Diario quotidiano del 27 luglio 2017: tutte le proroghe fiscali del giorno, al 20 agosto e 31 ottobre 2017... che ansia!

1) Interessi sui ritardati pagamenti: confermata la misura del tasso di mora

2) Scissione dei pagamenti IVA – D.l. n. 50/2017 – ecco gli elenchi definitivi

3) Dl Mezzogiorno in Senato

4) La proroga dei versamenti d’imposta non condiziona necessariamente il ricalcolo delle rate

5) Processo tributario: ecco quando sono consentite le notifiche a mezzo posta elettronica certificata

6) Fondo di solidarietà del credito cooperativo: criteri di precedenza per le prestazioni di assegno ordinario

7) Ecco quando possono prodursi documenti in appello

8) MISE: Faq nuova Sabatini aggiornate

9) Modelli 770/2017 e modelli Redditi 2017 si presentano entro il 31 ottobre

10) Proroga 770/2017, tutto ok è alla firma il DPCM, ma che ansia

****
1) Interessi sui ritardati pagamenti: confermata la misura del tasso di mora
Confermata, all’8% anche per il secondo semestre 2017, la percentuale degli interessi di mora da applicare ai ritardati pagamenti, che dal 14 giugno 2017 si applica anche nei confronti di tutti i lavoratori autonomi. È stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 171 del 24 luglio 2017, il comunicato del Ministero dell’Economia e Finanze che ha confermato il tasso di riferimento dello 0%, al quale vanno aumentati 8 punti percentuali per determinare il tasso annuale di mora.
Comunicato (G.U. n. 171 del 24-7-2017)
Saggio degli interessi da applicare a favore del creditore nei casi di ritardo nei pagamenti nelle transazioni commerciali.
Ai sensi dell’art. 5 del decreto legislativo n. 231/2002, come modificato dalla lettera e) del comma 1 dell’art. 1 del decreto legislativo n. 192/2012, si comunica che per il periodo 1° luglio – 31 dicembre 2017 il tasso di riferimento é pari allo 0 per cento.
******
2) Scissione dei pagamenti IVA – D.L. n. 50/2017 – ecco gli elenchi definitivi
Il 26 luglio 2017, il Ministero dell’Economia e Finanze ha pubblicato gli elenchi definitivi per l’anno 2017 delle società controllate da pubbliche amministrazioni centrali e locali, nonché delle società quotate incluse nell’indice FTSE MIB, che tengono conto delle segnalazioni pervenute a seguito delle informazioni divulgate lo scorso 14 luglio 2017.
Scissione dei pagamenti – d.l. n. 50/2017 – Elenchi definitivi
Si pubblicano, anche alla luce delle segnalazioni pervenute a seguito delle informazioni divulgate su questo sito lo scorso 14 luglio 2017, gli elenchi definitivi per l’anno 2017 dei soggetti tenuti all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti di cui all’articolo 17-ter del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, come modificato dall’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96.
Il Mef conferma che il Dipartimento delle finanze non provvede alla pubblicazione dell’elenco delle pubbliche amministrazioni tenute ad applicare la normativa sulla scissione dei pagamenti, dato che il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 13 luglio 2017, che ha modificato l’articolo 5-bis del decreto del 23 gennaio 2015 (introdotto dal decreto del 27 giugno 2017), ha stabilito che detta normativa si applica alle amministrazioni destinatarie della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria di cui all’articolo 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.
Pertanto per un elenco delle pubbliche amministrazioni occorre fare riferimento all’elenco (cd. elenco IPA) pubblicato sul sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (www.indicepa.gov.it); nell’utilizzo di detto elenco non vanno considerati i soggetti classificati nella categoria dei “Gestori di pubblici servizi”, in quanto si tratta di soggetti che non rientrano nell’ambito della citata disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria di cui all’articolo 1, comma 209, della legge n. 244/2007.
Viene precisato che le società controllate da pubbliche amministrazioni centrali o …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it