Diario quotidiano del 2 maggio 2017 – Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni

Pubblicato il 2 maggio 2017

1) Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: chiarimenti nella nuova circolare delle Entrate
2) Verifiche fiscali senza tempi
3) CNDCEC: software per trasmissione liquidazioni periodiche IVA
4) La Cassa di previdenza pretende il versamento dei contributi anche dal professionista cancellato
5) Contrasto all’evasione internazionale: parte il progetto “Fostering tax transparency”
6) Assistenza del Fisco “on the road” sulla precompilata
7) Attività di accertamento: circolare Entrate su come ridurre in dichiarazione le perdite utilizzate
8) Welfare: interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici
9) “Prelevometro”: lavoratori autonomi doppiamente tutelati
10) Anche i trust “opachi” vanno assoggettati a tassazione
diario-quotidiano-articoli-71) Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: chiarimenti nella circolare delle Entrate 2) Verifiche fiscali senza tempi 3) CNDCEC: software per trasmissione liquidazioni periodiche IVA 4) La Cassa di previdenza pretende il versamento dei contributi anche dal professionista cancellato 5) Contrasto all’evasione internazionale: parte il progetto “Fostering tax transparency” 6) Assistenza del Fisco “on the road” sulla precompilata 7) Attività di accertamento: circolare Entrate su come ridurre in dichiarazione le perdite utilizzate 8) Welfare: interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici 9) “Prelevometro”: lavoratori autonomi doppiamente tutelati 10) Anche i trust “opachi” vanno assoggettati a tassazione *****

1) Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: chiarimenti nella circolare delle Entrate

Pubblicata la circolare n. 14/E del 27 aprile 2017 sulla ennesima opportunità della rivalutazione.

I chiarimenti in una circolare delle Entrate: Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni

La circolare è stata accompagnata dal comunicato n. 98 del 27 aprile 2017, con cui la stessa Agenzia delle entrate ha offerto la sintesi dei contenuti.

La rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni per i soggetti che non adottano i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio deve essere eseguita nel bilancio o rendiconto relativo all’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2015. Dunque, l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti in merito alla disciplina della rivalutazione dei beni d’impresa (ad esclusione degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa) e delle partecipazioni per i soggetti non Ias/Ifrs.

La legge di bilancio ha reintrodotto questa disciplina con alcune novità che riguardano il bilancio in cui individuare i beni rivalutabili, ossia quello relativo all’esercizio in corso alla data del 31 dicembre 2015 e il bilancio in cui deve essere eseguita la rivalutazione, ossia il bilancio relativo all’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2015.

Chi può procedere alla rivalutazione

I soggetti che possono effettuare la rivalutazione sono quelli che non adottano i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio di esercizio. Sono ammesse alla rivalutazione anche le società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate, le imprese individuali e le società di persone in contabilità semplificata. Sono inclusi, inoltre, i soggetti in contabilità ordinaria e quelli che fruiscono di regimi semplificati di contabilità.

Su quali beni si applica la rivalutazione

Possono formare oggetto di rivalutazione i beni d’impresa, con esclusione degli immobili alla cui produzione e al cui scambio è diretta l’attività di impresa e anche le partecipazioni in società controllate e collegate. Rientrano anche i beni completamente ammortizzati e le immobilizzazioni in corso risultanti dall’attivo dello stato patrimoniale del bilancio relativo all’esercizio in corso alla data del 31 dicembre 2015. Per poter effettuare la rivalutazione è necessario che i beni e le partecipazioni siano iscritti sia nel bilancio relativo all’esercizio in corso al 31 dicembre 2015 sia nel bilancio relativo all’esercizio successivo.

L’affrancamento del saldo attivo e il riallineamento

Contemporaneamente alla rivalutazione, è possibile effettuare l’affrancamento del saldo attivo di rivalutazione tramite il pagamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, dell’Irap e di eventuali addizionali nella misura del 10%. L’affrancamento non produce effetti sul differimento del riconoscimento fiscale del maggior valore iscritto in bilancio sui beni in conseguenza della rivalutazione. Con il riallineamento è possibile, invece, adeguare i valori fiscali ai maggiori valori dei beni relativi all’impresa che risultano iscritti nel bilancio relativo all’esercizio chiuso entro il 31 dicembre 2015. La disciplina del riallineamento può essere utilizzata anche congiuntamente alla rivalutazione del bene; con il riallineamento si ottiene il riconoscimento fiscale del maggior valore del bene risultante dal bilancio, mentre, con la rivalutazione, si realizza l’ulteriore incremento di questo valore con effetti sia civili che fiscali. La legge di bilancio ha esteso anche ai soggetti che utilizzano i principi contabili internazio