Il risotto al prosecco del Commercialista gastronomico


ctcommercialistagastronomicoQuesto sabato proponiamo un piatto tipico della cucina veneta che fonde due ingredienti tradizionali il riso (nella qualità vialone nano) e il prosecco di Valdobbiadene. Seguiamo l’antico detto: “il riso nasce nell’acqua e muore nel vino”.

Nel Veneto la storia del riso risale al XVI secolo: questo cereale fu importato dal Medio Oriente dai mercanti della Repubblica di Venezia e fu messo a coltura nelle zone “acquitrinose” della regione adatte alla coltura di tale cereale. La variante principe nel Veneto è il vialone nano.

Il Prosecco di Valdobbiadene è un’eccellenza vinicola italiana nota in tutto il mondo. E’ un ottimo vino spumante prodotto esclusivamente nella zona collinare fra Valdobbiadene e Vittorio Veneto, che usa come vitigno principale il glera (almeno l’85% abbinabile ad altre uve in minor proporzione).

Il risotto che proponiamo oggi quindi parte da ingredienti tipici del Veneto per sposarli insieme.

Risotto croccante al Prosecco

INGREDIENTI Per 4 persone

350 g di riso vialone nano

1 scalogno

2 bicchieri di Prosecco

50 g di burro

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

3 cucchiai di grana padano

600 ml di brodo

Sale e pepe q.b.

Preparazione delle scaglie di grana

Mettere della carta da forno in una teglia, sopra stendere 2 cucchiai di grana padano e mettere in forno preriscaldato a 200 gradi, in pochi minuti avrete una cialda dorata e croccante. Una volta raffreddata rompetela a scaglie.

Preparazione del risotto

Affettate finemente lo scalogno, fatelo soffriggere in una pentola con l’olio e 20 g di burro, aggiungete il riso, tostate il tutto a fiamma vivace per pochi istanti girandolo spesso e stando attenti a non farlo bruciare. Continuate la cottura abbassando la fiamma ed aggiungendo un bicchiere di prosecco; una volta evaporato regolate il sapore con un pizzico di sale e pepe. Proseguite sino a cottura aggiungendo il brodo caldo un po’ per volta ed in fine un ultimo bicchiere di prosecco. Appena prima del termine della cottura, mantecate il riso con il burro rimasto ed un cucchiaio di grana padano.

Servire con le scaglie di grana preparate in precedenza e se vi piace con del altro pepe, a tavola ovviamente non deve mancare una buona bottiglia di prosecco.

Nota

Se si vuole aggiungere una nota di croccantezza in più, aggiungete 50 grammi di arachidi non salate, sbriciolate molto grossolanamente, al riso in fase di tostatura.

Bibendum

Ovviamente suggeriamo di pasteggiare a Prosecco.

8 aprile 2017

Valeria Nicoletti e Luca Bianchi


Partecipa alla discussione sul forum.