Diario quotidiano del 29 giugno 2017: un riassunto della riforma del Terzo Settore

1) Condomini: entro il 30 giugno 2017 si versano le ritenute cumulative

2) Non profit: ecco tutte le novità in arrivo sul Terzo settore

3) Gli associati non sono soggetti all’INAIL

4) Favor rei applicabile in automatico

5) Antiriciclaggio: le nuove sanzioni saranno in vigore dal 4 luglio 2017

6) Con il possesso dell’auto storica, ok al redditometro

7) La notifica della cartella, via PEC, è comunque valida se il contribuente ne abbia compreso il contenuto

8) Dal 1° luglio 2017 con il modello F24 ELIDE si pagano le imposte e tasse ipotecarie, oltre ai tributi speciali

9) Le nuove prestazioni occasionali non interessano quelle disciplinate dall’art. 2222 c.c.

10) Mobilità in deroga con accertamento di sostenibilità finanziaria

*****
1) Condomini: entro il 30 giugno 2017 si versano le ritenute cumulative
Scade domani (30 giugno 2017) il nuovo adempimento, introdotto dalla legge di Bilancio 2017 per i condomini, tenuti in ogni caso al versamento della ritenuta d’acconto anche quando l’ammontare dell’importo del pagamento dei corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi non è superiore a 500 euro. Al fine di evitare l’applicazione di sanzioni amministrative, il pagamento deve essere eseguito con modalità tracciabili o mediante conti correnti bancari o postali, ovvero mediante altre modalità che consentano il controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria.
Il condominio, in qualità di sostituto d’imposta, è tenuto a operare, al momento del pagamento, una ritenuta del 4% a titolo di acconto dell’imposta dovuta sui corrispettivi, per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi effettuate nell’esercizio di impresa. La ritenuta, generalmente, va versata con F24 entro il 16 del mese successivo a quello in cui è stata effettuata.
Con un’aggiunta all’articolo 25-ter del Dpr 600/73, la legge di Bilancio 2017 (articolo 1, comma 36) ha previsto, dal 1° gennaio 2017, che il versamento della ritenuta non va più effettuato entro il 16 del mese successivo se l’importo da versare per uno specifico condominio è al di sotto di 500 euro. Quindi, se l’importo delle ritenute è inferiore a tale soglia, il versamento dovrà essere effettuato entro il 30 giugno e il 20 dicembre. In caso di superamento del limite, invece, il versamento rimane al 16 del mese successivo a quello di effettuazione della ritenuta.
L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 8/E del 7 aprile 2017 (punto 2), ha spiegato che per calcolare la soglia si devono sommare mese dopo mese le ritenute e pagarle nel primo mese successivo a quello in cui la soglia viene superata. Ad es., se a febbraio sono state effettuate ritenute per 400 euro e a marzo altre ritenute per 400 euro, il totale di 800 euro supera la soglia e fa scattare il versamento entro il 16 aprile.
Ultimo aspetto chiarito riguarda l’obbligatorietà o meno delle nuove tempistiche di versamento. Le Entrate spiegano che il condominio può tranquillamente continuare a effettuare il pagamento delle ritenute (anche se di importo inferiore a 500 euro) secondo le scadenze ordinarie, senza incorrere in sanzioni.
Invece, non è stato ancora chiarito quale periodo vada indicato nel modello F24. Ciò poiché dai successivi controlli automatizzati sui modelli F24 potrebbero poi arrivare ai contribuenti sanzioni che, invero, non sono dovute. Certo che se l’ultima ritenuta versata sia relativa al mese di maggio, sicuramente indicando, come mese, il dato 05, anche formalmente il modello F24 sarebbe immune dai successivi controlli automatizzati.
Tuttavia, c’è chi sostiene che le ritenute, anche se sotto 500 euro, vadano indicate nel modello F24 cumulativo, in maniera analitica, mese per mese.
Quindi, ad esempio nel modello F24 da presentare entro il 30 giugno 2017, si esporrebbero i dati nel modo seguente (utilizzando, quindi, tre righi):
(Come è noto, i codici con riferimento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it