I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) - Diario quotidiano del 30 ottobre 2017

 

1) Nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA): obblighi dei contribuenti e regime premiale

2) Impresa familiare: il reddito va imputato in proporzione alla quota di partecipazione del convivente di fatto

3) ACE: l’interpello 2016 da presentare fino al 31 ottobre 2017

4) Iscrizione nell’elenco dei revisori enti locali: domanda di mantenimento dal 2018

5) Concordato preventivo: modello per le comunicazioni periodiche

6) Legge 104/92: trasferimento possibile solo con il consenso del lavoratore

7) Niente esenzione Iva per il bridge duplicato, non è uno sport

8) Prestazioni occasionali: regole dell’Inps

9) L’Ape volontario: analisi del DPCM

10) Commissione europea: ecco le nuove proposte di lavoro per il 2018

***
1) Nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA): obblighi dei contribuenti e regime premiale
I contribuenti a cui verrà assegnato il “bollino verde”, poiché considerati affidabili, riceveranno dal fisco alcuni particolari benefici che potrebbero risultare decisivi ai fini dell’emersione spontanea di “materia imponibile”.
Viceversa, coloro che risulteranno fuori da tali nuovi indici verranno inseriti nelle liste dei contribuenti da controllare in via prioritaria, rispetto ai primi.
Dunque, per i contribuenti con “bollino verde” modi e tempi di accertamento fiscale si restringono notevolmente.
L’art. 9-bis, D.L. 24.4.2017, n. 50, conv. con modif. dalla L. 21.6.2017, 96 (cd. “Manovra correttiva”) ha previsto l’istituzione e l’elaborazione graduale degli indici sintetici di affidabilità fiscale (cd. ISA) per gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni, al fine di sostituire gradualmente gli studi di settore, di favorire l’emersione spontanea dei redditi imponibili, di stimolare l’assolvimento spontaneo degli obblighi tributari e di rafforzare la collaborazione tra l’Amministrazione finanziaria ed i contribuenti, anche attraverso l’utilizzo di forme di comunicazione preventiva rispetto alle scadenze fiscali.
In attuazione della predetta norma, l’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n. 191552 del 22.9.2017, ha individuato i primi 70 indici sintetici di affidabilità che dovranno essere elaborati entro la fine di quest’anno e che potranno essere già applicati, a seguito di approvazione con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, da una platea di circa 1,4 milioni di contribuenti, a decorrere dal periodo d’imposta 2017 nel Modello Redditi 2018, in luogo degli studi di settore.
I contribuenti che risulteranno “affidabili” agli ISA avranno accesso a significativi benefici premiali, tra cui l’impossibilità di subire accertamenti analitico-induttivi, termini di decadenza più brevi per il potere di accertamento e l’esonero, entro determinati limiti, dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti d’imposta.
Gli altri Isa saranno verranno, invece, individuati entro gennaio 2018 e poi elaborati nel corso dello stesso anno, per coinvolgere, a regime, circa 4 milioni di operatori economici, che rappresentano l’intera platea stimata dei soggetti interessati dagli studi di settore.
Pertanto, a regime, dal 2018 imprese e professionisti adotteranno la metodologia statistico-economica al fine di stabilire il grado di affidabilità e di compliance, misurato in base ad una scala da 1 a 10.
Come accennato, i contribuenti che saranno “affidabili” agli ISA (“bollino verde”) avranno accesso a significativi benefici premiali, tra cui l’esclusione dagli accertamenti di tipo analitico-presuntivo, la limitata applicazione degli accertamenti basati sulla determinazione sintetica del reddito, la riduzione dei termini per l’accertamento e l’esonero, entro i limiti previsti, dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti d’imposta ovvero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi Iva per un importo non superiore a…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it