Diario quotidiano del 21 novembre 2017 - Economisti e giuristi insieme: nasce l'associazione d’alleanza strategica tra avvocati, commercialisti e notai

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenze

Indice:

1) Erogazioni ad Onlus confermate per l’anno in corso

2) Agricoltura: per il settore agricolo è in arrivo un esonero contributivo totale

3) Novità fiscali in arrivo nel settore cultura e spettacolo

4) Diritto camerale annuale: è possibile versare entro il 30 novembre 2017 senza sanzioni ed interessi

5) Legge di bilancio 2018: in materia previdenziale i principali interventi riguardano l’APE volontaria e l’APE sociale

6) Assirevi: pubblicata lista di controllo informazioni integrative sulle note ai bilanci redatti secondo gli IAS/IFRS

7) Credito d’imposta Fondazioni bancarie: istituito codice tributo per l’utilizzo in compensazione con modello F24

8) Pubblicato il Rapporto Italia 2017 adottato dal Global Forum dell’OCSE

9) Ecco gli adempimenti fiscali del 2018 da semplificare

10) Cndcec: Nata l’associazione d’alleanza strategica tra avvocati, commercialisti e notai

***

1) Erogazioni ad Onlus confermate per l’anno in corso
Regole confermate per l’anno in corso. Le nuove regole su detrazioni e deduzioni previste dal Codice del terzo settore scatteranno solo dal 2018, con effetti quindi sulle dichiarazioni 2019. Lo prevede il maxi-emendamento al cd. decreto fiscale, approvato dal senato il 16 dicembre 2017.
Dunque, per il 2017, si potrà continuare a scomputare dalla propria base imponibile le somme donate, fino a un massimo del 10% del reddito dichiarato (e comunque nella misura massima di 70 mila euro annui).
Con l’inserimento del nuovo articolo 5-bis viene stabilito che le attuali agevolazioni per le liberalità a favore di onlus e associazioni di promozione sociale continuano ad applicarsi fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2017. Inclusa la facoltà, per le persone fisiche, di scegliere in alternativa la detrazione Irpef del 26% sulle erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore ai 30 mila euro annui.
Il D.lgs. n. 117/2017, recante il Codice del terzo settore, ha invece previsto un restyling degli sconti fiscali per chi effettua elargizioni a favore degli enti non profit. In particolare, i contribuenti potranno contare su una detrazione Irpef pari al 30% delle donazioni (in denaro, purché effettuate con modalità tracciabili, o in natura), fino a un tetto agevolabile di 30 mila euro annui. Lo sgravio sale poi al 35% per le erogazioni a favore delle organizzazioni di volontariato iscritte nell’apposita sezione del Registro unico nazionale del terzo settore. Enti e società potranno avvalersi della deduzione ai fini Ires fino al 10% del reddito dichiarato, senza più alcun limite quantitativo. Con la possibilità, peraltro, di riportare in avanti le eventuali eccedenze indeducibili, al fine di utilizzarle entro i quattro esercizi successivi.

Cinque per mille
Si estende la platea dei beneficiari del 5 per mille. A partire dal 2018 i cittadini potranno scegliere di donare una quota della propria Irpef anche agli enti gestori delle aree naturali protette. Si tratta degli Enti parco, disciplinati dalla legge n. 394/1991 e sottoposti alla vigilanza del ministero dell’ambiente. Sarà proprio tale dicastero a dover redigere il Dpcm attuativo, di concerto con il Mef, che palazzo Chigi dovrà emanare entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge. Il decreto dovrà stabilire le modalità di accesso al contributo e i criteri per la formazione degli elenchi dei beneficiari.
In atto i contribuenti possono decidere di erogare il proprio 5 per mille a diverse tipologie di enti beneficiari: Mondo del volontariato (onlus, coop sociali, ong, associazioni di promozione sociale, fondazioni riconosciute), enti della ricerca scientifica e dell’università, enti della ricerca sanitaria e associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal Coni. Inoltre, il contribuente può destinare il 5 per mille anche al comune di residenza, a sostegno delle attività sociali del municipio.

******

2) Agricoltura: per il settore agricolo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it