuova formulazione dell’art. 35 del d. lgs. n. 159/2011 (c.d. norma ammazza amministratori) che, relativamente ai criteri di nomina degli amministratori giudiziari, consente agli stessi di assumere incarichi aziendali, ma “comunque non superiori a tre”.

Tale disposizione appare mal formulata ed illogica sotto più profili.
Innanzitutto, seppur si condivide appieno l’esigenza di assicurare la trasparenza nel conferimento degli incarichi, desta molte perplessità la previsione di un meccanismo di nomina che introduce un limite quantitativo al numero degli incarichi senza individuare, piuttosto, un limite qualitativo al cumulo degli stessi, sulla base di criteri quali, a titolo d’esempio, il numero degli incarichi in corso, la tipologia e il valore dei compendi da amministrare.

In secondo luogo, la norma in esame sembrerebbe poco conforme alle prassi dei vari Tribunali che, nell’ambito della medesima procedura di sequestro in danno allo stesso proposto, spesso affidano ad un solo amministratore giudiziario la gestione di più complessi aziendali (e dunque, più incarichi aziendali), al fine di contenere, quanto più possibile, i costi di gestione della procedura.

Infine, l’individuazione di un limite quantitativo potrebbe limitare l’acquisizione di un significativo bagaglio di conoscenze e di un elevato grado di specializzazione, senza dubbio necessari per lo svolgimento dei numerosi e delicati adempimenti richiesti all’amministratore giudiziario.

Non da ultimo, va segnalato l’ulteriore, criticabile, aspetto connesso alla liquidazione dei compensi dell’amministrazione giudiziario, la cui disciplina, declinata nel d.P.R. n. 177/2015, ricalca quella prevista per i compensi in ambito fallimentare, senza tuttavia considerare le significative differenze tra le due procedure, soprattutto in termini di adempimenti e di durata.

Pertanto, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, in veste di rappresentante istituzionale di una Categoria professionale ampiamente coinvolta nella fase di amministrazione e gestione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata, intende dedicarsi, con costante attenzione, all’analisi di tali aspetti, in considerazione anche della necessità di attenzionarli, nuovamente, al legislatore.

***

Cndcec, il Consiglio di disciplina approda a Cagliari

Si svolgerà oggi pomeriggio il corso di formazione “Il rispetto pretende rispetto”, organizzato dall’Ordine dei commercialisti del capoluogo sardo presso il THotel

Il Consiglio di disciplina del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili fa tappa a Cagliari nell’ambito del corso formativo “Il rispetto pretende rispetto”, organizzato dall’Ordine locale della categoria presso il THotel in via dei Giudicati (ore 14-18).
Relatori dell’incontro saranno i componenti del Consiglio di disciplina del CNDCEC: il presidente Remigio Sequi con Maurizio Grosso, Giorgio Luchetta e Francesco Muraca. Ed è proprio il rispetto il filo conduttore dell’impegno etico che vede il Consiglio nazionale di disciplina approdare a Cagliari.
“La deontologia è collante e segno indelebile di una categoria professionale autorevole e severa prima di tutto con se stessa – afferma Giorgio Luchetta, consigliere del CNDCEC delegato alla materia e componente del Consiglio di disciplina nazionale –. Essa caratterizza il percorso di un’intera categoria con più di 500 anni di storia, da sempre al fianco del Paese, linfa vitale di quella spina dorsale che sono gli imprenditori. La deontologia, le sanzioni, la disciplina, lo studio continuo obbligatorio, le scuole di alta formazione, il ruolo di trait d’union tra cittadini ed amministrazione finanziaria meritano una assoluta attenzione da parte delle Istituzioni”.
Sul tema della disciplina e del Codice delle sanzioni disciplinari, in vigore dallo scorso gennaio, il Consiglio nazionale dei commercialisti ha predisposto una guida inviata agli Ordini territoriali della categoria (informativa n. 23/2017) e ai Consigli di disciplina territoriali (informativa n. 61/2017).
Il documento è stato concepito nell’ottica di rafforzare l’attività di supporto agli organi disciplinari, chiamati all’esercizio di una funzione fondamentale per la tutela e la valorizzazione della Professione. Si tratta di un primo strumento operativo per l’attività dei Consigli e dei Collegi di disciplina, corredato da una tabella che individua le sanzioni relative alla violazione di specifiche disposizioni del Codice deontologico.

È per noi imprescindibile – spiega il consigliere Luchetta – promuovere l’immagine della Professione, coniugando la qualità della prestazione professionale alla responsabilità etica, al fine di accrescere la consapevolezza del ruolo che la categoria svolge nella società e avere contezza del riconoscimento di tale ruolo da parte della collettività. La guida è un’ulteriore iniziativa messa in campo dal Consiglio nazionale per sottolineare una volta di più la centralità degli aspetti deontologici nello svolgimento della nostra attività professionale e per ampliare la conoscenza del nostro Codice delle sanzioni”.

(CNDCEC, note del 5 dicembre 2017)

Vincenzo D’Andò