Rassegna di giurisprudenza tributaria del mese di Maggio 2017: altri casi sulla debenza IRAP

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 1 giugno 2017

continuiamo a trattare sentenze che trattano della debenza dell'IRAP, argomento caldo in vista della campagna di dichiarazione dei redditi 2017: lo studio associato, la società semplice e l'impresa familiare

Processo_TributarioProsegue il nostro cammino tra le sentenze ultimamente pubblicate che affrontano il tema della debenza dell'Irap.

In questa puntata segnaliamo, tra l’altro, anche delle interessanti motivazioni alla base della condanna alle spese dell’Agenzia delle Entrate, nonché alla base della compensazione delle stesse, a conferma di quanto il tema Irap sia per certi casi, del tutto inequivocabile, e per altri, di solo recente soluzione.

Sempre tassate le società semplici e gli studi associati

Presupposto dell'imposta regionale sulle attività produttive è l'esercizio abituale di un'attività autonomamente organizzata diretta alla produzione e allo scambio ovvero alla prestazione di servizi; ma quando l'attività è esercitata dalle società e dagli enti, che siano soggetti passivi dell'imposta a norma del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, art. 3, comprese quindi le società semplici e le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l'esercizio in forma associata di arti e professioni - essa, in quanto esercitata da tali soggetti, strutturalmente organizzati per la forma nella quale l'attività è svolta, costituisce ex lege, in ogni caso, presupposto d'imposta, dovendosi perciò escludere la necessità di ogni accertamento in ordine alla sussistenza dell'autonoma organizzazione. La non univocità dei precedenti giurisprudenziali sul punto giustifica la compensazione delle spese dell'intero giudizio.

(Cassazione, SS.UU. civili, sentenza 7371/2016)

L'Irap senza sanzioni per obiettiva incertezza della norma

E' stato affermato che l'incertezza giuridicamente rilevante è quella, di carattere obiettivo, concernente le norme tributarie, la cui violazione da parte del contribuente, determina l'emissione dell'avviso di accertamento e l'irrogazione delle sanzioni (Cass. n. 11096/2011). Si è, altresì, ritenuto sussistere tale incertezza, quando il complesso normativo di riferimento si articoli in una pluralità di prescrizioni, il cui coordinamento si riveli concettualmente difficoltoso, a causa della relativa equivocità (Cass. n. 22252/2011) ed, in applicazione di tali principi, si è rilevato, in particolare, che la questione relativa alla rilevanza impositiva IRAP del reddito professionale, è stata oggetto di articolato e compless